Ansia

Annaspa cercando un respiro

il polmone del tempo,

chiuso nel magazzino del buio,

fuggito dove la notte abita il brivido.

Spazza il cielo il volo rapace della luce

cosi che il reale viva.

Gocce di sudori, tremiti di umori

aprono i pori dilatati

delle voglie insoddisfatte.

Sento pulsare bocche che premono fatica di esistere….

tu miele spalmato sul mio vestire il niente.

 

DIRITTI RISERVATI, GIANNI GATTI, @ COPYRIGHT. 16 Maggio 2018.

Ogni poesia può essere riprodotta citando fonte ed autore .

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...