I quasi morti

Dal blog  Il cielo stellato dentro di me

Senza respiro canto silenziosa
sopra una nuvola rosa, lì tace
la pressione e l’atmosfera affannosa
di formicaio saltellante e giace
il brio musicale d’incerta cosa
ed è come le farfalle la pace
posata sulle labbra della rosa
spalancata nella stellante brace
rinata dalla gola in vibrazione
e da una persiana intravedo azzurri
d’urticati scorci della mia vita
dirigersi verso pausa infinita
nel basso in cui si trovano sussurri
replicare la solita canzone
con verve di barbone
arraffando briciole d’emozione.

 

Di Irene Rapelli

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...