Osservatorio ENI

Dal blog http://cdca.it/

Il progetto si focalizza sulla contaminazione e i rischi in relazione all’estrazione e al trasporto di fonti fossili, cosi come le attività petrolchimiche in Italia. Si assiste oggi ad una nuova espansione della frontiera estrattiva (incluso estrazioni offshore) e all’insorgere di contestabili progetti di riconversione di vecchi impianti dell’industria fossile/chimica. In questo contesto, il principale attore nel paese è l’ENI –   Ente Nazionale Idrocarburi. Fra i casi più emblematici di attività contaminante nel paese: la Val D’Agri, Taranto, Gela e Porto Marghera.

OBIETTIVI

L’obiettivo generale del progetto è di aumentare la visibilità degli impatti provocati in Italia dall’industria fossile e di supportare la partecipazione dei cittadini mobilitati contro progetti contaminanti. Nello specifico, il progetto vuole:

1. Sviluppare e promuovere informazioni dal basso riguardo le responsabilità dell’ENI;
2. Connettere e sviluppare mutualismo tra le comunità colpite o a rischio di inquinamento in relazione alle attività dell’ENI e di altri attori privati dei settori degli idrocarburi e del petrolchimico
3. Rafforzare la partecipazione delle comunità e le opportunità di advocacy verso l’impresa

ATTIVITÀ

Attività 1. Documentazione partecipativa

Insieme agli attivisti provenienti da zone impattate da ENI, il CDCA ha realizzato un report informativo sulle ingiustizie ambientali provocate dall’ENI. Scarica il report.

Attività 2. Advocacy, partecipazione e azionariato critico

Il CDCA ha coinvolto attivisti da territori colpiti dall’ENI in un’azione di azionariato critico attraverso la quale hanno partecipato all’assemblea degli azionisti ENI a maggio 2019, portando la voce e le problematiche dei loro territori.  Leggi il comunicato sull’azione realizzata in occasione dell’assemblea degli azionisti dell’ENI di maggio 2019 (LINK)

Attività 3. Costruendo ponti tra comunità impattate

In concomitanza con l’Assemblea degli azionisti ENI è stata organizzata una riunione fra attivisti provenienti da comunità impattate. È stata l’occasione per condividere esperienze e buone pratiche, identificare spazi e temi per azioni comuni per rinforzare mutualmente le proprie capacità e collaborazioni

PERIODO: 28 settembre 2018 – 27 settembre 2019

RASSEGNA STAMPA

Eni, Enel, Leonardo in assemblea: ecco i target degli azionisti critici – Valori
Potenza, progetto Eni in Val d’Agri: per gli ambientalisti è solo “marketing” – Repubblica
Gli “azionisti critici” all’assemblea di Eni: «Basta devastazioni» – Il Cambiamento
Turco azionista critico all’assemblea Eni, davanti ai manager: “In città solo ridimensionamento industriale” – Quotidiano di Gela
Sulle responsabilità in Africa risposte evasive – Nigrizia
Eni, arrivano gli azionisti critici all’assemblea ecco i punti contestati dalle comunità – Nel Paese
Roma, azionisti-zombie di Extinction Rebellion protestano davanti all’Eni – Pressenza
Un giorno da insider all’assemblea di Eni a Roma Descalzi: «A Gela abbiamo chiuso senza chiudere» – MeridioNews
Vertici Eni evasivi ma… palesi le devastazioni dei territori  – Radio Black Out

FINANZIAMENTO: Ente finanziatore: Patagonia Environmental Grants Fund of Tides Foundation

Leggi la prima newsletter

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.