Ferrero tra lavoro minorile e deforestazione: filiera sotto accusa

Dal blog https://www.osservatoriodiritti.it/

di Laura Filios 16 Settembre 2020

Lavoro minorile e lavoro forzato, traffico di bambini e deforestazione: secondo l’ultimo report di Anti-Slavery International e Coalizione europea per la giustizia d’impresa la filiera della Ferrero non è così pulita come dichiara la storica azienda di Alba

Lavoro minorile e lavoro forzato, traffico di bambini e deforestazione. La filiera della Ferrero non è così pulita come dichiara la storica azienda di Alba. A dirlo è “What if?“, l’ultimo rapporto pubblicato da Anti-Slavery International e dalla Coalizione europea per la giustizia d’Impresa (Eccj) in cui viene ribadita la necessità di un’azione più efficace per contenere l’impatto negativo dei suoi prodotti “glocali”:

«La Ferrero dovrebbe aumentare la trasparenza e agire per tracciare e mappare la propria filiera, fino al livello dell’azienda agricola», in particolare rispetto alla linea di approvvigionamento del cacao.

Lavoro nei campi: chi raccoglie il cacao per la Nutella

Il prodotto di punta della Ferrero, la Nutella, è venduto in tutto il mondo. La quantità che viene prodotta ogni anno è pari a quasi due volte la circonferenza della Terra. I chili di Nutella che escono dagli stabilimenti sono pari al peso dell’Empire State Building.

Il cacao usato per produrre la crema spalmabile più famosa proviene principalmente – si legge sul sito della Nutella – da Costa d’Avorio e Ghana, i due più grandi produttori dell’Africa Occidentale.

Da qui proviene più della metà del cacao del mondo. Ed è qui che – sempre secondo il report “What if?” – si registrano moltissimi casi di lavoro minorile e lavoro forzato, per non parlare dell’impatto che questo settore ha sull’ambiente.

Lavoro minorile e forzato in Ghana e Costa d’Avorio

«Si stima che ci siano 2,1 milioni di bambini impegnati nell’industria del cacao in questi due paesi. Di questi il 96% si ritiene sia in condizioni di lavoro pericolose».

Ma che cosa porta i ragazzini a finire nelle piantagioni? I ricercatori scrivono che «le cause del lavoro minorile nella regione sono diverse: dalla povertà cronica alla mancanza di accesso all’istruzione, dall’insufficienza della terra allo scarso potere contrattuale degli agricoltori che non riescono a fissare prezzi che garantiscano un reddito utile alla sopravvivenza minima».

Leggi anche:
Diritti dei bambini: un 20 novembre per dire basta a violazioni e disuguaglianze
Caporalato: la vera storia di Lucia, raccoglitrice di pomodori in Puglia

ferrero lavoro minorile
In Ghana e Costa d’Avorio buona parte della raccolta del cacao è affidata a bambini – Foto: via Wallpaperflare

Deforestazione: le conseguenze dell’industria del cacao

E non è tutto. Se c’è un motore della deforestazione in Africa Occidentale, questo è proprio l’industria che ruota intorno al cacao, secondo un’indagine pubblicata tre anni fa da Mighty Earth, un’organizzazione impegnata nella protezione delle foreste, nella conservazione degli oceani e nella lotta alla crisi climatica.

In Costa d’Avorio si stima che più del 90% dei parchi nazionali e delle aree protette siano stati rasi al suolo e sostituiti con piantagioni di cacao.

In Ghana, circa un quarto della deforestazione è collegato alla produzione di questa materia prima: tra il 2001 e il 2014 sono spariti 120 mila ettari di aree protette solo per far posto alle piante di cacao. A fare le spese di questa perdita di biodiversità anche elefanti e scimpanzé, che sono stati decimati.

Leggi anche:
Imprese e Diritti Umani: una newsletter per chi vuole cambiare le cose
Minerali insanguinati: sospetti sull’oro svizzero comprato negli Emirati Arabi

ferrero spa
Sede della Ferrero Spa ad Alba – Foto: Anton Nikiforov (via Wikimedia Commons)

Ferrero: il potere di una multinazionale

I prodotti della Ferrero sono presenti e commercializzati in più di 170 stati. Il gruppo è presente in più di 50 paesi e durante il 2017/2018 ha utilizzato un totale di quasi due milioni di tonnellate di materie prime agricole e per il confezionamento.

«La Ferrero International S.A., in quanto seconda industria del cioccolato più grande al mondo, che si rifornisce di cacao interamente dall’Africa occidentale e dall’Ecuador, può fare molto di più per affrontare i problemi che si verificano agli estremi delle sue filiere», suggerisce il rapporto di Anti-Slavery.

Per esempio, potrebbe rivedere le proprie pratiche d’acquisto, visto che proprio il prezzo eccessivamente basso del cacao è una la causa scatenante dello sfruttamento di minori nelle piantagioni.

Allo stesso tempo, «gli agricoltori e i lavoratori agricoli, le comunità e i loro rappresentanti potrebbero contestare la presunta incapacità della Ferrero di garantire il rispetto dei loro diritti dinanzi alle autorità giudiziarie e amministrative lussemburghesi».

Leggi anche:
Eni Nigeria: Abuja chiede risarcimento da un miliardo di dollari a Eni e Shell
Israele: scontro con l’Onu sulle aziende nei Territori palestinesi occupati

ferrero lavoro con noi
Una donna con un frutto di cacao in mano in Ghana – Foto: Antoshananarivo (via Wikimedia Commons)

Ferrero: reputazione sotto accusa

«Ferrero è oggi stabilmente classificata tra le prime aziende al mondo per la sua reputazione. Ciò è dovuto anche alle importanti iniziative di responsabilità sociale del Gruppo. Queste sono sintetizzate nella strategia CSR (responsabilità sociale d’impresa, ndr) di Ferrero, focalizzata sull’eccellenza nella qualità e l’innovazione, la comunicazione trasparente, l’attenzione per le persone, il supporto alle comunità locali, la promozione di stili di vita attivi tra le giovani generazioni così come il suo forte impegno verso pratiche agricole sostenibili e l’attenzione all’ambiente», si legge sul sito del gruppo.

Ma le buone intenzioni, le certificazioni, i nuovi mezzi di comunicazione e tutte le altre azioni racchiuse nel rapporto sulla responsabilità sociale d’impresa, non sono bastate a metterla al riparo dalle accuse di avere gravi falle nella propria filiera globale.

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Diritti

Sfruttamento lavorativo dall’Africa alla Turchia: il problema della filiera

Problemi simili a quelli che si vedono nell’approvvigionamento di cacao in Africa Occidentale si riscontrano anche in Turchia. Il paese negli ultimi anni si è trasformato nel bacino di produzione di un altro ingrediente fondamentale per la preparazione della Nutella, e in molti dei prodotti a marchio Ferrero, la nocciola.

Stefano Liberti, in un’inchiesta pubblicata su Internazionale negli giugno 2019, denunciava l’atteggiamento monopolistico dell’azienda di Alba nei confronti dei produttori turchi «che ormai non possono più fare a meno di questo partner».

Leggi anche
• Agricoltura industriale: i movimenti chiedono all’Europa di darci un taglio
Gasdotto Tap: i rischi per ambiente e popolazione corrono lungo il tracciato

ferrero lavoro stagionale
La Turchia negli ultimi anni è diventato uno dei principali fornitori di nocciole della Ferrero – Foto: via Pixabay

Lavoro minorile: da dove arrivano le nocciole usate dalle Ferrero

In un articolo del dicembre 2019, il quotidiano britannico The Guardian ha messo in luce come circa il 30% di tutte le nocciole che utilizza la Ferrero proviene dalla Turchia, proprio lì dove il lavoro minorile è molto diffuso. In una dichiarazione al quotidiano britannico, la Ferrero ha riconosciuto il problema del lavoro minorile nel settore agricolo turco e ha affermato di essere «determinata a prevenire ed eliminare il lavoro minorile lungo tutte le catene di approvvigionamento».

Eppure, secondo un’inchiesta della BBC, per la multinazionale non è facile dimostrare che le nocciole che finiscono nella Nutella non sono state raccolte dai bambini. E lo stesso vale per il cacao del Ghana e della Costa d’Avorio.

Secondo il documento appena pubblicato da Anti-Slavery International e dalla Coalizione europea per la giustizia d’Impresa, nelle aziende agricole lungo la costa del Mar Nero, le famiglie di rifugiati siriani e curdi raccolgono le nocciole che vanno a finire nei famosi prodotti del marchio.

«Questi lavoratori sono estremamente vulnerabili allo sfruttamento e a condizioni di lavoro disumane. Lavorano per lunghe ore, ma non guadagnano nemmeno il salario minimo. Questo significa che molti sono costretti a portare i loro figli a raccogliere con loro. I bambini lavorano fino a 12 ore al giorno, spesso in condizioni pericolose per la bassa retribuzione, senza un contratto o attrezzature adeguate per la salute e la sicurezza, e mancano all’inizio dell’anno scolastico», si legge ancora nella ricerca.

Lo studio sottolinea anche che «gli agricoltori dicono che la Ferrero non paga un prezzo equo per le loro nocciole. Dato che l’azienda è uno dei maggiori acquirenti di nocciole turche, la Ferrero dovrebbe usare il suo potere e la sua influenza per garantire che i lavoratori adulti siano pagati con salari dignitosi e che i bambini non raccolgano i loro prodotti per una miseria invece di andare a scuola».

Dall’azienda Ferrero Spa alla multinazionale: storia di un impero da 36 mila lavoratori

In poco più di 70 anni l’azienda fondata da Pietro Ferrero nel 1946 ha raggiunto una enorme notorietà a livello internazionale. Da impresa familiare si è trasformata in una multinazionale di diritto lussemburghese, con un fatturato consolidato pari a 11,4 miliardi di euro e oltre 36 mila dipendenti (dati relativo all’esercizio chiuso il 31 agosto 2019).

Con il tempo la Ferrero è diventata nota, oltre che per i suoi prodotti, anche per aver fatto della responsabilità sociale d’impresa un suo cavallo di battaglia. Eppure, nonostante l’impegno in difesa dei diritti umani racchiuso nel motto “Condividere valori per creare valore”, la filiera a cui fa capo la Ferrero continua ad avere anelli deboli.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.