Argumentum ad hominem: denigrare quando mancano gli argomenti

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 11 Aug 2020

“Grandi menti discutono di idee, menti mediocri discutono di eventi, piccole menti discutono degli altri”, diceva Eleanor Roosevelt. E non si sbagliava. Quando manca la statura intellettuale, si cade nel fango personale.

Purtroppo, la tendenza a denigrare gli altri quando non si hanno argomenti solidi è sempre più comune in tutti gli ambiti della vita sociale, una tendenza che mette in pericolo la possibilità di raggiungere un’intesa perché distrugge i ponti. Questa tendenza è nota come argumentum ad hominem o “argomento contro l’uomo”.

Cosa si intende per argumentum ad hominem?

L’argumentum ad hominem è onnipresente nella nostra quotidianità. Lo incontriamo nei media o nei social network, quando ci sono due parti che difendono argomenti contrari e una di loro cerca di screditare l’altra ricorrendo ad argomenti irrilevanti come l’aspetto personale, il genere, l’orientamento sessuale, la nazionalità, la cultura, la religione o l’appartenenza politica.

L’argumentum ad hominem è la tendenza ad attaccare l’interlocutore, invece di confutare le sue idee. Chi lo utilizza, confuta gli argomenti dell’altro attraverso attacchi personali volti a minarne l’autorità o l’affidabilità.

Si può ricorrere a insulti personali, umiliazioni pubbliche o persino menzionare errori che la persona ha commesso in passato. È comune anche attaccare caratteristiche personali dell’interlocutore che, apparentemente, sono in contraddizione con la posizione che difende. E c’è chi ricorre a bugie o esagera i presunti difetti dell’altro per distruggerne le idee.

L’obiettivo principale di questo atteggiamento è screditare la persona che difende un’idea spostando il centro dell’attenzione su un aspetto irrilevante che non ha nulla o poco a che fare con la questione.

Molti esempi di argumentum ad hominem si sono verificati e continuano a verificarsi nel corso della storia. Arthur Schopenhauer, ad esempio, era un misogino, ma ciò non significa che molte delle sue idee filosofiche non fossero estremamente interessanti. Ayn Rand era una strenua difensora del capitalismo, ma ciò non implica che non possiamo valorizzare il suo oggettivismo.

Come sottolineava il politico García Damborenea: “È comprensibile che l’idea possa dispiacere, ma se Hitler affermasse che due più due fa quattro, bisognerebbe dargli ragione”. Dopotutto, anche un orologio fermo dice la verità due volte al giorno. Se non accettiamo quella realtà, ci chiudiamo semplicemente alla diversità e alla complessità che esistono nel mondo. E probabilmente perderemo l’opportunità di crescere, restando intrappolati nelle idee di chi pensa come noi e condivide il nostro sistema di valori.

La denigrazione personale dice di più dell’attaccante che dell’attaccato

L’argumentum ad hominem è spesso il risultato di mancanza di argomentazioni e frustrazione. Usare questa strategia è come se un calciatore, non riuscendo a raggiungere la palla, sgambettasse l’avversario per farlo cadere. Non è un gioco leale. E, senza dubbio, dice molto di più dell’attaccante che di chi viene attaccato.

Quando non si hanno idee solide, si ricorre alla denigrazione e all’umiliazione. Questi attacchi possono diventare estremamente virulenti e personali, dato che mirano a far vergognare l’altra persona e farla rimanere in silenzio o che perda la propria credibilità.

Tuttavia, gli attacchi personali squalificano anche l’attaccante, perché mostrano la sua irrazionalità e la sua povertà di argomenti. Chi non può combattere sul piano delle idee, ma vuole vincere a tutti i costi, trascinerà il suo interlocutore sul piano personale.

Siamo molto vulnerabili agli argomenti ad hominem

Il problema principale è che, mentre ci piace pensare a noi stessi come persone altamente razionali e sensibili, in realtà siamo particolarmente vulnerabili all’argumentum ad hominem, come hanno scoperto i ricercatori della Montana State University.

Questi ricercatori chiesero alle persone di leggere delle dichiarazioni scientifiche e indicare il loro atteggiamento in proposito. In alcune dichiarazioni si aggiungeva un attacco diretto alla base empirica dell’affermazione scientifica, in altre si inseriva un attacco ad hominem allo scienziato che faceva l’affermazione.

I ricercatori scoprirono che gli attacchi ad hominem hanno lo stesso impatto sulle nostre opinioni degli attacchi basati su argomenti logici e scientifici. Ciò significa che non siamo obiettivi nel valutare gli argomenti.

In parte, questa tendenza è dovuta al fatto che la credibilità ei valori condivisi dell’emittente sono caratteristiche che consideriamo positive e determinano l’influenza che un messaggio avrà su di noi. Se qualcuno attacca la fonte delle informazioni attaccandone la credibilità o mettendone in discussione i valori, getterà i semi del dubbio ed è probabile che daremo meno importanza e credibilità alle sue idee ed opinioni.

Quando si provoca un atteggiamento di rifiuto nei confronti dell’avversario, si sviluppa anche un il rifiuto nei confronti delle sue parole. È un fenomeno psicologico di transfert che è esacerbato dalla nostra tendenza a considerare le discussioni o i dibattiti come competizioni in cui deve esserci un vincitore. E nella nostra società, per vincere non è sempre necessario avere ragione, ma prevalere, anche attraverso la denigrazione.

Come sfuggire all’argumentum ad hominem?

Se qualche volta ci troviamo nel mezzo di un dibattito e siamo tentati di attaccare personalmente il nostro interlocutore, è meglio che ci fermiamo un secondo a pensare a quale emozione ci spinge a farlo. È probabile che sia la rabbia o la frustrazione. Invece, dovremmo pensare che un dibattito costruttivo non è quello in cui vengono dichiarati vincitori e vinti, ma quello in cui si cresce entrambi.

Essere vittima di questo tipo di attacchi può essere molto frustrante. Pertanto, la prima cosa è contenere l’impulso a contrattaccare e portare il conflitto a livello personale. Jorge Luis Borges raccontò un aneddoto in “Storia dell’eternità” in cui ad un uomo veniva gettato un bicchiere di vino in faccia nel mezzo di una discussione. L’attaccato non si scompose. Disse semplicemente: “Questa, signore, è una digressione; attendo, tuttavia, il suo argomento”.

Dobbiamo anche proteggerci dal tipo di “argomentazione” ingannevole che ha lo scopo di manipolare l’opinione delle masse perché non ascoltino le idee valide. Si tratta, quindi, di mantenere una mente aperta e stare in guardia da qualsiasi attacco personale, perché probabilmente implica che dietro c’è un’opinione o un’idea solida difficile da screditare.

Fonti:

Barnes, R. M. et. Al. (2018) The effect of ad hominem attacks on the evaluation of claims promoted by scientists. PLoS One; 13(1): e0192025.

Dahlman, C. et. Al. (2011) Fallacies in Ad Hominem Arguments. Cogency; 3(2): 105-124.

García Damborenea, R. (2005) Falacia ad hominem, o falacia ad personam. Diccionario de Falacias; 46-52.

La entrada Argumentum ad hominem: denigrare quando mancano gli argomenti se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.