Siamo circondati arrendiamoci !

Non è un periodo di allegria!

Perchè?
Sino a prima delle elezioni qualche mese fa c’era il nemico al comando della politica nello stato e nella società, schierato con tutte le sue forze, vincevano lobby ed interessi nazionali ed internazionali nella logica più banale dello scorrere del tempo del capitalismo finanziario. C’era una opposizione niente affatto ben definita , anzi disgregata, ma ancora che si faceva sentire a tratti in varie forme, bucava sul lavoro complessivo di regime della comunicazione .
Oggi cosa abbiamo?

Una quota consistente di quella opposizione è diventata stato con un doppio salto mortale aggregandosi col famoso “contratto di governo” a Salvini ed alla Lega, una cosa un pò contronatura, ma giudicata l’unico modo possibile anche dai militanti del M5S .
Arriviamo ad oggi dopo alcuni mesi si sviluppa il regno della confusione e della depressione percepita (a parte i fedeli assoluti e acritici). La Lega di Salvini non ha come priorità e neppure con lungimiranza l’obiettivo di cambiare questo mondo, ma al massimo di riequilibrare storture, renderlo più efficiente, ridisegnare regole senza modificare l’impostazione sociale, fare gli interessi dei piccoli imprenditori del ceto medio. I suoi esponenti più in vista vengono da vent’anni di amministrazione del potere in tandem con il Belusca con fascisti e altri reclame della dc finanziaria europea. Vengono da inciuci con quote di potere reale, gli Zaia, i Maroni, da anni gestiscono regioni dando esempi sui territori del loro ideale di crescita dopo anni di appoggio ai grandi produttori agricoli di latte, poi lentamente diventato amore per la piccola-media impresa. La loro concretezza materialistica e pragmatica nonostante Salvini li ha messi in grado di tessere, dall’interno di questo governo relazioni e alleanze (non per le masse, ma come sistemi di potere politico) Erdogan, Orban, il tentativo di egemonia sul grande gruppo europeo della destra strutturato e possibile nella sua efficacia ideologica  .
Insomma la Lega al di là di chiudere i porti e presenziare a talk show oltre che vernissage televisivi dà l’idea di un gruppo coeso, organizzato che lancia slogan che il suo pubblico entusiasta chiede e poco più. Il progetto di occupazione delle varie cariche, dei ripulisti delle varie aziende strategiche, delle partecipate ha un chiaro ed esplicito indirizzo. Così i furbi hanno messo vicepresidenti di loro mandato a fianco del caciarone Antoninelli per smorzare l’impatto.
Non sono solo i media a spingere con calcolata comunicazione le meraviglie dei padani, il loro successo è evidente, Salvini sembra il vero capo di questo governo lo vedono tutti.
Ahi Ahi ma il M5S ?
Acqua alta come a Venezia, tante idee anche interessanti, esplosioni di pancia genuine (Basta concessioni, ecc) ma mille passi indietro, incompetenza incredibile, nessun progetto dietro alle dichiarazioni realizzabile, a parte alcuni spot come il decreto dignità che qualunque militante dovrebbe star male al solo pensiero che tutto quel tempo passato ad opporsi sia poi condensato in poche miserabili e anche controverse oltre che criticabilissime, scelte.
Nato, Alleati USA, concessioni varie a  lobby private ritirate un pò, forse …, grandi opere… studiamo costi e ricavi e poi…. ma sì forse è adatto (Tav , Terzo valico, TAP,ecc)
Per ogni aspetto della vita sociale nessun progetto reale complessivo, si procede al giorno per giorno, la buona fede di alcuni usata come scudo all’assoluta insipienza di molti .
Lo vediamo sul tema RAI e sul piano di cambiamento della comunicazione di cui personalmente attendo di capire come, dove ,ecc, lo vediamo nelle esternazioni sul reddito di cittadinanza non visto come quantità di provvedimenti di sistema, sulle riforme del lavoro, sul cambiamento della sanità pubblica indispensabile, sulla creazione di lavoro nuovo vero con investimenti , ecc ecc.
Perchè quei pochi che decidono e alla faccia della democrazia partecipata hanno in mano leve di potere politico oggettivo sono prigionieri di se stessi in un lavoro immane.
Alle spalle territori abbandonati se non, dove c’è un minimo di governo con sindaco grillino, ma la Raggi, l’Appendino sono già immersi nel loro brodo territoriale difficile scambiare vera collaborazione, aiuto.
Chi ha scelto sconosciuti ai più come ministri ed anche come semplici parlamentari non ha una organizzazione d’appoggio, anche solo orizzontale, gruppi di studio di competenze dove studiare soluzioni locali di zona o generali e supportare. Sono ormai solo (dove non sono stati eliminati) strumenti di potere di piccolo cabotaggio locale .

Qui nessuno è più innocente ! Siamo tutti colpevoli: chi non ha capito e chi ne ha approfittato, ma le scuse non servono, siamo al traguardo.
Salvini non rompe solo perchè al momento è in una posizione di forza ed è l’imperatore con Giorgetti e Calderoli(nonostante il tentato omicidio della zanzara africana come vendetta non riuscita !!!) poichè alla fine tutte le belle intenzioni sulla carta, del M5S vengono riviste, cassate, modificate sino a renderle altro di quello pensato oltre a far fare figure davvero miserabili.
Quando lo stesso Grillo facendo passi indietro parla di diritto all’ozio, di diritto alla felicità, di un mondo socialmente compatibile urta col pragmatismo della copia “scollata” Salvini-Di Maio(anche se le ha create lui le condizioni perché ciò avvenisse), spiegaglielo tu a Gigi cos’è un mondo diverso perché lui vive in un mondo democristiano di volontariato sindacale di piccolo cabotaggio, non altro.
Tutti gli anni di opposizione reale di movimenti ancora vivi nel paese sbattono ogni giorno con i denti contro muri istituzionali e nessuno cambia nulla al centro come negli atteggiamenti di sopportazione in “periferia”, il, contrappasso è l’esclusione dal gioco parlamentare
Qui non parlo di ideologie, ma ognuno può mettere insieme uno dopo l’altro i passi sin qui fatti e farne la somma di quanto è cambiato e quanto cambierà nel breve -medio periodo questa Italia ancora in mano a mafie e lobby internazionali.
Non è un problema di tempi !

L’obiezione corrente è passato poco tempo, dagli spazio vedrai che ….

Hanno fatto e stanno facendo scelte, decidono e se la raccontano con forme arcaiche di comunicazione che basterebbe un qualunque studente di scienze della comunicazione per cambiare passo dove la realtà è che non c’è una reale interconnessione e la vita è solo raccontata dai media .
Ma cambi passo se hai davvero un progetto ed una organizzazione adatta a supportarlo, cosa che a me pare assolutamente non vero oggi, non bastano due artifici di post su FB o Twitter rilanciati da fedeli senza obiezioni, con presenze logorroiche del leader massimo in TV, unico autorizzato assieme ad un pugno di unti dal signore ad interpretare il verbo! La Fondazione Rousseau è saldamente in pugno a pochi e con essa la farsa della democrazia delle domande farlocche, le poche risorse disponibili anche, i rendiconti dei parlamentari fermi a gennaio scorso , nessun convegno, nessun dibattito sui temi, di fatto …l’arrampicata sui vetri è difficile per chiunque .
La situazione politica nazionale è ancora più grave se si vede che nella realtà la cosiddetta opposizione a questo governo è praticamente inesistente, da Veltroni che guida i 15.000 raccolti da tutta italia contro l’incontro Salvini Orban, alle contestazioni alla Diciotti sempre gli stessi 4 parlamentari in cerca di presenza TV .
Non è che dico questo compiaciuto, anzi sono mortalmente incazzato con chi ha scelto di fare questo tipo di non struttura inutile o utile solo a mantenere una nuova piccola casta di sfigati senza qualità. Certo deve passare tempo sotto i ponti, ma nulla di buono è lecito pensare perchè ritengo che così si è cassato l’ultimo brandello non ideologico di movimento sociale in Italia continuando la serie di sconfitte pansindacali, partitiche, di movimenti di lotta che la storia ha disegnato nel nostro paese.

Non c’è trippa per Gigi, deve solo ringraziare l’insipienza del humus politico, del brodo di coltura sociale dove la confusione è la regola ed ogni giorno è una emergenza da superare, utile a rimandare un salto di qualità
Non era questo per cui ci battevamo, posso solo alzare la voce un pò per cercare di fare quello che una barzelletta recente diceva … il mio sport preferito è SOLLEVARE DUBBI !
Gianni Gatti
Savona, 01/09/2018

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...