L’Unione Europea, la Russia e la Cina hanno un piano per superare le sanzioni

dal blog http://www.vietatoparlare.it

Può darsi che la politica unilaterale di demolizione dell’amministrazione Trump stia portando a un risultato opposto a quello previsto. La decisione di Washington di abbandonare l’accordo nucleare iraniano e imporre severe sanzioni alle compagnie che commerciano petrolio iraniano a partire dal 4 novembre, sta creando nuovi canali di cooperazione tra UE, Russia, Cina e Iran ai quali potenzialmente si potrebbero aggiungere anche altri paesi. La recente dichiarazione dei funzionari di Bruxelles sulla creazione di un veicolo per fini speciali “Special Purpose Vehicle ”  (SPV) non specificato per evitare legalmente il commercio di petrolio in dollari USA e quindi le sanzioni statunitensi potrebbe potenzialmente significare l’inizio della fine del dominio del sistema del dollaro nell’economia mondiale. 

Secondo i rapporti degli ultimi colloqui bilaterali Germania-Iran a Teheran, il 17 ottobre, i meccanismi di un cosiddetto ‘veicolo a fini speciali’ che consentirebbe all’Iran di continuare a guadagnare dalle sue esportazioni di petrolio, andrà in attuazione nei prossimi giorni. Alla fine di settembre, il capo della politica estera dell’UE, Federica Mogherini, ha confermato i piani per creare un canale commerciale indipendente, osservando che “nessun paese o organizzazione sovrana può accettare che qualcun altro decida con chi è autorizzato fare scambi commerciali “.

Il piano SPV è riferito ideato sul modello del baratto sovietico usato durante la guerra fredda per evitare le sanzioni commerciali statunitensi, allo stesso modo il petrolio iraniano sarebbe oggi in qualche modo scambiato con beni senza passaggio di denaro. Secondo quanto riferito, l’accordo SPV coinvolgerà l’Unione europea, l’Iran, la Cina e la Russia.

Secondo diversi rapporti al di fuori dell’UE, il nuovo piano SPV prevede un sofisticato sistema di baratto che può evitare le sanzioni del Tesoro degli Stati Uniti. Ad esempio, l’Iran potrebbe spedire il greggio a un’impresa francese, accumulare credito tramite la SPV, proprio come una banca. Questo potrebbe quindi essere usato per pagare un produttore italiano per merci spedite in altro modo, senza fondi che passano per le mani iraniane o il normale sistema bancario. Un intermediario finanziario europeo finanziato dallo da più stati sarebbe istituito per gestire accordi con compagnie interessate alle transazioni iraniane e con controparti iraniane. Qualsiasi transazione non sarebbe tracciabile dai circuiti statunitensi e implicherebbe  euro e sterline piuttosto che dollari.

È una risposta straordinaria a quello che Washington ha definito una politica di guerra finanziaria a tutto campo contro l’Iran, che include minacce per sanzionare le banche centrali europee e la rete di pagamenti interbancari SWIFT con sede a Bruxelles se mantengono i legami con l’Iran. E’ da  dopo il 4 novembre. -1945 che le relazioni tra l’Europa occidentale e Washington non sono mai state viste in modo così aggressivo. Ciò  sta costringendo a riconsiderare i principali orientamenti politici dell’UE.

Nuova architettura bancaria

Lo sfondo della misteriosa iniziativa è stato presentato a giugno in un rapporto intitolato Europa, Iran e sovranità economica: ‘la nuova architettura bancaria in risposta alle sanzioni statunitensi’. Il rapporto è stato redatto dall’economista iraniano Esfandyar Batmanghelidj e Axel Hellman, un candidato politico presso la European Leadership Network (ELN), un think tank politico con sede a Londra .

Il rapporto propone la sua nuova architettura dovrebbe avere due elementi chiave. Innanzitutto si baserà su “banche gateway” destinate a fungere da intermediari tra banche commerciali iraniane e dell’UE legate allo Special Purpose Vehicle. Il secondo elemento è che sarebbe supervisionato da un ‘Ue-Office of Foreign Asset Controls’ o ‘EU-OFAC’, modellato sulla falsariga del Tesoro degli Stati Uniti, ma utilizzato per facilitare il commercio legale UE-Iran, non per bloccarlo. IL progetto OFAC dell’UE, tra le altre funzioni, intraprenderebbe la creazione di meccanismi di certificazione per la dovuta diligenza sulle società che effettuano tali scambi e “rafforzerà le protezioni legali dell’UE per le entità impegnate nel commercio e negli investimenti dell’Iran “.

Secondo quanto riferito, la SPV si basa su questo piano che utilizza banche gateway designate, le banche nell’UE non sono influenzate dalle “sanzioni secondarie” di Washington, in quanto non operano negli Stati Uniti e si concentrano sulle attività commerciali con l’Iran. Potrebbero includere alcune Landesbank cinesi di proprietà statale, alcune banche private svizzere come l’Europäisch-Iranische Handelsbank (EIH), una banca europea creata appositamente per impegnarsi in finanziamenti commerciali con l’Iran. Inoltre, è possibile selezionare banche iraniane con uffici nell’UE.

Qualunque sia il risultato finale, è chiaro che le azioni bellicose dell’amministrazione Trump contro il commercio con l’Iran stanno costringendo i maggiori paesi a cooperare che alla fine potrebbe significare la fine dell’egemonia del dollaro che ha permesso a un governo USA gonfiato dal debito di finanziare di fatto tirannia globale a spese degli altri.

UE-Russia-Cina …

Durante la recente Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, Federica Mogherini ha affermato che l’SPV è stato progettato per facilitare i pagamenti relativi alle esportazioni iraniane – incluso il petrolio – fino a quando le imprese coinvolte svolgevano attività legittime ai sensi del diritto dell’UE. Anche Cina e Russia sono coinvolte nella SPV. Potenzialmente la Turchia, l’India e altri paesi potrebbero unirsi in seguito.

Immediatamente, come previsto, Washington ha reagito. Al Segretario di Stato delle Nazioni Unite ed ex capo della CIA, Mike Pompeo ha dichiarato a una riunione dell’opposizione iraniana di essere “disturbato e profondamente deluso” dal piano dell’UE. In particolare ha detto “Questa è una delle misure più controproducenti immaginabili per la pace e la sicurezza a livello regionale e globale”. Presumibilmente il piano di Washington per la guerra economica contro l’Iran è stato progettato per promuovere la pace e la sicurezza a livello regionale e globale?

SWIFT non USA?

Una delle armi più brutali nella batteria di guerra finanziaria del Tesoro degli Stati Uniti è la capacità di forzare il sistema di compensazione interbancario privato SWIFT con sede a Bruxelles per impedire all’Iran di usarlo. Ciò è stato fatto con effetti devastanti nel 2012, quando Washington ha fatto pressione sull’UE per ottenere la conformità SWIFT, un precedente grave che ha fatto scattare campane d’allarme in tutto il mondo.

Il fatto che il dollaro americano rimanga la stragrande valuta dominante per il commercio internazionale e le transazioni finanziarie conferisce a Washington un potere straordinario sulle banche e sulle società nel resto del mondo. Questo è l’equivalente finanziario di una bomba a neutroni. Potrebbe essere sul punto di cambiare, anche se non è ancora un affare fatto.

Nel 2015 la Cina ha presentato il suo CIPS o il sistema di pagamenti internazionali in Cina. Originariamente, CIPS era visto come una futura alternativa basata su Cina a SWIFT. Offrire servizi di compensazione e regolamento per i suoi partecipanti ai pagamenti e agli scambi transfrontalieri di RMB. Sfortunatamente, una crisi del mercato azionario cinese costrinse Pechino a ridimensionare i loro piani, sebbene ci fosse uno scheletro di infrastrutture.

In un’altra area, dalla fine del 2017, la Russia e la Cina hanno discusso la possibilità di collegare i loro sistemi di pagamenti bilaterali bypassando il dollaro. Il sistema cinese Unionpay e il sistema di pagamento interno della Russia, noto come Karta Mir, sarebbero collegati direttamente .

Più di recente, i principali esponenti politici europei hanno fatto eco a tali idee, senza precedenti nell’era post-1944. Ad agosto, riferendosi alle azioni unilaterali degli Stati Uniti per bloccare il petrolio e altri scambi con l’Iran, il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas ha dichiarato a Handelsblatt, un importante quotidiano tedesco, “L’Europa non dovrebbe permettere agli Stati Uniti di agire a nostre spese . Per questo motivo, è essenziale rafforzare l’autonomia europea stabilendo canali di pagamento indipendenti dagli Stati Uniti, creando un Fondo monetario europeo e costruendo un sistema SWIFT indipendente “.

Una crepa nell’edificio del dollaro

Fino a che punto l’UE è disposta a sfidare Washington sulla questione del commercio con l’Iran non è ancora chiaro. Molto probabilmente Washington via NSA e altri mezzi possono scoprire le rotte della SPV UE-Iran-Russia-Cina.

Oltre alle recenti dichiarazioni del ministro degli Esteri tedesco, la Francia sta discutendo l’espansione della SPV iraniana per creare un mezzo per isolare le economie dell’UE da sanzioni extraterritoriali illegali come le sanzioni secondarie che puniscono le società europee che fanno affari in Iran impedendo loro di usare il dollaro o fare affari negli Stati Uniti. La portavoce del ministero degli Esteri francese, Agnes Von der Muhll, ha affermato che oltre a consentire alle società di continuare a commerciare con l’Iran, la SPV vorrebbe “creare uno strumento di sovranità economica per l’Unione europea al di là di questo caso. Si tratta quindi di un piano a lungo termine che proteggerà le imprese europee in futuro dall’effetto delle sanzioni extraterritoriali illegali “.

Se questo sarà il caso con l’emergente Veicolo per usi speciali dell’UE, creerà una crepa aperta nell’edificio del dollaro. Riferendosi alla SPV e alle sue implicazioni, Jarrett Blanc, ex funzionario del Dipartimento di Stato di Obama coinvolto nella negoziazione dell’accordo nucleare iraniano, ha osservato che “il meccanismo del meccanismo di pagamento apre le porte a un degrado a lungo termine del potere di sanzioni degli Stati Uniti”.

Attualmente l’UE ha manifestato retorica effusiva e forti borbottii contro la guerra economica americana unilaterale e l’imposizione extraterritoriale di sanzioni come quelle contro la Russia. La loro determinazione a spostarsi potentemente per creare una vera alternativa fino ad oggi è stata assente. Lo stesso vale per altri aspetti per la Cina e la Russia. La guerra delle sanzioni contro l’Iran, incredibilmente grossolana, segnerà finalmente l’inizio della fine della dominazione del dollaro nell’economia mondiale che ha tenuto da quando Bretton Woods nel 1945?

La mia sensazione è che – a meno che la SPV in qualsiasi forma utilizzi i notevoli vantaggi tecnologici di alcune tecnologie blockchain o ledger simili a XRP o Ripple basati negli Stati Uniti, ciò consentirebbe l’instradamento dei pagamenti oltre confine in modo sicuro e quasi istantaneo a livello globale – non sarà molto efficace. Non è che i programmatori IT europei non abbiano le competenze per svilupparli, e certamente non i russi. Dopo tutto una delle principali società di blockchain è stata creata da un canadese di origine russa, Vitalik Buterin. La Duma russa sta lavorando a una nuova legislazione sulle valute digitali, anche se la Banca di Russia sembra ancora fortemente contrariata. La Banca Popolare Cinese sta rapidamente sviluppando e testando una criptovaluta nazionale, ChinaCoin. Le tecnologie blockchain sono ampiamente fraintese,

F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online  “New Eastern Outlook”.

https://journal-neo.org/2018/10/23/the-eu-russia-china-plan-to-avert-iran-oil-sanctions/

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.