Come le agenzie di stampa globali e i media occidentali agiscono come moltiplicatori di propaganda

Dal blog https://www.vietatoparlare.it/

by Patrizio Ricci10 Settembre 2020

La LENA  Leading European Newspaper Alliance fondata nel 2015 è una rete di cooperazione globale che raggruppa parecchie testate giornalistiche Lo scopo dell’alleanza è lo “sviluppo e lo scambio di contenuti editoriali” con altri membri come “The World”, “El Pais” dalla Spagna, “La Republica” dall’Italia, “Le Figaro” dalla Francia, “Le Soir” dal Belgio, nonché il “Tages-Anzeiger” e la “Tribune de Genève “dalla Svizzera.

Ecco quanto diceva il direttore di LENA nel 2015:

Uno degli obiettivi della collaborazione è lo sviluppo e lo scambio di contenuti editoriali. I membri possono accedere a contributi selezionati dai membri tramite una piattaforma comune e le interviste, le caratteristiche ei commenti devono essere pubblicati congiuntamente e simultaneamente in futuro. Sono inoltre previsti un programma di scambio di personale e misure congiunte di sviluppo digitale. In occasione di eventi congiunti, esperti e decisori politici e economici dovrebbero anche scambiarsi idee su questioni centrali dello sviluppo europeo.https://googleads.g.doubleclick.net/pagead/ads?client=ca-pub-7805910292342175&output=html&h=188&slotname=8503338069&adk=2280682378&adf=1872365430&w=750&fwrn=4&lmt=1599923444&rafmt=11&psa=1&guci=1.2.0.0.2.2.0.0&format=750×188&url=https%3A%2F%2Fwww.vietatoparlare.it%2Fcome-le-agenzie-di-stampa-globali-e-i-media-occidentali-agiscono-come-moltiplicatori-di-propaganda%2F&flash=0&wgl=1&adsid=ChEI8OPx-gUQqODwzP2HjrGPARJIAAheeTzr37g2gTlPp6j5kEvMNXCtr00vq1iFqG1ZImcPVzGKo3TFwC5seHYx7F9f7A6IWQrQkIZlc5Zws0ycfXzdfaLCSwiK&dt=1599923442771&bpp=60&bdt=281&idt=1144&shv=r20200909&cbv=r20190131&ptt=9&saldr=aa&abxe=1&correlator=3443785633281&frm=20&pv=2&ga_vid=987373966.1599923398&ga_sid=1599923444&ga_hid=255440094&ga_fc=0&icsg=4503599627370492&dssz=68&mdo=0&mso=0&rplot=4&u_tz=120&u_his=3&u_java=0&u_h=1080&u_w=1920&u_ah=1040&u_aw=1920&u_cd=24&u_nplug=0&u_nmime=0&adx=384&ady=1327&biw=1908&bih=886&scr_x=0&scr_y=0&eid=44726948%2C182982000%2C182982200&oid=3&pvsid=3385742698039922&pem=472&ref=https%3A%2F%2Fwww.vietatoparlare.it%2F&rx=0&eae=0&fc=896&brdim=0%2C0%2C0%2C0%2C1920%2C0%2C1920%2C1016%2C1920%2C886&vis=1&rsz=%7C%7CeEbr%7C&abl=CS&pfx=0&fu=8320&bc=31&jar=2020-09-05-12&ifi=1&uci=a!1&btvi=1&fsb=1&xpc=Ik2v3KMA6Q&p=https%3A//www.vietatoparlare.it&dtd=1427 Pubblicità

“Questa alleanza contribuirà a una trasformazione davvero profonda dei nostri giornali attraverso la creazione di contenuti e sviluppi digitali ed economici che altrimenti non sarebbero stati possibili – a beneficio dei nostri lettori in tutto il continente”, sottolinea Javier Moreno, Direttore di Lena. (fonte)

Come LENA esistono altre reti di collaborazione per cui particolari contenuti sono ripresi l’uno dall’altro.

Ad esempio, il presidente di Tamedia Pietro Supino è stato nominato nell’aprile 2020 dal Consiglio di Amministrazione del gruppo editoriale GEDI , di cui fa parte tra l’altro, John Elkann presidente e Maurizio Scanavino .

Il Gedi Gruppo Editoriale è uno dei principali operatori italiani nel settore dei media, attivo nelle seguenti aree di business: stampa, radio, pubblicità e digitale. È editore di la Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX, 13 testate locali, il settimanale l’Espresso e altri periodici. Fanno parte del gruppo anche 3 emittenti radiofoniche nazionali (Radio Deejay, Radio Capital, m2o). Gedi opera, inoltre, nel settore internet e raccoglie la pubblicità tramite la concessionaria Manzoni (Stampa).

Non si tratta di teorie della cospirazione ma gli organigrammi in atto mostrano come inevitabilmente i raggruppamenti di media che hanno riferimenti editoriale piramidali e aggregati transnazionali mirano a seguire particolari politiche condivise. In altri termini, il comportamento dei media – con l’aiuto di gruppi di pressione e social network – , prevede che rifletteranno più o meno il discorso in corso delle élite.

Il ricercatore sui media Noam Chomsky lo ha spiegato in un saggio del 1997 come segue: “Il punto cruciale è: questi giornalisti non sarebbero lì se non avessero dimostrato per molto tempo che nessuno deve dir loro cosa scrivere – perché hanno già il” modo corretto di scrivere”.  In altre parole: questi giornalisti hanno attraversato un processo di iniziazione “.

I veri mass media stanno fondamentalmente cercando di deviare le persone. [E’ come se dicessero]: Lascia che facciano qualcos’altro, ma non disturbarci (siamo le persone che gestiscono lo show). Lascia che si interessino agli sport professionistici, ad esempio. Lascia che tutti siano impazziti per gli sport professionistici o gli scandali sessuali o le personalità e i loro problemi o qualcosa del genere. Qualsiasi cosa, purché non sia una cosa seria. Ovviamente, le cose serie sono per i grandi. “Noi” ci prendiamo cura di questo.

Stessa cosa dicasi per le agenzie di stampa internazionali. La maggior parte delle notizie internazionali in tutti i nostri media provengono da sole tre agenzie di stampa globali di New York, Londra e Parigi.

Come si può notare il ruolo chiave di queste agenzie  è quello di coprire principalmente gli stessi argomenti e spesso usano la stessa formulazione. I governi, le forze armate e i servizi segreti utilizzano le agenzie globali come moltiplicatori per la diffusione mondiale dei loro messaggi. Il collegamento in rete transatlantica dei media  garantisce che il punto di vista desiderato non venga messo in dubbio.

Il 78% di tutti gli articoli dei vari media si basa interamente o parzialmente su rapporti di agenzie, mentre lo 0% su ricerche investigative. Inoltre, l’82% di tutti i commenti e delle interviste generalmente sono favorevoli agli USA / NATO, mentre la propaganda si trova solo dall’altra parte.

A causa della concentrazione dei media oggi è molto difficile una informazione corretta e purtroppo siccome essi sono presenti anche su internet, anche internet ormai non è indenne si possono già osservare vari tentativi di censura tramite ‘controlli di veridicità’ , in caso contrario personaggi ricondotti ai suddetti aggregati bannano o “riducono la  visibilità” delle persone o media minori inadempienti.

Quindi morte ai giornaloni e diamo credito a quelli presenti solo su internet? Non proprio, anche qui esistono influenze di gruppi di pressione. Ad esempio, il portale online tedesco Correctiv  che si definisce un “centro di ricerca senza scopo di lucro”, “no profit” e “indipendente”, in realtà è finanziato da Deutsche Bank , Open Society Foundations di George Soros , il Ministero dell’Interno tedesco attraverso la sua “Agenzia Federale per l’Educazione Civica”  , ZDF , la Konrad Adenauer Foundation affiliata alla CDU  e RTL e Google (vedi qui).

In definitiva resta allora solo il curare la fede e la crescita della propria persona, perchè sia sempre centrata la coscienza del mondo e di sé. I mezzi in rete rimangono comunque potenti ed imparagonabili a quelli di alcuni decenni fa. Occorre  rendersi conto che siamo in guerra e che il nostro futuro dipenderà dalla nostra libertà di riconoscere.

@vietatoparlare

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.