Heineken: bollicine tossiche in Africa

Dal blog http://www.labottegadelbarbieri.org/

La Bottega del Barbieri

Un reporter olandese ha raccontato in un libro la strategia della multinazionale della birra per sfruttare i lavoratori dalla Tunisia alla Repubblica Democratica del Congo

di Olivier Van Beemen

La prima volta che Heineken mi ha stupito è stato in Tunisia, all’inizio del 2011, quando per un giornale di economia olandese stavo coprendo la rivoluzione dei gelsomini e la caduta del presidente Ben Ali. Durante le mie indagini, ho scoperto che Heineken manteneva stretti legami con il clan familiare cleptocratico che aveva governato la Tunisia per quasi venticinque anni. Non era solo il rapporto in sé che mi aveva sbalordito, era il fatto che Heineken stessa producesse birra in Tunisia. Sapevo che l’azienda stava facendo affari in tutto il mondo e avevo una vaga idea che avrebbe avuto birrifici al di fuori dei Paesi Bassi, ma non avevo mai realizzato su che scala: 165 birrifici in più di 70 Paesi, inclusa questa autocrazia nordafricana.

NEL SUO CODICE di condotta, Heineken descrive i suoi lavoratori come «la nostra più grande risorsa». Allora, com’è davvero lavorare per Heineken in Africa? Non male, a prima vista. In tutto il continente ho incontrato ex dipendenti che guardano con orgoglio alla loro carriera, indipendentemente dal fatto che trasportassero casse o gestissero il birrificio. La maggior parte dei membri del personale di Heineken in Africa ha stipendi relativamente bassi per gli standard locali, ma Heineken compensa questo aspetto definendosi un datore di lavoro attento e incoraggiante.

«Come semplice operatore, non guadagni molto», dice un ex manager ruandese il cui primo lavoro è stato come tecnico di manutenzione. «Ma i supervisori e il personale più in alto sono ben pagati e quando ho iniziato c’erano molti più ruoli manageriali disponibili rispetto ad altre società. Se fai bene il tuo lavoro, questo viene riconosciuto e promosso». Per i dipendenti di successo, ci sono anche vantaggi a migliorare il proprio status, come auto aziendali o dispositivi tablet. I dipendenti apprezzano anche l’ampia gamma di corsi di formazione offerti.

PER LA MAGGIOR PARTE del personale Heineken in Africa non esiste un regime pensionistico, ma a fine carriera spesso si ha diritto a un buon pacchetto di fine rapporto. Alcuni usano i soldi per avviare la propria azienda. Ho trovato ex dipendenti che avevano avviato un allevamento ittico, un’attività di consulenza e un panificio. Altri erano rimasti fedeli alla loro vecchia area di lavoro e hanno aperto un bar.

C’è una parte di dipendenti che si preoccupa di più di questi aspetti: gli espatriati. Molto spesso, l’azienda gestisce ville di lusso ad affitto gratis, parte di/o nei pressi di proprietà Heinken, riservati al personale espatriato. Il numero di manager africani è aumentato in tutto il continente, ma nella maggior parte dei paesi il personale bianco rimane in cima alla gerarchia. (Nel momento in cui scrivo, 9 su 13 filiali africane sono guidate da europei e soltanto 4 da africani).

SECONDO IL RAPPORTO annuale di Heineken 2014, i neo-assunti dei birrifici nigeriani guadagnavano poco più di 2000 dollari all’anno (circa 1500 euro), mentre la società spendeva lo stesso importo ogni giorno per un regista olandese in Nigeria, senza contare i bonus.

La sicurezza sul posto di lavoro è una seria preoccupazione per i dipendenti Heineken. Secondo le statistiche globali dell’azienda, centocinquanta persone – personale o subappaltatori – sono morte in incidenti sul lavoro tra il 2005 e il 2016. Alcuni sono caduti dalle impalcature, o sono stati schiacciati sotto i recinti, uccisi in esplosioni e bruciati vivi. Altri hanno conseguito disabilità permanenti a seguito di amputazioni, ustioni e altri incidenti. Secondo una dichiarazione del 2017 di Heineken, le attività in Africa rappresentano il 26% degli «incidenti e incidenti sul posto (minori, gravi, mortali)».

NELLE SUE ATTIVITÀ in tutta l’Africa, Heineken utilizza sempre più spesso subappaltatori e lavoratori a zero ore. In molti paesi, il reddito di un lavoratore a giornata o di un lavoratore temporaneo non corrisponde al «tenore di vita dignitoso» che l’azienda definisce essere il suo obiettivo.

Un addetto alle pulizie nella Repubblica Democratica del Congo non può sopravvivere con uno stipendio mensile di 40/50 dollari, e anche una guardia di sicurezza che guadagna il triplo troverà difficile sbarcare il lunario. Inoltre, i lavoratori esterni non hanno diritto all’assistenza sanitaria o ad altri servizi. In teoria, sono le agenzie che li assumono a doverli fornire, ma in caso contrario non si tende a impedire a Heineken di collaborare con loro.

A LUBUMBASHI, una città della Rdc, ho incontrato un lavoratore temporaneo che mi ha detto che non gli era permesso fare una pausa. «Quando i direttori vanno a pranzo, il personale continua a lavorare – ha affermato -. Avremmo dovuto avere una mensa, ma il budget è stato tagliato. Non hanno la frusta come una volta ai tempi del colonialismo, ma la pressione del lavoro è eccessiva e non è rapportata ai nostri stipendi».

Ha detto che ride ad alta voce allo slogan della Fondation Bralima, l’ente di beneficenza locale di Heineken: «Impegnato per il benessere dei congolesi». La sua conclusione: «Lascia che inizino con il benessere dei propri lavoratori».

(*) pubblicato sul quotidiano «il manifesto» in occasione dell’incontro al festival della rivista «Internazionale» – a Ferrara – con Olivier Van Beemen

Così sul sito della casa editrice Add

LA MINIERA D’ORO DI UNA MULTINAZIONALE EUROPEA

Per Heineken, la crescita dell’Africa è già una realtà: i profitti che ne ricava sono quasi il 50% superiori alla media globale. La multinazionale, che lì ha oltre quaranta birrifici, sostiene che la sua presenza favorisca lo sviluppo economico nel continente. Ma è vero?

Olivier van Beemen, inviato in Tunisia per un reportage sulla caduta del presidente Ben Ali durante la rivoluzione dei gelsomini, scopre che la multinazionale collabora con un uomo d’affari legato al dittatore. Era una notizia relativamente marginale ma se la multinazionale smentiva con tanta enfasi cosa si nascondeva negli altri Paesi?

Dopo sei anni di ricerche, la risposta è sconvolgente. Nell’armadio africano, Heineken ha alcuni scheletri scioccanti: elusione fiscale, abusi sessuali, legami con il genocidio e violazioni dei diritti umani, corruzione, connivenza.

Ogni «capitolo di viaggio» è seguito da un capitolo tematico con un contesto più ampio: come la multinazionale ha influito sulle economie e sulle società locali, quali considerazioni fare quando si produce birra in tempo di guerra o in un regime dittatoriale?

«Un libro che ci racconta come un comportamento aziendale irresponsabile impedisce lo sviluppo di un continente.» – African Business

«Un racconto critico sulla produzione della birra che arriva al cuore di cosa significhi fare affari in condizioni di mercato difficili. Un libro provocatorio.» – Financial Times

«Van Beemen con rigore e precisione elenca gli eccessi e le tribolazioni di Heineken in Africa.» – Le Monde

«Una narrazione leggibile, sfumata e critica che racconta del comportamento di una multinazionale in Africa. Van Beemen utilizza uno stile posato e una ricerca meticolosa. Un libro eccellente.» – Aidnography Blog

2 Comments

  1. Le multinazionali prima o poi finiscono nella tentazione di schiavismo per di più dietro all’immagine di benefattori.. Bisogna piano piano imparare ad essere più etici nei consumi, nel dubbio consumare solo prodotti interni.

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.