LUCANIA

È amara l’acqua dei nostri fiumi:

troppe lacrime abbiamo versato.

Se ci mangia la frana i nostri campi

e ci spia la malaria dai canneti,

più ci attacchiamo a questa terra dura,

senza canti e leggende, terra chiusa

tra le rocce e i dirupi,

noi che amiamo l’ulivo che piantiamo,

l’argilla e il grano stento

conteso alla gramigna e alla palude.

Poesia di G. STOLFI

2 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.