Persone piene di sé, perché ci infastidiscono tanto

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 15 Apr 2021

Nella vita, a volte abbiamo a che fare con persone piene di se stesse. Persone profondamente egocentriche che consumano le nostre risorse e l’energia mentale. Avere a che fare con loro è estenuante. La conversazione si trasforma rapidamente in un monologo che ruota attorno all’altro. Quando finalmente ci salutiamo, non possiamo fare a meno di sentirci come se avessimo attraversato il deserto.

5 motivi per cui le persone piene di sé sono insopportabili

1. I loro problemi sono sempre più gravi dei tuoi

Le persone piene di sé hanno spesso una prospettiva molto egocentrica. Ciò significa che trovano difficile mettersi nei panni degli altri e comprendere i loro problemi o essere empatici con la loro sofferenza.

Pertanto, se parliamo loro dei nostri problemi, tireranno subito fuori il rosario delle loro difficoltà. In questo modo spostano l’attenzione da noi a se stessi per diventare il centro dell’attenzione.

Se raccontiamo loro una situazione delicata, invece di trovare convalida, le nostre parole ci verranno restituite amplificate. Se diciamo loro che siamo stati malati, la loro malattia sarà più grave. Se abbiamo appena rotto con il partner, parleranno della loro rottura. E se gli parliamo di un progetto che ci appassiona, il loro sarà più grande e più interessante.

Quando interagiamo con le persone piene di sé, possiamo avere la sensazione che la vita sia una competizione continua. Questo bisogno di confrontare gioie e angosce è estenuante, soprattutto nei momenti in cui ci sentiamo particolarmente vulnerabili.

2. Sono immuni ai segnali sottili che non sei interessato a un argomento

Le persone piene di sé credono che gli altri siano fatti a loro immagine e somiglianza. Pertanto, presumono che ciò che interessa loro, interessi anche agli altri. Commettono l’errore di pensare che gli altri condividano i loro valori e il modo di vedere la vita.

Sono vittime dell’effetto del falso consenso, in modo tale da sovrastimare il grado in cui le altre persone condividono le loro idee, atteggiamenti e comportamenti. Pensano che le loro abitudini, preferenze e opinioni siano condivise dalla stragrande maggioranza.

Questo impedisce loro di notare i segnali di disinteresse inviati dal loro interlocutore, il che di solito li porta a sviluppare lunghi monologhi che finiscono per stancarci. Il problema è che quando dobbiamo prestare attenzione a qualcosa che non ci interessa, il nostro cervello deve lavorare molto di più per seguire il percorso e cogliere i dettagli. Questo è il motivo per cui siamo mentalmente esausti dopo aver parlato con questo tipo di persone.

3. Sono estremamente suscettibili alle critiche

A nessuno piace commettere errori e ricevere critiche. Ma la maggior parte delle persone è abbastanza matura da accettare le critiche e cercare di migliorare o correggere il proprio errore. Tuttavia, le persone piene di sé rispondono in modo diverso.

Queste persone vedono le critiche come un attacco personale, le prendono troppo sul serio e reagiscono in modo eccessivo. Si offendono subito e si mettono sulla difensiva, un atteggiamento che finisce per impedire ogni possibile intesa.

Questa estrema suscettibilità complica notevolmente le relazioni perché siamo costretti a muoverci continuamente con i piedi di piombo. Ci sentiamo come se camminassimo sul vetro, con un continuo senso di tensione o urgenza. Siamo costretti a misurare l’impatto di ciascuna delle nostre parole e tacere molte cose, il che è estenuante.

4. Ti costringono a camminare sul filo del rasoio emotivo

Le persone piene di sé sono immerse nel loro mondo, nei loro sentimenti, problemi e progetti, così che le relazioni che stabiliscono con gli altri sono spesso incoerenti. Connettersi con loro è come camminare sul filo del rasoio.

Mantengono una comunicazione costante quando sono molto entusiasti di un progetto o hanno un problema e necessitano il nostro aiuto, ma poi non sono disponibili a ricambiare il favore o semplicemente scompaiono perché hanno trovato supporto in un’altra persona. Al loro fianco, possiamo sentirci sulle montagne russe emotive, lontano dalla necessaria stabilità emotiva di cui abbiamo bisogno.

Con queste persone è difficile camminare su terreno solido, quindi è difficile mantenere una relazione intima e soddisfacente. La loro incapacità di impegnarsi a lungo termine porta a stabilire delle relazioni liquide caratterizzate da legami emotivi fragili.

5. Chiedono un trattamento preferenziale

Sebbene le persone piene di sé non siano molto empatiche e abbiano difficoltà ad offrire una convalida emotiva, spesso chiedono un trattamento preferenziale. Tendono a pensare di essere al di sopra degli altri e che questi hanno l’obbligo di ascoltarli e dare la priorità ai loro bisogni e problemi.

Queste persone soffrono di un bias egocentrico che le porta a credere che il mondo giri intorno a loro. Stando agli psicologi del Tohoku Women’s Junior College, tendono a classificare ingiusti i comportamenti delle altre persone e più equi i loro. Si attribuiscono successi e comportamenti positivi mentre proiettano fallimenti e comportamenti negativi sugli altri.

A volte possono anche presentare tratti machiavellici perché, per ricevere un trattamento preferenziale, mettono in pratica dei comportamenti manipolativi. Il fatto che dobbiamo continuamente innalzare delle barriere per difendere i nostri diritti finisce per essere estenuante nel lungo periodo.

Riconoscere l’egocentrismo

Un pizzico di egocentrismo non è negativo. Dobbiamo tutti pensare a noi stessi e, in determinate circostanze, persino darci la priorità. Tuttavia, quando questo diventa un modello e sentiamo l’urgente bisogno di essere al centro dell’attenzione, abbiamo un problema che dobbiamo risolvere il prima possibile.

Scoprire ed accettare che siamo troppo pieni di noi stessi non è facile, perché l’egocentrismo è come un muro che ostacola la nostra capacità d’introspezione. Ma a volte è sufficiente rispondere onestamente a una domanda: quanto abbiamo imparato o scoperto della persona con cui stavamo parlando?

Se non possiamo dire molto su quella persona e quel modello si ripete, probabilmente abbiamo monopolizzato la conversazione. E questo potrebbe significare che abbiamo parlato troppo e siamo pieni di noi stessi. In tal caso, dovremmo provare a mettere in pratica un ascolto più attivo. Parlare meno e ascoltare molto di più.

Come aiutare una persona piena di sé?

Le persone piene di sé di solito non sono felici. Il loro egocentrismo non è l’espressione di una ricca vita interiore, ma piuttosto di numerose carenze che cercano di compensare proiettando una falsa fiducia in se stessi e un’autostima artificialmente alta.

Per aiutare queste persone, possiamo far loro notare il loro comportamento, cercando di non percepirlo come una critica distruttiva, ma incoraggiandoli ad assumere un atteggiamento più riflessivo di fronte alle estenuanti dinamiche relazionali che generano.

Ad esempio, se stiamo parlando di un problema che ci preoccupa, possiamo chiedere loro di concentrarsi su quella situazione invece di spostare il centro dell’attenzione su se stessi. Potremmo dire: “Capisco che hai passato un brutto periodo, ma ho bisogno del tuo aiuto, che tu mi ascolti in questo momento”.

Quando non siamo interessati a un argomento, invece di inviare segnali sottili, potremmo essere più diretti. Dire “Mi dispiace, quell’argomento non mi interessa” o “Mi dispiace, non ho tempo per parlare di quell’argomento in questo momento” potrebbe essere sufficiente.

La chiave sta nel fare loro notare in modo amichevole, ma diretto, che lo schema relazionale che stanno cercando di imporre è fastidioso e inaccettabile. Naturalmente, queste persone non cambieranno dall’oggi al domani, ma se persistiamo nel difendere i nostri diritti assertivi, i tentativi potrebbero dare i loro frutti, portando a un rapporto più gratificante di rispetto e comprensione reciproci.

Fonte:

Tanaka, K. (1993) Egocentric bias in perceived fairness: Is it observed in Japan? Social Justice Research; 6 (3): 273–285.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.