Fare i complimenti a qualcuno: perché farlo più spesso?

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 08 Jun 2021

A tutti noi piace ricevere un complimento. La lode può farci stare bene e migliorare la nostra giornata. In molti casi aiuta ad accorciare la distanza tra due sconosciuti e rende l’incontro più piacevole e rilassato. Altre volte serve a dire all’altro che ci siamo e che è importante per noi. In effetti, si stima che dobbiamo dare e ricevere cinque complimenti per ogni critica. Ma spesso siamo parsimoniosi quando si tratta di fare i complimenti a qualcuno.

Perché non lodiamo di più gli altri?

Dare e ricevere complimenti è un’arte che non tutti padroneggiano. Uno studio molto interessante condotto presso le università della Pennsylvania e Cornell ha rivelato il complesso tessuto psicologico dietro un semplice complimento.

Questi psicologi hanno chiesto ai partecipanti di avvicinarsi a uno sconosciuto e di lodarlo. In alcuni casi il complimento era preparato, in altri dovevano crearlo da soli.

I ricercatori hanno analizzato come si sentivano i partecipanti prima di fare i complimenti ad altre persone e quale effetto emotivo pensavano avrebbe avuto il loro commento. Hanno anche valutato l’effetto emotivo che il complimento ha effettivamente avuto sulla persona che lo ha ricevuto.

I risultati rivelano che di solito evitiamo di fare i complimenti a qualcuno perché giudichiamo male come reagiranno gli altri. In pratica, sottovalutiamo l’importanza della lode. Non solo non siamo pienamente consapevoli dei vantaggi di fare i complimenti, ma siamo anche preoccupati per la risposta degli altri.

In effetti, questi ricercatori hanno scoperto che, anche dopo aver lodato qualcuno, l’effetto emotivo che pensiamo di avere avuto non riflette accuratamente come si sente la persona lodata. E, in generale, le persone apprezzavano i complimenti e si sentivano meglio dopo averli ricevuti. Ma noi non siamo pienamente consapevoli di questo.

Perché sottovalutiamo l’importanza di fare i complimenti?

Questo studio rivela che spesso ci sentiamo nervosi e dubitiamo della nostra capacità di lodare qualcuno, questo ci induce a sottovalutare l’effetto positivo delle nostre parole sulla persona in questione. In altre parole, ci nascondiamo dietro l’insicurezza e la paura.

Infatti, le persone che dovevano solo indovinare come qualcuno avrebbe reagito a un complimento – ma non dovevano né darne né riceverne e agivano da semplici osservatori – giudicavano meglio come si sarebbero sentiti coloro che ricevevano i complimenti rispetto alle persone che li facevano. Ovviamente, queste persone non erano nervose, quindi le loro emozioni non hanno influito sulla loro capacità di valutare l’impatto positivo e l’importanza della lode.

La morale di questa ricerca è che i complimenti ci fanno sentire bene, e quando sono genuini diventano un potente strumento per connettersi con altre persone e rallegrargli la giornata.

Come dovrebbe essere un complimento?

Affinché un complimento raggiunga l’obiettivo e generi esperienze positive, deve soddisfare alcune condizioni di base:

• Esprimere qualcosa di positivo che sentiamo veramente, in modo che le nostre parole suonino autentiche. Non vale la pena adulare l’altra persona. Dire tanto per dire rovina tutta la magia. I complimenti devono essere genuini.

• Essere naturali, in modo che le nostre parole non suonino forzate o circostanziali. Come regola generale, più un complimento è naturale e autentico, meglio sarà ricevuto e più positivo sarà il suo impatto.

• Parlare in prima persona per mostrare il nostro coinvolgimento. Un complimento impersonale suonerà forzato. Non è lo stesso dire un freddo e impersonale “buon lavoro” piuttosto che “mi è piaciuto molto il lavoro che hai fatto ieri”. Esprimere la nostra opinione parlando in prima persona ci ravvicina e ha un effetto emotivo più positivo.

• Essere specifici, dato che i complimenti esagerati e privi di fondamento suonano falsi. Invece di usare termini come “eccezionale” o “perfetto”, è meglio concentrarsi sull’azione o la qualità che vogliamo lodare. Gli psicologi dell’Università di Utrecht hanno scoperto che anche da bambini, spesso ci sentiamo a disagio con i complimenti eccessivi e li preferiamo più specifici.

In ogni caso, è importante ricordare che un complimento non solo può fare del bene a chi lo riceve, ma dice anche molto di chi lo fa. Una persona che fa dei complimenti genuini è una persona attenta, empatica e affettuosa con gli altri, che si preoccupa di connettersi e trova il positivo negli altri. I complimenti ci permettono di uscire dal nostro egocentrismo per concentrarci sugli altri.

Quindi la prossima volta che apprezzi la gentilezza di qualcuno, un lavoro ben fatto o una qualità positiva, prova a lasciare il segno facendo dei complimenti. La persona li riceverà in un modo molto più positivo di quanto pensi e puoi persino rallegrargli la giornata. Un complimento costa poco ma fa molto.

Fonti:

Boothby, E.J. & Bohns, V.K. (2021) Why a simple act of kindness is not as simple as it seems: Underestimating the positive impact of our compliments on others. Personality and Social Psychology Bulletin; 47: 826-840.

Brummelman, E. et. Al. (2014) “That’s Not Just Beautiful – That’s Incredibly Beautiful!” The Adverse Impact of Inflated Praise on Children With Low Self-Esteem. Psychological Science; 25(3): 728-735.

La entrada Fare i complimenti a qualcuno: perché farlo più spesso? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.