Il beneficio del dubbio per costruire una vita significativa

Dal blog https://angolopsicologia.com/

“So solo che non so nulla”, disse Socrate. E con quelle parole non solo mostrò un’enorme umiltà intellettuale, ma mise anche il dubbio su un piedistallo. Il dubbio è stato e continua ad essere il compagno dei grandi pensatori. Il pensiero libero e trasformativo nasce dal dubbio. Solo sfidando le convinzioni e le credenze più profonde possiamo andare oltre ciò che diamo per scontato e costruire qualcosa di diverso e nostro.

Purtroppo, di questi tempi il dubbio viene spesso vilipeso mentre si rende omaggio a un pensiero unico che si nutre di verità inamovibili. Tuttavia, affrontare problemi complessi armati di certezze e verità assolute porta solo a grandi errori.

Proibito dubitare: la macchina per fabbricare certezze

Dubitare ha una brutta fama. La nostra società non premia chi dubita e se la prende comoda. Non premia coloro che vogliono concentrarsi, prendersi del tempo per riflettere e dissentire con ciò che è prestabilito per costruire le proprie verità e la propria vita sulla base di esse.

Invece, premia il più veloce. Chi applaude e amplifica il discorso ufficiale. Chi prende decisioni automatizzate senza pensarci troppo perché ci hanno convinto che la cosa più importante è andare avanti. Ad ogni costo. Avanzare, avanzare e avanzare. Nessuno spazio per dubbi e dissensi.

In questo modo, motivati ​​da slogan e luoghi comuni – che spesso suonano bene, ma mancano di significato – ci precipitiamo a giudicare senza conoscere le circostanze, tanto meno le motivazioni. La risonanza empatica diventa una rara avis quando abbiamo fretta di andare avanti e il dubbio è visto come una perdita di tempo.

Pertanto, sempre meno persone concedono il beneficio del dubbio. Quando viviamo in una società che è diventata una macchina per fabbricare verità attraverso sentenze politicamente corrette, ma prevenute e distanziate dalla realtà, diventiamo giudici implacabili che credono di possedere una Grande Verità. Quella definitiva!

Praticamente senza rendercene conto, evitiamo tutto ciò che è diverso. Ignoriamo ciò che genera dubbi. Puntiamo il dito accusatorio sugli altri senza tempo né voglia di approfondire le loro cause e scoprire le attenuanti. Il verdetto di colpevolezza è una mera formalità, perché non abbiamo bisogno di molte prove in un mondo che premia la velocità sulla pausa riflessiva e si lascia trasportare dalle apparenze piuttosto che approfondire l’essenza.

Ma giudicare senza dubitare e decidere senza riflettere è la via più diretta verso la rigidità mentale e la stagnazione intellettuale. Una vita significativa implica dubitare, tornare sui nostri passi, ripensare alle nostre possibilità, riconsiderare le nostre convinzioni e cambiare la nostra opinione una, due o tutte le volte necessarie.

Dubito, quindi esisto

“Il dubbio è l’inizio della saggezza”, diceva Aristotele. Da un punto di vista filosofico, dubitare ci permette di frenare l’impeto del giudizio. Ci aiuta a rispondere piuttosto che semplicemente a reagire alle circostanze. Ci incoraggia a metterci nei panni dell’altro, ma ci permette anche di fare un passo indietro per allontanarci da noi stessi e non cedere alla spontaneità del primo impulso.

“Chi dubita considera e riconsidera, pesa e ripesa, discerne e distingue”, secondo il filosofo Óscar de la Borbolla. Il dubbio è la conditio sine qua non di un atteggiamento più riflessivo e prudente. Chi dubita abbandona l’inerzia della quotidianità e il flusso del pensiero dominante per trasformare la propria vita in una scelta personale. Il dubbio, infatti, è un’arma letale contro il conformismo, un balsamo contro l’irrazionalità e il miglior antidoto contro gli automatismi mentali.

Dubitare è un esercizio fondamentale per trovare altri modi di vedere e comprendere il mondo. Il dubbio ci fa mettere in discussione le cose, anche quelle che abbiamo sempre dato per scontate. Attiva il pensiero critico. Ci costringe a mettere in discussione tutto. Ci incoraggia a non accontentarci della prima risposta o di quello che ci dicono.

Dubitare implica anche l’assenza di pregiudizio. È un’opportunità per vedere le cose da un altro punto di vista, non necessariamente più vero o più falso, ma solo diverso e più personale. Il dubbio è ciò che ci spinge a interrogarci e mettere in discussione tutto per dare un senso a ciò che viviamo, un significato profondamente personale.

Per sfruttare il beneficio del dubbio, dobbiamo solo assicurarci di non rimanere bloccati in nel traballante equilibrio tra sì e no. Dobbiamo analizzare le cose, ma poi dobbiamo prendere delle decisioni e agire. Il dubbio non è paralizzante, né implica una perdita di tempo se il processo di rimuginazione è seguito da una trasformazione evolutiva.

Fermarsi a consultare, soppesare, riflettere e dubitare, prima di prendere una decisione, alla fine dei conti non fa male, anzi. Bisogna lasciarci andare e concederci il beneficio del dubbio invece di immergerci ad occhi chiusi in un mare di certezze assolute che ci trasformano in giudici parziali degli altri e di noi stessi. Forse dovremmo frequentare di più l’agorà della Magna Grecia, ma non alla ricerca di risposte e verità, bensì di dubbi e domande, come diceva il giornalista Guillermo Altares.

La entrada Il beneficio del dubbio per costruire una vita significativa se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.