IN FRANCIA HA VINTO LA “DEMOKRATIA”UE (contro i fascisti, omofobi, antisemiti..))

dal blog https://www.maurizioblondet.it/

Maurizio Blondet  13 Gennaio 2019

Sondaggio Cevifop dell’11 gennaio. Il 60% dei francesi sostengono i Gilet Gialli. 62% pensano che sono un rinnovamento della democrazia,  72% che  le rivendicazioni che avanzano, sono “quelle di molti francesi”.

Il problema del governo  è che i  Gilet Gialli sono in realtà i due terzi dei francesi

https://www.sciencespo.fr/cevipof/sites/sciencespo.fr.cevipof/files/CEVIPOF_confiance_vague10-1.pdf

“Nessuno può dire, quando le domande sono sostenute dal 60-70% della popolazione, che sono domande avanzate da una minoranza di scemi, arretrati, fascisti, nazisti, razzisti  –  Dirlo, è un appello alla violenza”. Così Bruno Bertez.

Perché la propaganda difensiva degli oligarchi privilegiati, la vediamo anche in Italia: i sovranisti “sono il fascismo”, sono  omofobi, sono nazionalisti, sono antisemiti.

Democrazia? “La democrazia può porre dei problemi ma è sempre meglio di ogni altra forma di governo”:  così irisponde l’ 80%  dei francesi.

Il  punto  è che a questa  asserzione si accompagna una sfiducia pubblica totale.   “Collassa la fiducia in tutte le organizzazioni: giustizia, grandi imprese, banche, sindacati, media (solo il 23% ne ha fiducia) e  partiti politici:  solo il 9% se ne fida.

Ma il perché è chiaro dalle altre risposte:

Lo Stato è governato nell’interesse di pochi”, 74%.

“E’ importante in democrazia che i diversi partiti propongano delle alternative politiche chiare”, 84%.

Fra l’altro,  l’Atto 9 ha visto un aumento enorme della mobilitazione, che tutti i media davano   per calante: 84 mila nelle varie piazze di tutta la Francia dice il potere, e confermano i meia –mentenndo. Mentendo perché  poi dicono che sono stati mobilitati  80 mila poliziotti.   Uno  per ciascun Gilet Giallo?  Le vere cifre sono: quasi 360 mila.

Di fronte a questa insurrezione di dimensioni storiche,   Macron invece di fare quel che dovrebbe  – dimettersi – ha fatto lezione: “I disordini sono spesso dovuti al fatto che troppi nostri concittadini pensano che si possa ottenere senza apportare il proprio sforzo, troppo spessi si dimentica che a fianco dei diritti di ognuno nella repubblica, ci sono i doveri”.  Bernard Henry Lévy: i GG “tradiscono la storia della classe operaia. Nelle vecchie lotte di classe – pontifica questo improvvisato esperto di storia operaia  – l’obbiettivo era quello di guadagnare, non come oggi  di distruggere”. In Italia, Giuliano Ferrara (che ha casa a Parigi)  ha sancito che i GG sono “poveri col SUV”, e protestano per il rincaro del diesel perché hanno il SUV.  Franoise Giroud: “E’ così che nasce il fascismo”.

Naturalmente non vogliono vedere che le domande dei GG, “esprimono tutte la stessa cosa: l’indignazione di fronte agli scandali dei trattamenti differenti a seconda della prossimità al potere”.

Lo scandalo è che mentre lorsignori predicano “il mercato”,  “Il pareggio di bilancio”  e la “competitività internazionale” ai poveri per tagliare i loro salari e pensioni  che sono poco competitive, non abbassano di altrettanto i loro costosissimi emolumenti. “Con la globalizzazione/erupeizzazione, tutto dovrebbe vedere il suo prezzo calare, tutto dev’essere deprezzato”.  Invece il sistema   “impedisce la svalorizzazione dei debiti che non hanno  più  valore economico vivo. Si impedisce  il deprezzamento dei pesi morti”, e non si sta  parlando solo delle banche: “Si uccide il vivo per salvare l’ordine antico radicato negli strati sociali che sono ascesi al potere tramite  il loro mandatario Macron”.

Noi possiamo dire lo stesso della “sinistra” dal Pd a Mattarella, agli “Intellettuali” ai “giornalisti”, ai magistrati   da 7 mila euro mensili in su al mese. Loro che predicano austerità, ma non   declassano i propri “valori” per adeguarli al mercato.

Esempio  di scandalo di trattamenti differenti in  funzione della prossimità al potere ne dovremmo avere. In Francia,  ne elenca qualcuno Serge Halimi, su Le Monde Diplo (strano, “di sinistra”, tanto che Il Manifesto lo allega):

Ora si conoscono  grazie ai GG le liste delle ingiustizie commesse dal governo attuale: 5 euro di meno al mese per i beneficiari dell’aiuto all’affitto di casa (APL) e  allo stesso tempo soppressione  della progressività della tassazione sul capitale; eliminazione dell’imposta sulla grandi fortune (ISF) e, insieme, taglio del potere d’acquisto ai pensionati.  E non dimentichiamo la “semplificazione contabile” del credito d’imposta per la  competitività e l’impiego (CICE)  versato alle imprese.  Grazie al quale l’anno prossimo il Tesoro pagherà dunque  due volte   il signor Bernard Arnault, prima fortuna d’Europa, padrone di Carrefour e di LVHM ( Moët Hennessy Louis Vuitton,   fatturato 43 miliardi) del Parisien e di Les Echos. Questa misura da sola costerà 40 miliardi di euro nel 2019, ossi 1,8% del PIL o – se si preferisce – cento volte l’ammontare dell’APL, il sussidio agli affitti di casa per i poveri”.

Noi italiani non ci ribelliamo. Perché abbiamo “i sovranisti”  non nelle strade, ma “al potere”. Più precisamente, quei sovranisti che invece di prendere di petto “lo scandalo dei trattamenti differenti a seconda della prossimità al potere”,  propongono lo  spinello libero, dodici vaccini ai  neonati, fanno di tutto per spaccare  la nazione unita nella protesta i  Nord e Sud. I 5 Stelle si confermano così il partito civetta che  i ci tiene buoni mentre la UE ci spoglierà dei risparmi e dell’oro di Bankitalia? Ciò ad un prossimo articolo.

Un altro motivo sarà questo? Il 39% per cento dei francesi si sente anzitutto francese. Solo il 6% si sente “europeo” della UE

Per intanto vediamo come reagisce il  regime che si riconosce in Macron.  Col pugno di ferro.

Quattordici autoblindo schierate  a  difesa dell’Eliseo. 6475  manifestanti fermati. 5339 incarcerati preventivamente. 14  con gli occhi cavati da “flash grenade”.  Un morto   per un tiro diretto di granata. Rimessa in viore della “Interdizione amministrativa i manifestare”

La stampa del resto, racconta Halimi, ” è stata  avvertita da  un economista e un politologo ben introdotti: “I  giornalisti devono ricordarsi che non sono semplici osservatori  ma che fanno parte delle elites il cui compito è preservare  il paese dal caos”

(Elie Cohen et Gérard Grunberg, « Les Gilets jaunes : une double régression », Telos, 7 dicembre 2018).  Da noi in Italia i  giornalisti non hanno bisogno di questi avvertimenti, lo sanno da sé.

Video incorporato

La Plume Libre@LPLdirect

🇫🇷

STRASBOURG : Lilian, 15 ans, a été victime d’un tir de LBD à hauteur du visage, hier à #Strasbourg pendant l’#ActeIX des #GiletsJaunes. Sa mâchoire a été brisée. Son opération a duré 6 heures. Il gardera des séquelles probablement à vie. #12Janvier 23515:29 – 13 gen 2019579 utenti ne stanno parlandoInformazioni e privacy per gli annunci di Twitter08:14 – 11 gen 2019

I giudici francesi, non sono da meno. A Nancy, un poliziotto pesta a manganellate dei manifestanti già immobilizzati, un avvocato per strada assiste e fa denuncia, il  procuratore  rifiuta di aprire un’inchiesta. Gilet Gialli perquisiti  utilizzando la legge antiterrorismo.

Un altro legale racconta: “Comparizioni immediate  di Gilet Gialli a Parigi (si tratta dei fermati per la manifestazione del   primo dicembre).   Nella gabbia un uomo è condannato a 28 mesi di prigione. Egli grida: “Non avevo nemmeno un avvocato!”. La presidente: “Ma cosa  crede  che ciò avrebbe cambiato, monsieur?”.   Di queste comparizioni immediate ce ne sono stat seicento, e molte si sono concluse con pene carcerarie “per ribellione”. Si è tornati all secolo decimonono, a Napoleone III. 

Due  anni e passa di galera senza  avvocato presente.   Pensate solo se fosse avvenuto in un tribunale russo.  O se  il Cremlino avesse  ricordato ai  giornalisti  “che non sono semplici osservatori, ma parte delle  elites”.   Pensate agli strilli dei nostri media, dei nostri intellettuali, dei nostri europeisti: dittatura! Invece avviene in Europa  e per “più Europa”,  e lo chiamano “democrazia”. Che si difende dai populisti che sono nazisti, illiberali, anti-democratici, omofobi, antisemiti.

Intanto, inconcusso, MAcron prosegue il progetto di “fusione” con la Germania di Merkel,  che mira a dare a Berlino la forza  nucleare francese “condivisa”:

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.