La dipendenza digitale rende depressi, soli ed ansiosi

di Daniele Corbo (Orme Svelate)

Gli smartphone sono parte integrante della vita di molte persone, permettendoci di rimanere sempre connessi e informati. Il rovescio della medaglia di questa convenienza è che molti di noi sono anche dipendenti dai continui trilli, rintocchi, vibrazioni e altri avvisi provenienti dai nostri dispositivi, incapaci di ignorare nuove e-mail, testi e immagini. Un nuovo studio pubblicato su NeuroRegulation, sostiene che l’abuso di smartphone è come qualsiasi altro tipo di abuso di sostanze. La dipendenza comportamentale dall’uso di smartphone inizia a formare connessioni neurologiche nel cervello in modo simile a come viene vissuta la dipendenza da oppioidi dalle persone che assumono Oxycontin per alleviare il dolore – gradualmente la dipendenza dalla tecnologia dei social media potrebbe effettivamente avere un effetto negativo sulla connessione sociale. In un sondaggio condotto su 135 studenti dello stato di San Francisco, i ricercatori hanno scoperto che gli studenti che utilizzavano di più I loro telefoni erano quelli con i maggiori livelli di isolamento, solitudine, depressione e ansia. Ritengono che la solitudine sia in parte una conseguenza della sostituzione dell’interazione faccia a faccia con una forma di comunicazione in cui il linguaggio del corpo e altri segnali non possono essere interpretati. Hanno anche scoperto che quegli stessi studenti quasi costantemente multitasking mentre studiavano, guardavano altri media, mangiavano o frequentavano le lezioni. Questa costante attività consente poco tempo per il corpo e la mente di rilassarsi e rigenerarsi e si traduce anche in “semi-tasking”, in cui le persone svolgono due o più attività contemporaneamente – ma rendendo la metà se invece fossero focalizzati su un compito alla volta. La dipendenza digitale non è colpa nostra ma è il risultato del desiderio dell’industria tech di aumentare i profitti aziendali. Più occhi, più clic, più soldi. Le notifiche push, le vibrazioni e altri avvisi sui nostri telefoni e computer ci fanno sentire obbligati a guardarli attivando gli stessi percorsi neuronali nel nostro cervello che una volta ci avvisavano di un pericolo imminente, come un attacco di una tigre o di un altro grande predatore. Ma ora siamo dirottati dagli stessi meccanismi che una volta ci proteggevano e ci permettevano di sopravvivere – per le informazioni più banali. Ma proprio come possiamo provare a mangiare meno zucchero ad esempio, dobbiamo allenarci ad essere meno dipendenti dai nostri telefoni e computer. Il primo passo è riconoscere che le aziende tecnologiche stanno manipolando le nostre innate risposte biologiche al pericolo. Bisogna disattivare le notifiche push, rispondendo solo alle e-mail e ai social media in momenti specifici e in periodi di programmazione senza interruzioni per concentrarsi su attività importanti. Adottando misure proattive per cambiare i modelli di utilizzo della tecnologia, come scegliere di parlare con gli amici di persona e non tramite chat: magari ci si può incontrare e mettere il telefono sul tavolo ed il primo che lo guarda offre da bere! Dobbiamo diventare creativi e approcciare la tecnologia in un modo diverso che integra ancora le competenze di cui abbiamo bisogno ma non toglie l’esperienza della vita reale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Digital Addiction: Increased Loneliness, Anxiety, and Depression” by Erik Peper and Richard Harvey in NeuroRegulation. Published February 27 2018.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...