Se tutti passeranno alle auto elettriche …

Dal blog https://comedonchisciotte.org

Rosanna 3 Settembre 2019 

DI ANTON KANEVSKIJ

fondsk.ru

“La fine del petrolio” non sarà visibile nell’immediato futuro

Continuando la conversazione che abbiamo iniziato sulla prospettiva di fonti energetiche alternative, in riferimento alle quali il Presidente russo ha recentemente espresso un ragionevole scetticismo, notiamo che il problema energetico si suddivide in trasporti e produzione termica.

Se si parla di fonti tradizionali, per produrre energia termica o elettrica, letteralmente “tutto ciò che brucia” può essere usato – carbone, gas naturale, olio combustibile, legna da ardere e, infine, energia atomica … Però, per le necessità dei trasporti, oggigiorno vengono utilizzati principalmente solo prodotti petroliferi.

Negli ultimi anni, la transizione al trasporto elettrico si è ampiamente diffuso.Senza contare le pubblicazioni su questo argomento nei media, che lodano in particolare il “genio dell’innovazione” Elon Musk, che è riuscito ad avviare la produzione di massa delle auto elettriche, e per di più le sue Tesla sono diventate un prodotto di prestigio. Lo status symbol delle auto di Elon Musk funge da compensazione per l’alto prezzo, e non per le migliori caratteristiche prestazionali.

Infatti, queste caratteristiche sono diventate la ragione per cui, ancora agli albori dell’automobilismo, le vetture elettriche hanno perso la competizione alle auto con motori a combustione interna (MCI), a causa del fatto che le batterie di quel tempo non potevano fornire le stesse caratteristiche prestazionali dell’MCI: velocità e autonomia di guida. Le batterie moderne hanno parzialmente migliorato la situazione, ma non consentono di raggiungere i parametri delle macchine tradizionali.

Tuttavia, il problema è diverso: per la fabbricazione di batterie sono necessari elementi chimici abbastanza rari: litio e cadmio. Al giorno d’oggi, quando il principale campo di applicazione delle batterie ad alta capacità sono i telefoni cellulari e i laptop, ci sono sufficienti riserve di questi metalli, ma con l’introduzione di massa dei veicoli elettrici, non sono fisicamente sufficienti per soddisfare una domanda in forte aumento.

È vero, gli scienziati non sono inattivi e ora sono in corso lavori sulle batterie a base di magnesio. Non ci sono problemi di disponibilità e, secondo gli esperti, se i problemi tecnici possono essere risolti, le nuove batterie saranno molto più efficienti e più economiche di quelle agli ioni di litio. Tuttavia, nessuna batteria può risolvere, in linea di principio, i problemi associati all’elettrificazione totale.

Uno di questi è il tempo di ricarica. Promettono che le batterie al magnesio-grafene saranno in grado di ricaricarsi in pochi minuti, ma come garantire la fornitura di tale energia a un’auto elettrica? Dopotutto, per caricare una batteria con una capacità di 90 kW / ora (come quelle installate sulle Tesla) in 10 minuti, è necessario fornire all’auto 1000 kW (1 MW) in un’unica soluzione, tenendo conto delle inevitabili perdite. Per fare un confronto: la capacità massima della centrale idroelettrica di Volkhov (n.d.T.oblast’ di Leningrado) è di 86 MW. Cioè, una linea di trasmissione di potenza industriale dovrà essere collegata a ciascuna stazione di servizio elettrica, e ogni stazione di servizio dovrebbe essere dotata di una potente sottostazione. E nell’auto stessa, l’attrezzatura elettrica muoverà tipo 10, se non centinaia di chilogrammi di peso. In generale, il rifornimento rapido come quello delle auto con l’MCI non funziona per i veicoli elettrici. E la domanda principale è: dove prendere in effetti l’energia elettrica per questo diletto? Dopotutto, la transizione totale del trasporto all’energia elettrica richiederà un aumento del 30-40 percento delle potenze di generazione. La risposta dei “testimoni del progresso” è che l’energia solare fornirà energia elettrica per questo. È questa la fonte di energia che Elon Musk promette di utilizzare per i camion elettrici Tesla Semi, presentati a novembre 2017. È vero, tutto ciò che è stato mostrato al pubblico sono due auto dall’aspetto futuristico in posizione statica. Manca ancora il video non è solo dei test su strada, ma anche dei test al poligono di prova, anche se Musk ha promesso di iniziare la produzione nel 2019. C’è solo un’animazione di 5 secondi.

Il Web è stato invaso da foto di stazioni di servizio, sotto pensiline di pannelli solari, accompagnate dai titoli: “Il futuro è qui”, “La fine del petrolio”, “La fine di Gazprom”, e simili. Non è chiaro perché Elon Musk non abbia avuto la semplice idea di collocare pannelli solari proprio sui tettucci e le capote delle Tesla? Si viaggia con il tempo soleggiato (quando non c’è il sole –si sta fermi) e allo stesso tempo ci si ricarica? La risposta è semplice: tutte queste pensiline sono un elemento di arredo, progettato per ingannare gli ingenui utenti di Internet. La potenza dei pannelli solari esistenti non supera 1 kW per 20 m2. Una tale pensilina può fornire solo il 10-20% della potenza richiesta per ricaricare un’auto elettrica in modalità economica, mentre ci vogliono fino a 8 ore per ricaricarsi. Ecco perché Musk non metterà pannelli solari

L’energia per l’elettrificazione dei trasporti dovrà essere prelevata dalle stesse fonti tradizionali.È probabile che, in qualità di carburante combustibile delle centrali elettriche sia utilizzato lo stesso petrolio, il cui consumo si ridurrà in caso dell’elettrificazione dei trasporti. Cioè, enormi costi per la riqualificazione di tutto il settore (la costruzione di nuove centrali elettriche, di reti elettriche) e come output solo una riduzione dell’efficienza economica e di carburazione.

Tuttavia, alcuni dei seguaci del “mondo senza petrolio” hanno ancora speranze per la cosiddetta energia a idrogeno. A un livello generalmente accessibile, si suggerisce che l’idrogeno sia il futuro radioso dell’energia di tutta l’umanità: affermano che è l’elemento più comune sulla superficie della Terra e nello Spazio, il calore della combustione dell’idrogeno è molto elevato e il prodotto della combustione mediante ossigeno è l’acqua. L’unico problema è che quasi tutto l’idrogeno sulla Terra è sotto forma di composti; la percentuale di idrogeno sotto forma di sostanza non legata è solo dello 0,00005%. Nel frattempo, la combustione stessa è un processo di combinazione chimica di una sostanza con ossigeno, con rilascio di energia. Di conseguenza, quasi tutto l’idrogeno presente sulla Terra è già combusto e, in conformità con la legge della conservazione dell’energia, al fine di riportarlo allo stato chimicamente puro(per separare l’acqua nelle sue parti costitutive – ossigeno e idrogeno), è necessario spendere non meno, ma più energia, di quanto sarà ricavato durante la sua ripetuta combustione. Pertanto, parlare dell’idrogeno come fonte di energia,come minino, non è corretto.

Possiamo solo parlare dell’uso dell’idrogeno in qualità di mezzo per l’accumulo e il trasporto di energia. Nella forma più diffusa, lo schema si presenta così: in un’installazione permanente, usando quantità significative di energia elettrica, si ottiene idrogeno chimicamente puro e quindi “si riempie” il serbatoio del veicolo. Tuttavia, anche qui assistiamo agli stessi problemi dell’elettrificazione dei trasporti.

A proposito, in termini di ecologia, l’idrogeno supera di molto poco il gas naturale (più precisamente, il propano estratto da esso), la cui introduzione nel trasporto avviene lentamente, a causa di difficoltà tecniche. Per l’idrogeno, le stesse difficoltà aumentano di un ordine di grandezza!

A questo dobbiamo aggiungere che l’idrogeno è una sostanza estremamente esplosiva (molto più pericolosa del propano), quando viene a contatto con l’aria evapora istantaneamente (se si trova in stato liquido) e crea la famosa miscela esplosiva. È solo inquietante immaginare le conseguenze dell’uso dell’idrogeno in centinaia di migliaia di stazioni di servizio, e gli inevitabili incidenti delle auto a idrogeno. E gli incidenti con l’uso massiccio dell’idrogeno a livello quotidiano sono inevitabili.

In conclusione, dirò che cambiamento globale alcuno sta avvenendo così rapidamente, come promettono previsioni ottimistiche. A sostegno di ciò, cito un frammento di un articolo pubblicato su“Izvestija” il 31 dicembre 1940:“Gli studi hanno dimostrato che un grammo di uranio, durante il decadimento nucleare, dovrebbe fornire tutta l’energia che otteniamo quando bruciamo 2-3 tonnellate di carbone … E il punto qui non è solo che l’umanità riceverà una nuova base energetica, milioni di volte maggiore di tutto ciò finora conosciuto. Non solo le riserve esaurite di carbone e petrolio saranno sostituite da un nuovo”combustibile” che salverà l’industria dalla fame di combustibile. Il fatto è che inizia una nuova era del potere umano … Avendo acquisito potere sulla struttura interna della materia, una persona sarà in grado di usare qualsiasi delle sue quantità in qualsiasi luogo del pianeta. E solo del pianeta? Una persona sarà in grado di ricavare qualsiasi quantità di energia e destinarla a qualsiasi scopo … 

Sono passati quasi 80 anni … Ma l’energia nucleare non è stata un bluff, come il 90% delle scoperte sensazionali. Diversamente, c’è il problema di trasferire i trasporti all’energia elettrica, che richiederà ingenti investimenti in infrastrutture con dubbia efficienza economica. Quindi la “fine del petrolio” e di tutti gli altri vettori energetici tradizionali non è visibile nell’immediato futuro.

Anton Kanevskij

Fontehttps://www.fondsk.ru/

Linkhttps://www.fondsk.ru/news/2019/08/01/kogda-vse-peresjadut-na-elektromobili…-48711.html

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.