BORA

Quando soffia la bora
e fisso il mare ed il molo sorpresi,
sposo febbricitante il vento
che fascia e strattona,
che breve si calma,
che in impeto si rinnova.
Nell’ acqua fisso le pupille
ed agli scogli spumosi disseto l’amore!
Allora, getto via lo scialle degli ormeggi,
lascio che mi schiaffeggi la bora,
che liberta’ mi riconduca alla tua pelle
offrendo in dono i baci del cuore.
Immersa spero
che l’altra immago di te, mi prenda,
il mito che mi figuravo!
Smarrisco negli alberati viali della mente
e mentre, maschere di creta
sento in rottami precipitare!

 

DIRITTI RISERVATI, Anna DE FILPO @ Copyright.02/02/2018

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...