la nuova ciclovia del Garda: da Limone al Trentino, uno splendido inizio

di bortocal15

sono andato a vederla, incuriosito, la nuova ciclovia del Garda, o meglio il suo inizio: in fondo non e` troppo lontana da casa mia e posso arrivarci scendendo in auto a Salo` e risalendo la Gardesana fino a Limone, oppure per la via delle montagne, risalendo la Val Sabbia fino ad Idro e da li` poi passando al Garda a Gargnano, attraverso la Valvestino, e poi di nuovo verso nord lungo la Gardesana.

avevo scelto la seconda alternativa, ma le code mostruose di chilometri per la strozzatura della strada a Nozza – Vestone, mi hanno indotto ad una spericolata inversione di marcia proprio dove la superstrada va a finire sulla strada normale: e, incredibilmente, la Gardesana era meno devastata dalle code della Val Sabbia.

e fatemi tirare due moccoli all’indirizzo di Regione e amministratori locali che hanno appena deciso di impiegare i fondi disponibili per un allungamento a nord verso il trentino della superstrada valsabbina non per aggirare il centro di Vestone, ma il paese successivo di Lavenone, che gia` oggi si attraversa in un momento in un tratto di strada davvero spettacolare.

Lavenone

decisive in questa scelta dissennata che penalizzera` per decenni il futuro turistico della valle Sabbia, le pressioni dei commercianti di Vestone che temono di perdere chissa` quali introiti se il paese viene privato del traffico di attraversamento, anche pesante.

il limite insuperabile della nostra cultura sta in decisioni clientelari di questo tipo. 

. . .

ma bando alle ciance e attraversate con me, in una successione quasi cinematografica, il tratto piu` bello della Gardesana: passiamo dall’alto sopra Salo` – io ci arrivo da nord, quando posso, da una scorciatoia per Roe` Volciano, evitando la lunga galleria dai Tormini, e dunque mi affaccio sul golfo ancora piu` su da un paio di tornanti tra gli ulivi, su questo paesaggio incredibilmente pittoresco.

100604Roe

poi il monumentale e purtroppo inaccessibile palazzo Terzi Martinengo, del Cinquecento, subito dopo Salo`: dalla strada se ne vede l’aspetto piu` ostico, che lo rende simile ad una cupa fortezza.

download

ma non si fa fatica ad imaginarne l’altro lato, aperto sul lago:

terzi_martinengo_17

poi e` la consueta successione di meraviglie:

Gardone Riviera:

Toscolano-maderno-Torre-di-gardone-riviera

villa-alba-gardone-riviera

Toscolano:

toscolano01

Maderno:

images (1)

Gargnano, col suo palazzo Bettoni:

palazzobettonibettoni2

poi inizia il tratto piu` pittoresco paesaggisticamente dove la riva si fa montuosa, sotto Tignale e Tremosine; e il Pra de la Fam ricorda i fortunosi approdi dei barcaioli del lago in caso di tempesta, costretti a rimanere su questo esiguo fazzoletto di terra fino a che tornava il beltempo.

Peler_2_11_2014_3

. . .

le gallerie conducono infine a Limone: parcheggio in un prato, prima del paese, un autentico colpo di fortuna.

chiedo e mi spiegano che la pista ciclabile inizia a nord del centro abitato, sono solo 4 o 5 k da fare a piedi: ed e` una vera delizia dovere scendere alla spiaggia, costeggiare il porto nuovo, entrare nel vecchio borgo.

ma ve lo descrivo meglio in un videoclip, d’accordo?

. . .

Limone fino agli anni Trenta del secolo scorso era raggiungibile soltanto in barca oppure per incredibili e lunghissime mulattiere fra i monti.

un borgo isolato dal mondo, un tempo; lo ritrovo incredibilmente trasformato da un incredibile benessere: faccio perfino fatica a riconoscerlo da come lo ricordavo dal tempo dei miei soggiorni nell’appartamento che allora avevo a Voltino, Tremosine, proprio sulle Balze di quei monti.

92

. . .

e soprattutto eccolo ora prolungarsi, il paese di Limone verso la punta Reamol, all’inizio per viottoli, in un percorso che in parte esisteva gia`, in parte nuovo e si prolunga nella nuova straordinaria pista ciclabile, costruita a sbalzo, a strapiombo sul lago, e dovrebbe entrare a far parte di un anello che circondera` tutto il lago.

anche qui lascio la parola alle immagini:

. . .

ma giunto alla parte finale della ciclovia mi lascio semplicente cullare, dalle evoluzioni dei windsurfer e dalle straordinarie danze dei loro aquiloni.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...