Superbonus 110%, tutela dai rischi per professionisti

Leggiamo dal blog https://www.ilsole24ore.com

<<Il Superbonus 110% per l’efficientamento energetico e la riduzione del rischio sismico rappresenta un’occasione non soltanto per i condomìni e i singoli cittadini, per le imprese di costruzione che realizzeranno i lavori. Si tratta di un’opportunità che può aumentare in modo significativo il lavoro e i guadagni per i professionisti del settore, in particolare architetti, ingegneri, periti industriali e geometri, chiamati a certificare che i candidati alla detrazione diretta e alla cessione o allo sconto abbiano tutte le carte in regola.

Ma il Superbonus chiama in causa anche commercialisti, consulenti del lavoro, esperti contabili, periti ed esperti iscritti nei ruoli delle Camere di Commercio e responsabili dei Caf, a cui è riservato il rilascio del visto di conformità. Si tratta di una dichiarazione del professionista di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione nonché della presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai tecnici incaricati. Per questo tipo di attività la legge già da anni prevede una copertura assicurativa obbligatoria con condizioni specifiche, come ad esempio un massimale non inferiore ai 3 milioni di euro.>>

In sintesi la chiamata alle armi del quotidiano della Confindustria è anche un meme che serve ad attivare l’attenzione (nel caso di professionisti, ma utile anche saperlo agli utenti) su uno degli aspetti burocratici di un provvedimento che oltre al merito tecnico specifico in ogni intervento richiede garanzie. E le assicurazioni assieme alle banche (spesso sono legate le due cose) sono lì ad offrire servigi … a pagamento il cui costo in qualche misura entra nella formazione del costo complessivo di un singolo intervento. Alcune banche legate appunto alle assicurazioni, cioè che hanno dentro le proprie opzioni di mercato anche società derivate di “Assurance” hanno ovviamente un guadagno maggiore perchè nel prestare soldi e andare all’incasso dallo stato col 110% del superbonus hanno evidenti vantaggi economici.

Un pò come succede nella sanità dove ormai il ciclo di corsi e ricorsi contro errori medici nell’esercizio della propria attività fanno salire il costo medio del medico stesso per stare sul “mercato” sanitario.

Con alcune varianti che vedeva gli stessi medici impediti o a rischio personale di fare alcune operazioni proprio per i costi proibitivi delle assicurazioni.

Sono le varianti dentro una realtà anche di buone idee come quella del superbonus, che poi complicano la vita di un mercato generale dove i limiti sono dettati da grandi società di assicurazioni

Gianni Gatti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.