Video: The Closing Down of the Global Economy and the Corona Crisis. La povertà è mondiale

Dal blog

A cura del  Prof. Michel Chossudovsky
Global Research, 21 giugno 2020

Url di questo articolo:
https://www.globalresearch.ca/video-the-closing-down-of-the-global-economy-and-the-corona-crisis-poverty-is-worldwide/5716565
Questo video con il  Prof. Michel Chossudovsky è  stato rilasciato per la prima volta il 20 aprile 2020
Scorri verso il basso***Milioni di persone hanno perso il lavoro e i risparmi per tutta la vita. Nei paesi in via di sviluppo  prevalgono la povertà e la disperazione. 
Mentre il blocco viene presentato all’opinione pubblica come unico mezzo per risolvere una crisi globale di salute pubblica, i suoi devastanti impatti economici e sociali vengono casualmente ignorati.Ciò che stiamo vivendo è un processo di impoverimento globale. 
La chiusura dell’economia in un gran numero di paesi ha portato a una drammatica perdita di vite umane. La verità non detta è che il romanzo coronavirus fornisce un pretesto a potenti interessi finanziari e  politici corrotti per far precipitare il mondo intero in una spirale di disoccupazione di massa, bancarotta e povertà estrema. 
Questa è la vera immagine di ciò che sta accadendo. La povertà è mondiale. La crisi ha ridefinito la struttura dell’economia mondiale.Fa precipitare interi settori dell’economia globale, compresi i viaggi aerei, il turismo, il commercio al dettaglio, l’industria manifatturiera, fino al fallimento. 
Il blocco crea carestia nei paesi in via di sviluppo. Ha implicazioni geopolitiche.Questa crisi ingegneristica non ha precedenti nella storia del mondo.
È un atto di guerra.La riduzione dell’attività economica in tutto il mondo mina la “riproduzione della vita reale”.  
Ciò non riguarda solo la produzione effettiva delle “necessità della vita” (cibo, salute, istruzione, alloggio) ma riguarda anche la “riproduzione” di relazioni sociali, istituzioni politiche, cultura, arte, eventi sportivi, identità nazionale.Al momento della stesura (inizio maggio 2020): impossibile stimare o valutare. Circa metà dell’economia globale è stata interrotta o è ferma?
https://youtu.be/Jl_jxdgeqwM?t=18
Il blocco avvia un processo di disimpegno delle risorse umane e materiali dal processo produttivo.L’economia reale in molti settori è bloccata.Miliardari, potenti istituti bancari e finanziari (che sono creditori di governi e società) stanno conducendo  una guerra non dichiarata contro l’economia reale . 
Mentre gli istituti finanziari e bancari di Big Money sono “creditori”, le entità societarie dell’economia reale che vengono destabilizzate e portate al fallimento sono “debitori”.Questo processo diabolico non si limita a spazzare via le piccole e medie imprese. 
Big Money è anche il creditore di grandi società (tra cui compagnie aeree, catene alberghiere, laboratori di alta tecnologia, rivenditori, società di import-export, ecc.) Che sono ora sull’orlo della bancarotta.Negli Stati Uniti, numerosi rivenditori, compagnie aeree, catene di ristoranti e alberghi hanno presentato istanza di fallimento del capitolo 11 a febbraio. Ma questo è solo l’inizio. 
La grande ondata di fallimenti si verificherà a seguito del blocco (“La nuova normalità”). E al momento della stesura (maggio 2020), l’establishment finanziario sta incessantemente spingendo i governi nazionali (corrotti) a rinviare la revoca del blocco. 
E i governi ci stanno dicendo che si tratta di “proteggere le persone dal virus”.Ciò che questi rapporti non menzionano sono le cause non dette: una campagna di paura da parte dei creditori, istruzioni da parte di governi corrotti di chiudere l’economia, presumibilmente di “salvare vite umane”, che è una grande menzogna. Le vite non vengono salvate e lo sanno.
La crisi del coronavirus “ha bloccato gli affari degli Stati Uniti”. Le economie nazionali sono destabilizzate. L’obiettivo di Big Money è quello di indebolire i loro concorrenti, “raccogliere i pezzi” ed eventualmente acquistare o eliminare le società fallite. 
E ce ne sono molti tra cui scegliere.Cerchiamo di essere chiari. Questa è un’agenda imperiale. Cosa vogliono le élite finanziarie globali?
La tendenza è verso la centralizzazione e la concentrazione del potere economico.
I governi nazionali fortemente indebitati  sono strumenti di Big Money. Sono delegati. 
Gli appuntamenti politici chiave sono controllati da gruppi di pressione che rappresentano Wall Street, The Military Industrial Complex, Big Pharma, Big Oil, Corporate Media e Digital Communications Giants, ecc.Big Money in America e in Europa (attraverso i gruppi della lobby di Washington) cercano di controllare i governi nazionali.In che direzione stiamo andando? 
Qual è il futuro dell’umanità?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.