QUALE MASCHERA DA USARE PER IL PRESENTE ?

Non è facile sopportare il peso di essere italiano oggi e vivere la realtà cui siamo costretti con occhi critici e sguardo aperto.

Mentre come molti alla ricerca di un barlume di speranza sociale non c’è nessun segnale rassicurante nella politica. Gli eventi si succedono e si ripetono con qualche forma diversa, ma sostanzialmente identici a se stessi nella sostanza.

La devastazione interna al M5S ormai prigioniero di un insieme di militanti senza capacità politica effettiva è tristissima.

Dal collettivo al vertice rigido che non si “dispana” : da Di Maio a Crimi con contorno di “facilitatori” che fa cagare già solo nel senso etimologico (pare una purga), non c’è nessun cambiamento. Dopo che di decine di migliaia di militanti sono rimasti solo i fedeli che si fanno andar bene ogni sputazzo su principi, punti programmatici e regole scritte, FINALMENTE ci saranno gli “Stati Generali” a marzo (dopo la martellata delle elezioni regionali) E sai quanta gioia sarà comunicata….

Prima quando vi era ancora una qualità ed una quantità di attivisti, niente, ci si dava pacche sulle spalle una volta all’anno e amen. Potevano nascere concorrenti sgraditi alla srl e a Beppe, veri manovratori occulti del Gigi, usato come asciugatore di sudori, come spegnitore di fuochi a modello di Andreotti, ma con un carma molto più basso e poco efficiente.

Così sulla base dell’assunto : non facciamo il governo per il consenso !

Che tradotto dal politichese significa che fai affidamento solo su accordi fra vertici e di volta in volta vernici la schifezza fatta partito, prima della Lega e poi del PD e non ti costruisci un retroterra sui territori, non per difenderti essendo minoranza cmq, ma di attacco, per radicarsi e avere forza di pressione.

PD e Lega nonostante si combattono a parole nei talk show, come fra bande avverse, hanno molti punti programmatici simili :

l’accettazione della moneta asservita (euro), l’Europa attuale come visione univoca di somma di diversità, l’atlantismo determinante e la NATO come traino guerrafondaio nei paesi del mondo, il sostegno alle energie fossili (nel 2019 prima con la Lega, poi9 con il PD le fossili hanno avuto circa 35 miliardi di euro in varie forme), la visione delle banche sempre da salvare con soldi pubblici e ricavi privati, senza avere separazione fra quelle speculative da quelle commerciali, il mercato in generale ancora visto come sviluppo del PIL ad ogni costo, la concorrenza liberista per cui rifiuti e sanità sono merci da valorizzare, nessuna attenzione all’ambiente inquinato ed agli inquinanti, nessuna reale facilitazione della battaglia contro la criminalità organizzata da parte della politica che continua a imbarcare nelle sue file assolute “bestie” rese belle anime dai media a pagamento. Ecc, ecc.

Il M5S non è a un bivio : ormai è morto nella concezione per cui è nato!

Se fa campagna contro Salvini , come fanno militanti in modo scellerato sui social, lo rafforza oggettivamente, perché la BESTIA è tecnologicamente più avanti e usa le risorse che ha per lavorare sulla comunicazione e apparire ora leone, ora vittima ed è in campagna elettorale perenne porta a porta da mesi.

Se cerca di portare avanti idee anche buone, ha due scogli :

1) la burocrazia tecnica (messa dalla vecchia politica a random in ogni istituzione decisionale) per cui puoi anche destinare almeno sulla carta cifre importanti per il R di C, per ricostruzioni ma se non hai una struttura di controllo di fiducia (persino Cantone ha gettato la spugna) viene sempre tutto gestito dai soliti noti e dalle banche o dalla struttura finanziaria

2) Il PD stesso che era quello che boicottava appunto certe leggi da sempre, ora frena, limita, ricatta e da partito quasi sminuzzato viene rimesso per assurdo in gioco proprio dal M5S( dopo anni di sputi reciproci) ed è ancora in corsa da animale mutevole per le elezioni, almeno nelle regionali in Emilia.

I buoi sono scappati, inutile chiudere la porta.

Non credo ci sarà trasformazione come atto rivoluzionario e di orgoglio sano nel prossimo periodo all’interno del Movimento, TROPPO DEBOLE E SCOLLATO DALLA REALTÀ.

E’ probabile che l’area riformista revisionista dei principi iniziali prenda il sopravvento!

Beppe che sperculando i critici dice:“si, siamo cambiati e non ve ne siete accorti” fa una lode ai suoi esecutori del partito di Di Maio indicando una continuità di trasformazione nella “piddizzazione” del M5S, nell’inspiegabile lascito di poltrone europee, nella sostituzione di ministri M5S con gente del PD, nell’affinità molto poco nobile dell’atlantismo e nel persistente, pervicace affiancamento della NATO in ogni guerra di predazione, nella gestione sindacale delle crisi occupazionali, ecc.

Non c’è nessuno che, anche in modo critico abbia le doti per cambiare la situazione dall’interno, il Dibba, Fico, Morra ed altre oneste persone sono solo lanciatori di coltelli da sempre, mai avuto capacità politiche tali da impensierire il progetto dell’SRL/Beppe, con il loro metodo molto legato alla morale, all’ideologia dell’onestà non avendo capito come muoversi in quel mondo di pescecani senza risorse e senza strutture di comunicazione. Soprattutto pare non interessare nessuno considerare la democrazia partecipata tanto citata, ma poco applicata in una gestione puntuale e collettiva del quadro politico.

Non è un caso che da anni i soldi dei tagli agli stipendi (per quelli che versano ancora) sono usati in sciocchezze di beneficenza e garanzia a fondi bancari inutili, mentre non è stata creata una semplice struttura di comunicazione aperta che funzionasse da raccordo con anime diverse e anche verso quei movimenti civili da cui i militanti spesso sono nati.

Quindi di fatto oggi territori abbandonati e più isolati di così si muore …e infatti.

Lamentarsi al grido: tutti ci sono contro, come se fosse novità del potere senza usare contromisure è una cosa da idioti della politica che è fatta di azioni concrete e dettagli pragmatici.

Non si salvano neppure i nuovi fuorusciti adagiati al gruppo misto col pensiero di tenere in piedi il governo M5S-PD ma ricattandolo in certe votazioni e nel lavoro parlamentare, che mi pare davvero senza via d’uscita, senza un progetto alternativo solo sopravvivenza personale.

Diciamo che si apre un periodo di assoluta confusione dove il PD cercherà di raccattare quanti più possibile dalle fila del disfatto partito di Crimi, eletto da nessuno, ma ancora imposto, secondo una consuetudine molto democristiana di integrazione e adattamento avendo (il PD) ancora un raccordo con la gente nel territorio, anche se ha da tempo cambiato in buona parte la composizione sociale da proletaria a medio /piccolo borghese con tenere appendici nella finanza dei grandi gruppi che lo foraggiano.

Non c’è visione del mondo diversa in questa politica applicata del M5S e l’indicatore per me è proprio il tema Ilva di Taranto lasciato nelle mani di Patuanelli, del padronato internazionale e dei sindacati come un qualunque contrasto appunto sindacale, occasione persa di fare qualcosa davvero che fosse di esempio per un cambiamento sociale

Se cade questo governo e vince il CDX come probabile, in tre gg tagliano ogni riforma compiuta o iniziata proprio perché a monte le regole sono troppo fragili e tutto questo tempo va perso.

In realtà in questo tracciato un po’ triste, negativo, abbiamo un aspetto utile: il vuoto politico può essere riempito da chi prende iniziativa, per chi ancora non ha assunto il rigetto di questa politica

Quel 20/25 % che coscientemente non vota più e che aumenterà, è uno spazio importante che dice di una possibilità, non di più, ma reale su cui lavorare, il problema è che mancano strumenti di dialogo o sono molto deboli, di certo i social di per sé sono inutili e fuorvianti

Gianni Gatti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.