Il brusio dei ciliegi

Ellissi d’oro
sul fondo d’uno stagno,
falci di luna
piegate in loro stesse
dentro uno sguardo.

Giovane uomo,
la tua bocca ridente
copia la luna
ma è tomba di pietra
il suolo calpestato.

A piedi scalzi
ti pungi, rincorrendo
l’amata luna,
ma il tuo sangue non bagna
il suo lato nascosto.

Amara pioggia
raccogli fra le ciglia,
poi è tempesta
– rapita da una nube
la luna non ti sente.

di Irene Rapelli

Dal blog Il cielo stellato dentro di me

Parole in fuga

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...