Profilo psicologico delle persone tatuate: i 3 tratti distintivi

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 15 Jun 2021

I tatuaggi non sono un’invenzione moderna, tatuiamo i nostri corpi da migliaia di anni. Infatti i primi esempi di tatuaggi risalgono alle mummie egizie del 2000 a.C., anche se con la scoperta dell’uomo venuto dal ghiaccio si è visto che questa pratica era già abituale circa 5.200 anni fa.

Joann Fletcher, ricercatore del dipartimento di archeologia dell’Università di York, pensa che in quella fase i tatuaggi avessero un ruolo terapeutico e funzionassero come una sorta di amuleto durante fasi della vita particolarmente difficili. In effetti, i tatuaggi antichi erano usati per riflettere le divinità.

Tatuaggi sono stati trovati anche su resti mummificati di alcune delle antiche culture precolombiane del Perù e del Cile, nonché su mummie trovate nel deserto di Taklamakan in Cina, circa 1200 aC.

Nell’Europa moderna, tuttavia, i tatuaggi si diffusero quando il capitano Cook tornò dai mari del sud nel 1769. Alcuni dei suoi marinai rimasero così colpiti dai tatuaggi polinesiani che se ne fecero dei propri. Così il tatuaggio divenne un emblema di coraggio e il suo uso si diffuse in seguito ad altri gruppi sociali.

Oggi i tatuaggi sono molto diffusi, soprattutto tra le nuove generazioni. Si stima, infatti, che in Spagna un giovane su tre tra i 18 ei 35 anni abbia almeno un tatuaggio. Questa tendenza al rialzo ha suscitato l’interesse di alcuni ricercatori, che hanno indagato il profilo psicologico delle persone che si tatuano.

Cosa rivelano di te i tuoi tatuaggi?

Uno studio condotto presso l’Università di Westminster ha reclutato un gruppo di persone per vedere se ci fossero differenze personologiche tra chi non si tatuava e chi lo faceva. Hanno scoperto tre caratteristiche distintive nel profilo psicologico delle persone che si tatuano:

1. Sei una persona estroversa

Gli estroversi tendono ad essere molto coinvolti nelle attività sociali e sono più consapevoli delle nuove tendenze, quindi non sorprende che mostrino anche una maggiore preferenza per i tatuaggi. Queste persone comunicano molto attraverso la loro immagine, quindi è comprensibile che vogliano aggiornarla e includere dettagli per loro significativi e diventare punti di riferimento nelle relazioni con gli altri.

2. Cerchi nuove esperienze

Farsi un tatuaggio, soprattutto il primo, è un’esperienza nuova. Quindi non sorprende che questi psicologi abbiano scoperto che le persone tatuate tendono ad essere più aperte alle esperienze e a cercarle attivamente. Sono persone più avventurose e disinibite che cercano avventura ed eccitazione. Ma sono anche persone a cui risulta difficile mantenere la routine, stabilire abitudini e affrontare la noia.

3. Hai bisogno di sentirti unico

Maggiore è il bisogno che una persona sperimenta di sentirsi unica, più vuole essere diversa dagli altri. Il profilo psicologico delle persone tatuate indica che questi disegni sul corpo sono un modo di esprimersi e costruire la propria identità. Sono un modo per comunicare al mondo la loro unicità e i valori che sono importanti per loro. I tatuaggi li aiutano a differenziarsi attraverso dei simboli visibili.

Fonti:

Swami, V. et. Al. (2012) Personality differences between tattooed and non-tattooed individuals. Psychol Rep; 111(1): 97-106.

Lineberry, C. (2007) Tattoos. The Ancient and Mysterious History. In: Smithsonian Magazine.

La entrada Profilo psicologico delle persone tatuate: i 3 tratti distintivi se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.