Il formaggio e i vermi

Dal blog https://www.labottegadelbarbieri.org/

7 Dicembre 2021

di Gianluca Cicinelli

Quello che ho capito della rivolta sulla pubblicità del parmigiano e Renatino è che le altre pubblicità quindi direbbero cose vere?

Cioè quando ti dicono che un prodotto è frutto della cura di cento artigiani o che la pasta per quei dolcetti o pizze è lievitata in 96 ore o che il proprietario della banca che t’invita a investire non pensa che a te e al tuo bene, quello è tutto vero?

Sono spot, l’antitesi del vero, se non che c’è qualcosa di molto vero nello spot di Renatino e il parmigiano.

Tutti i Renatini che lavorano h24 365 giorni l’anno per pochi euro l’ora: lo sfruttamento dovrebbe fare più scandalo dello spot che esalta lo sfruttamento. Ma a noi ormai le parole fanno molta più paura dei fatti, della sofferenza vera. Girate il contratto dell’industria alimentare a Christian Raimo, fategli conoscere un lavoratore in carne e ossa, per contare quanti Renatini materiali e non virtuali, il più delle volte immigrati, lavorano come cani e quanto prendono l’ora e come il loro problema non sia lo spot ma lo sfruttamento.
Per fare una forma di 40 chili di parmigiano servono circa 5 quintali di latte, e la forma viene venduta tra i 12 e i 24 mesi dopo la confezione e la stagionatura. Il Parmigiano Reggiano conta su 348 caseifici per 3310 allevatori, i quali pagano come forma associativa 7 euro per ogni forma prodotta. 7 euro per 3,3 milioni di forme prodotte l’anno fa 20 milioni di euro circa.

Mediamente le forme vengono vendute a 7 euro al chilo. Poi ci sono le sanzioni agli operatori che superano il limite quantitativo fissato dalle quote latte, scomparse a livello europeo ma che per il Parmigiano Reggiano sono state attribuite direttamente agli allevatori e non ai caseifici, per non far crollare i prezzi. I 20 milioni annui sono spesi dal Consorzio del Parmigiano Reggiano in 8,4 milioni per la tutela e la vigilanza, 11 milioni invece utilizzati metà per la promozione del Parmigiano in Italia e l’altra metà per quella sul mercato estero, a cui è destinato un terzo della produzione pari a 1,1 milione di forme.

Adesso, fatti due conti, andatevi a rileggere questo articolo pubblicato sul Fatto Quotidiano del 28 giugno 2015, che comincia così:

“La sveglia suona presto ogni mattina, non ci sono sabato o domenica che tengano. Si lavora con fatica 365 giorni all’anno in mezzo al fieno delle stalle o tra il vapore dei caseifici da cui escono forme di Parmigiano Reggiano …”.
Qual è allora lo scandalo, che uno spot trasformi in valore positivo lo sfruttamento o che venga esercitato lo sfruttamento? Io sono antico e penso che quello contro cui ci si dovrebbe scagliare è lo sfruttamento e non lo spot.

IL TITOLO rimanda a un celebre libro di Carlo Ginzburg (per Einaudi) che sempre di sapienza contadina contrapposta all’autorità ufficiale si occupa.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.