Neoschiavitù, mortalità, malattie al lavoro (e fuori)

Da Contropiano  di Salvatore Palidda (sociologo università di Sv )

I morti sul lavoro o per il lavoro o dal lavoro sono molti di più ma non sono riconosciuti tali dalle statistiche.
1) Nonostante ci dicano che oggi si muore di meno – perché le grandi e medie industrie insieme alla produzione ovviamente hanno delocalizzato la mortalità nei “Paesi terzi” – in proporzione l’insicurezza sul lavoro è aumentata (più incidenti e più malattie) …
2) la causa principale di questo è il neoliberismo ossia l’ossessione di aumentare la produttività e quindi il profitto a tutti i costi cioè sulla pelle di chiunque dentro e fuori dai luoghi di lavoro …
3) sulla carta abbiamo un’ottima legge per la sicurezza sul lavoro con misure e dispositivi di sicurezza che teoricamente dovrebbero prevenire tutto … ma nulla funziona perché se funzionasse si rallenterebbe la produttività;
allora i dispositivi sono spenti e se qualche lavoratore reclama sicurezza rischia il posto, comincia a essere oggetto di mobbing, persecuzione ecc.
4) come dicono tanti lavoratori (nel 2008 abbiamo raccolto le testimonianze di circa 500 lavoratori in Liguria e soprattutto a Genova in diverse attività) «SIAMO IN GUERRA … la mattina vai al lavoro e sembra di andare al fronte … non si sa se la sera torni»; ma spesso “le autorità” pretendono dare la colpa ai lavoratori che accusano di comportamenti malsani, di non rispettare le misure di sicurezza o di essere ignoranti alimentando anche il razzismo con l’accusa agli immigrati di lavorare come “selvaggi”
5) tanti incidenti sul lavoro e tante malattie sono dovute alle attività in nero che in maggioranza non sono nel Sud ma proprio nei feudi dei fascisti, razzisti e mafiosi della Lega e delle destre: vedi per esempio la Valle della gomma
-Sebino (http://www.la7.it/piazzapulita/video/lo-sfruttamento-nella-valle-della-gomma-21-03-2018-237090;
http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/17_settembre_07/al-lavoro-balconi-garage-cortili-nero-valle-gommabergamo-af15168e-9397-11e7-8bb4-7facc48f24a3.shtml)
o i cantieri edili a Milano (http://ricerca.repubblica.it
/repubblica/archivio/repubblica/2002/07/11/mafia-padana-organizzata-feroce.html?ref=search).

Ma anche nel Lazio dove le destre mafiose attaccano anche il sociologo Marco Omizzolo (della cooperativa In Migrazione) che da anni denuncia e organizza la resistenza dei neo-schiavi indiani del caporalato locale. Oppure nel ragusano dove le donne sono schiavizzate anche sessualmente e costrette a continui aborti http://espresso.repubblica.it/inchieste/2017/06
/30/news/sfruttamento-stupri-e-aborti-le-braccianti-rumene-in-sicilia-continuano-a-vivere-come-schiave1.305380).
O ancora a Rignano (http://effimera.org/lordine-regna-rignano-salvatore-palidda/), in Puglia e in molte altre zone (cfr le ricerche di Leogrande, Sciurba, Sacchetto, Perrotta, Ormizzolo e altri: Si veda una lista parziale dei riferimenti a ricerche e reportage alla fine di questo testo.
SI MUORE DENTRO E FUORI DAI LUOGHI DI LAVORO: l’insicurezza non è solo dei lavoratori ma di tutti e la lotta contro essa deve essere di lavoratori e della popolazione.
6) la contrapposizione fra diritto al lavoro e diritto alla vita è una delle più criminali infamie neoliberiste: è provocata per contrapporre lavoratori e popolazione e quindi occultare che la mortalità dentro e fuori i luoghi di lavoro, gli incidenti e le malattie professionali sono crimini contro l’umanità di cui sono responsabili le lobby, il padronato e le autorità politiche che lo permettono smantellando anche le agenzie di controllo e prevenzione, rendendole incapaci

7) mentre il discorso strumentale sulla sicurezza sparla di terrorismo, di criminalità in termini strumentali e di guerra alle migrazioni e ai poveri (distrazione di massa) si occultano le insicurezze che colpiscono di più la maggioranza della popolazione: solo una minoranza dei decessi sono da “morte naturale”, la stragrande maggioranza è per malattie provocate da contaminazioni tossiche di cui sono responsabili sempre le lobby, il padronato e le autorità politiche locali, nazionali ed europee, nonché da disastri ambientali sempre provocati dagli stessi come gli incidenti sul lavoro.
Infine, è assai emblematico che durante e dopo la campagna elettorale quasi nessuno abbia denunciato questi crimini Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti: per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l’informativa
estesa sui cookie. All’interno del sito è sempre presente un link all’informativa stessa. Proseguendo con la navigazione si accetta la cookie policy del sito. Informativa sui Cookie Ho capito Neoschiavitù, mortalità, malattie al lavoro (e fuori) | Contropiano http://contropiano.org/documenti/2018/04/15/neoschiavitu-morta…
1 di 6 15/04/18, 15:02
contro l’umanità (che non ha alcuna tutela). Nessuno dice che i feudi elettorali delle destre e in particolare della Lega – ma anche di una parte del PD – si nutrono del lavoro nero degli immigrati contro cui vomitano razzismo colonialista appunto perché li vogliono solo come schiavi e mai con pari diritti.
Alcuni riferimenti a studi e reportage:
FILLEA-CGIL, FENEA-UIL, FILCA-CIS, RAI DUE “I cantieri edili di Milano visti dalla TV”. VHS, 2000; Cantieri edili a  Milano:http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2002/07/11/mafia-padanaorganizzata-feroce.html?ref=searchdi agire o alla mercé della corruzione …

CGIL Lavoro minorile / Libro-inchiesta, 2005, http://www.cgil.it/documenti/lavoro-minorile; Foschini, G. et
Pleuteri, L. 2006. “Quei 119 spariti dalla Polonia e adesso scomparsi in Puglia”:http://www.repubblica.it/2006/09
/sezioni/cronaca/scomparsi-polonia/scomparsi-polonia/scomparsi-polonia.html;
“Il tempo delle arance: immigrati e apartheid a Rosarno” – Parte 1 di 3http://www.youtube.com
/watch?v=mRY49ue5ZL0;
Leogrande, A. 2008. Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del sud. Milano, Mondadori;
Leogrande, A. 2009. I desaparecidos polacchi nei campi di pomodoro del Tavoliere delle Puglie (28
gennaio) http://www.unita.it/italia/i-desaparecidos-polacchi-nei-campi-di-pomodoro-del-tavoliere-delle-puglie1.26660;
http://www.meltingpot.org/Clandestini-ecco-il-business-di-Salvatore-Palidda.html#.WL03VxAnvbE;
Incidenti e malattie professionali: cosa ne pensano i lavoratori (Liguria):https://www.youtube.com/watch?v=-
fKehubRd_M
Minacce al sociologo anti caporalato (Marco Ormizzolo):http://www.radiopopolare.it/2018/03/caporalato-omizzolominacce-lazio-braccianti/;https://www.zeroviolenza.it/archivio-news/item/67277-marco-omizzolo;
Giustizia per i
lavoratori sikh;Assassinio di 13 bambini eritrei; Sfruttati a tempo indeterminato; Precarietà del lavoro, precarietà
della vita; Razzismo di Stato
Valle della gomma-Sebino: http://www.la7.it/piazzapulita/video/lo-sfruttamento-nella-valle-della-gomma21-03-2018-237090;
http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/17_settembre_07/al-lavoro-balconi-garage-cortilinero-valle-gomma-bergamo-af15168e-9397-11e7-8bb4-7facc48f24a3.shtml)
Fo, D. & F. Cazacu (a cura di) Un uomo bruciato vivo. Storia di Ion Cazacu. Milano, Chiarelettere,
2015; http://isfoloa.isfol.it/bitstream/123456789/120/1/Iadevaia_Mainardi_Lavoro%20sommerso.pdf;http:
//www.lavoroediritti.com/2010/06/save-the-children-500-mila-bambini-lavoratori-anche-in-italia/
Sciurba, A. e Carnemolla, D. 2013. “Due volte sfruttate. Le donne rumene nella “fascia trasformata” del ragusano”, http://www.meltingpot.org
/Due-volte-sfruttate-Le-donne-rumene-nella-fascia.html#.VNdsu2SG83I;http://isfoloa.isfol.it/bitstream/123456789
/120/1/Iadevaia_Mainardi_Lavoro%20sommerso.pdf;Mangano, A. 2014. “Violentate nel silenzio dei campi

CGIL Lavoro minorile / Libro-inchiesta, 2005, http://www.cgil.it/documenti/lavoro-minorile; Foschini, G. et
Pleuteri, L. 2006. “Quei 119 spariti dalla Polonia e adesso scomparsi in Puglia”:http://www.repubblica.it/2006/09
/sezioni/cronaca/scomparsi-polonia/scomparsi-polonia/scomparsi-polonia.html;
“Il tempo delle arance: immigrati e apartheid a Rosarno” – Parte 1 di 3http://www.youtube.com
/watch?v=mRY49ue5ZL0;
Leogrande, A. 2008. Uomini e caporali. Viaggio tra i nuovi schiavi nelle campagne del sud. Milano, Mondadori;
Leogrande, A. 2009. I desaparecidos polacchi nei campi di pomodoro del Tavoliere delle Puglie (28
gennaio) http://www.unita.it/italia/i-desaparecidos-polacchi-nei-campi-di-pomodoro-del-tavoliere-delle-puglie1.26660;
http://www.meltingpot.org/Clandestini-ecco-il-business-di-Salvatore-Palidda.html#.WL03VxAnvbE;
Incidenti e malattie professionali: cosa ne pensano i lavoratori (Liguria):https://www.youtube.com/watch?v=-
fKehubRd_M
Minacce al sociologo anti caporalato (Marco Ormizzolo):http://www.radiopopolare.it/2018/03/caporalato-omizzolominacce-lazio-braccianti/;https://www.zeroviolenza.it/archivio-news/item/67277-marco-omizzolo;
Giustizia per i
lavoratori sikh;Assassinio di 13 bambini eritrei; Sfruttati a tempo indeterminato; Precarietà del lavoro, precarietà
della vita; Razzismo di Stato
Valle della gomma-Sebino: http://www.la7.it/piazzapulita/video/lo-sfruttamento-nella-valle-della-gomma21-03-2018-237090;
http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/17_settembre_07/al-lavoro-balconi-garage-cortilinero-valle-gomma-bergamo-af15168e-9397-11e7-8bb4-7facc48f24a3.shtml)
Fo, D. & F. Cazacu (a cura di) Un uomo bruciato vivo. Storia di Ion Cazacu. Milano, Chiarelettere,
2015; http://isfoloa.isfol.it/bitstream/123456789/120/1/Iadevaia_Mainardi_Lavoro%20sommerso.pdf;http:
//www.lavoroediritti.com/2010/06/save-the-children-500-mila-bambini-lavoratori-anche-in-italia/

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...