Cercasi colpevole: la teoria del capro espiatorio nella psicologia sociale

Posted: 18 Jan 2021

La teoria del capro espiatorio spiega un fenomeno abbastanza diffuso a livello sociale e individuale: la tendenza a cercare dei colpevoli a cui addebitare nostri errori. Il capro espiatorio è una persona o un gruppo che viene accusato, nonostante sia innocente, per sollevare qualcun altro dalle proprie responsabilità.

È un fenomeno sociale e psicologico che si è replicato nei secoli in diverse culture e che continua a verificarsi quotidianamente. Infatti, tutti noi a un certo punto potremmo diventare il capro espiatorio di qualcuno. Oppure potremmo fare di qualcuno il nostro capro espiatorio.

Come ha dimostrato lo psicologo Gardner Lindzey in una serie di esperimenti condotti negli anni ’50, le persone prevenute non sono più propense a proiettare la colpa, quando sono frustrate, rispetto a quelle meno prevenute. Ciò significa che il fenomeno del capro espiatorio ci riguarda tutti.

La duplice funzione psicologica del capro espiatorio

Puntare il dito contro qualcuno per trasformarlo in un capro espiatorio soddisfa due esigenze psicologiche. Serve soprattutto a minimizzare il senso di colpa per la responsabilità che abbiamo davanti a un risultato negativo, aiutandoci a mantenere un’immagine positiva di noi stessi. In secondo luogo, ci aiuta a mantenere il controllo percepito elaborando una chiara spiegazione di un risultato negativo altrimenti inspiegabile, come mostra uno studio realizzato presso l’Università del Kansas.

In altre parole, il capro espiatorio diventa il ricettacolo delle frustrazioni giocando un ruolo di primo piano nella narrazione che inventiamo per scusarci. In questo modo proteggiamo il nostro ego e manteniamo un certo senso di controllo e autoefficacia. Ci diciamo che se le cose vanno male, la colpa non è nostra ma di qualcun altro. E costruiamo una storia che lo supporti.

Questo meccanismo si sviluppa al di sotto della soglia della nostra coscienza attraverso la proiezione. La proiezione è un meccanismo psicologico attraverso il quale trasferiamo i sentimenti di disagio che proviamo, come rabbia, frustrazione, senso di colpa, vergogna, insicurezza o invidia, su un’altra persona o gruppo, spesso più vulnerabile e con poche armi per difendersi di quante ne servirebbero per smontare la narrazione che abbiamo inventato per scagionarci.

Attraverso la proiezione, i capri espiatori diventano il ricettacolo di quei sentimenti negativi che l’individuo, il gruppo o la società non vogliono accettare come propri. Questo processo consente alla persona o alla società di scaricare i contenuti psicologici più negativi e inaccettabili, che vengono sostituiti da un consolante senso di riaffermazione e di indignazione moralistica contro il capro espiatorio prescelto.

Così il capro espiatorio diventa un modo per spiegare il fallimento o le cattive azioni, preservando l’immagine positiva di noi stessi. Se una persona non ottiene un lavoro, ad esempio, può incolpare la persona che lo ha ottenuto, accusandola senza prove di aver avuto accesso a quella posizione solo perché appartiene ad una minoranza. In questo modo non deve nemmeno considerare la possibilità di non avere le conoscenze o le abilità richieste per il lavoro.

Il capro espiatorio salva il suo ego, ma è probabile che quella persona inizi a nutrire un odio smodato e in gran parte irrazionale nei confronti di certi gruppi che, secondo la sua narrativa, giocano sporco e sono colpevoli della maggior parte delle sue disgrazie. Ed è che la creazione di un “cattivo” implica necessariamente l’apparizione di un eroe, sebbene entrambe le figure siano fittizie.

Infatti, secondo la teoria del capro espiatorio, non è insolito che gli stessi cattivi abbiano bisogno di un cattivo più grande da incolpare. In tempi di incertezza e crisi, questo fenomeno si amplifica. In tali momenti, i leader politici, religiosi o di comunità possono sfruttare cinicamente quell’impulso arcaico e radicato di cercare capri espiatori in altri collettivi per distogliere l’attenzione dalle proprie inadeguatezze ed errori al fine di scaricare la loro parte di colpa e responsabilità.

Invidia, frustrazione e rabbia: la triade che porta al capro espiatorio

Un’interessante teoria del capro espiatorio che cerca di spiegare questo fenomeno nell’ambito della psicologia sociale fa riferimento a una qualità molto umana: l’invidia. Secondo il filosofo René Girard, abbiamo la tendenza a imitare gli altri, ma arriva un punto in cui l’imitazione cancella le differenze tra le persone, facendoci diventare più simili e desiderare le stesse cose. Vogliamo ottenere lo stesso successo e godere dello stesso stile di vita.

La somiglianza nei nostri obiettivi ci porta a lottare per le stesse cose e genera rivalità. Quindi si instaura una sorta di guerra hobbesiana di tutti contro tutti. L’invidia verso coloro che hanno ciò che non siamo stati in grado di ottenere e le rivalità mimetiche si vanno accumulando gradualmente nella società incrementando il livello di tensione fino a quando non si verifica una svolta.

In quel momento, l’ordine e la ragione possono rapidamente lasciare il posto al caos e alla violenza. Infatti, queste rivalità finiscono per minacciare l’esistenza stessa di gruppi e società, quindi è essenziale superare queste lotte interne. Girard crede che a questo punto la violenza e la rabbia si risolvano con una dose minore di violenza esercitata su un individuo o un gruppo.

Per attenuare questa “follia di massa”, che rappresenta una vera e propria minaccia esistenziale per la società, si sceglie una persona o un gruppo vulnerabile facendolo diventare il capro espiatorio e ricettacolo di tutti i sentimenti negativi. All’improvviso, le persone che si stavano combattendo, uniscono le forze contro quel nemico comune, che incarna la fonte di tutti i loro mali.

In questo processo, gli ex nemici diventano amici poiché hanno un avversario comune su cui scaricare tutte le loro frustrazioni e rabbia. Tuttavia, perché la punizione del capro espiatorio permetta di espiare davvero la colpa della società e di tranquillizzarla, questi non può essere visto come un individuo o un gruppo innocente. La vittima deve diventare una creatura malvagia e mostruosa che ha violato un divieto implicito o esplicito e che, quindi, merita di essere punita.

Pertanto, le persone e le comunità ingannano se stesse, costruendo una narrazione in cui la vittima è colpevole della crisi e dei problemi che le affliggono. Pertanto, avendo spostato tutte le insoddisfazioni e le frustrazioni sul capro espiatorio, si ritiene anche che il suo sacrificio ristabilirà la pace e risolverà tutti i conflitti.

Così, il capro espiatorio finisce per essere condannato, espulso o isolato. Quindi l’ordine sociale viene ristabilito. Ma il ciclo ricomincia perché gli individui continuano a ingannare se stessi, non sviluppano autodeterminazione e pensiero critico ma continuano a desiderare lo stesso degli altri, il che porterà inevitabilmente a un’altra caccia alle streghe.

Maria Antonietta d’Austria è l’esempio perfetto di capro espiatorio poiché quando sposò l’allora erede al trono, Luigi XVI di Francia, il paese era già sull’orlo della bancarotta a causa delle spese folli del re precedente, Luigi XV. Tuttavia, il popolo scelse la giovane principessa straniera come capro espiatorio e la sacrificò per placare la folla.

Secondo questa teoria sociale del capro espiatorio, le vittime non servono solo come sollievo psicologico per un gruppo di persone, ma hanno anche la funzione di coprire il vero problema e fare da barriera per evitare di vedere i veri colpevoli. Ciò significa che, in fondo, il fenomeno del capro espiatorio è l’espressione di una società che non riflette su se stessa, non riconosce le proprie responsabilità ed errori ma preferisce rimanere intrappolata in un autentico samsara alla ricerca di nuovi colpevoli che gli permettano di espiare i suoi peccati.

Fonti:

Richardson, F. C. & Manglos, N. D. (2013) Reciprocity and Rivalry: A Critical Introduction to Mimetic Scapegoat Theory. Pastoral Psychology; 62: 423–436.

Rothschild, Z. et. Al. (2012) A dual-motive model of scapegoating: Displacing blame to reduce guilt or increase control. Journal of Personality and Social Psychology; 102(6): 1148-1163.

Frear, G. (1991) René Girard on Mimesis, Scapegoats, and Ethics. The Annual of the Society of Christian Ethics; 12: 115-133.

Lindzey, G. (1950) An experimental examination of the scapegoat theory of prejudice. The Journal of Abnormal and Social Psychology; 45(2): 296–309. 

La entrada Cercasi colpevole: la teoria del capro espiatorio nella psicologia sociale se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.