La Resistenza di Gaza spiazza Israele

dal blog https://www.ilfarosulmondo.it

Medio Oriente / La Resistenza di Gaza spiazza Israele

Redazione on 16 novembre 2018

Gaza – La fondazione illegale dell’entità israeliana è stata ironicamente presentata al mondo come il nobile e profondo recupero nazionale di un popolo che aveva sofferto secoli di discriminazione sotto il presunto sterminio nazista degli ebrei d’Europa. Eppure rimane una parte ancora sommersa di questa storia; l’esperienza di diversi milioni di persone per le quali i 70 anni dalla fondazione di questa entità criminale fino ad oggi non hanno portato altro che crimini e massacri contro di loro. Sono il popolo della Palestina.

La scorsa settimana Gaza è stata di nuovo sull’orlo di una guerra a tutto campo, con sette palestinesi martirizzati in pochi giorni. Nel più intenso scambio di fuoco dal conflitto del 2014, le forze di occupazione israeliane hanno bombardato una serie di edifici civili nell’enclave costiera, mentre la Resistenza palestinese ha sparato in un giorno circa 400 missili verso i territori occupati palestinesi. La scintilla per l’ultima riacutizzazione è stata la tentata infiltrazione avvenuta domenica 11 novembre da parte di una unità di forze speciali israeliane nella città di Gaza di Khan Younis. Hamas ha dichiarato che i suoi attacchi sono stati una rappresaglia per questo raid fallito, che ha causato la morte dello Sceicco Nur Barakeh, un comandante delle Brigate Izzedine al-Qassam e altri sei combattenti della Resistenza. Nei combattimenti anche un colonnello israeliano di alto rango è rimasto ucciso.

Resistenza-Gaza

Mercoledì, il ministro della Guerra israeliano, Avigdor Lieberman, ha annunciato le sue dimissioni per protesta contro il cessate il fuoco a Gaza che ha definito una “capitolazione al terrore”, indebolendo il governo conservatore della coalizione del primo ministro Benjamin Netanyahu. “Se fossi in carica, non sarei in grado di guardare negli occhi i residenti del sud”, ha dichiarato Lieberman ai giornalisti, riferendosi agli israeliani sottoposti a un’ondata di attacchi missilistici palestinesi prima del raggiungimento della tregua.

I fatti sono chiari; la Resistenza di Gaza ha costretto Liberman alle dimissioni. Si è ora ipotizzato che Netanyahu, che nonostante le sue valutazioni di approvazione sia stato perseguitato da molteplici indagini sulla corruzione, potrebbe portare avanti il prossimo ballottaggio all’interno dell’entità israeliana. Di conseguenza, il continuo genocidio di Netanyahu contro il popolo di Gaza lo perseguirà per molto tempo anche fuori dal suo ufficio.

La presenza di Hezbollah a Gaza

Funzionari sionisti hanno ripetutamente espresso preoccupazione per le sofisticate armi in possesso di Hezbollahche, secondo i rapporti israeliani, ammonta ad oltre 100mila missili a corto raggio e diverse migliaia di missili che possono raggiungere qualsiasi punto di Israele. I funzionari sionisti avevano validi dubbi sul fatto che le armi di Hezbollah si fossero introdotte in qualche modo a Gaza, ma non avevano ancora visto il loro effetto, fino a questa settimana.

È vero che nel 2017, il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hasan Nasrallah, ha dichiarato che i suoi combattenti della Resistenza avevano “trasferito armi, inclusi i missili anticarro Kornet, a Gaza”. Tuttavia, è stata questa settimana che le forze di occupazione israeliane hanno sentito il “calore” del Kornet dal loro fronte meridionale per la prima volta dalla guerra del 2014.

Infatti, un video pubblicato lunedì dalla Resistenza palestinese mostra un missile Kornet che colpisce in pieno un autobus militare israeliano vicino al confine di Gaza. Il video mostra diversi veicoli dell’esercito israeliano e un gran numero di soldati vicino al bus al momento dell’attacco.

Il video dell’operazione della Resistenza ci ha riportato ai bei ricordi delle operazioni videoregistrate di Hezbollah contro le forze di occupazione israeliane nel sud del Libano prima della liberazione del 2000. Ha dato agli israeliani i brividi pensando che Hezbollah ha una presenza nel sud tanto quanto ha una presenza nel nord. Ha ristabilito l’idea di ciò che potrebbe accadere nella geopolitica della regione, la principale causa di Hezbollah è la Palestina e gli alleati principali di Hezbollah sono le fazioni della Resistenza palestinese all’interno della Striscia di Gaza.

Gaza resiste al genocidio non solo all’occupazione

La Convenzione sul Genocidio del 1948 afferma chiaramente che un caso di genocidio è “l’inflazione deliberata di condizioni di vita calcolate per provocare la distruzione fisica di un popolo in toto o in parte. Non importa se ciò avvenga ad un ritmo veloce, o in Slow motion”. Questo è ciò che è stato fatto a Gaza dall’imposizione del blocco da parte di Israele e dai successivi massacri, che hanno portato alla morte di oltre 4mila palestinesi in tre successive guerre.

Dopo la sua grande sconfitta nella guerra del Libano del 2006, Israele è diventato più brutale nei confronti dei palestinesi a Gaza, bombardandoli con armi di alto livello, la maggior parte delle quali sono bandite a livello internazionale. Non c’è dubbio che la politica del governo sionista mira a distruggere la vita a Gaza. Hanno demolito tutte le infrastrutture civili dalle centrali elettriche, ai siti di approvvigionamento idrico, rendendo la vita invivibile al popolo di Gaza e assediandolo in modo da non trovare nessun posto dove nascondersi. Tutto questo per un unico scopo, creare un “Stato” israeliano esclusivo solo per coloni ebrei illegali in terre rubate dai palestinesi. Perché? Perché loro credono, Dio ha promesso loro così. Sì, avete letto bene.

Di sicuro, esiste un’opinione globale, che esprime il suo sostegno alla Palestina e condanna apertamente ilgenocidio sionista contro il popolo della Palestina. Tuttavia, Israele continua a uccidere perché gode dell’impunità dei governi occidentali e delle élite guidate dal governo degli Stati Uniti, che continua a fornire armi, enormi quantità di fondi e fornisce protezione diplomatica per il genocidio in corso.

La guerra senza pietà è la politica ufficiale israeliana. È chiaro che lo stato di diritto non si applica ai sionisti. Durante tutta la sua storia di esistenza illegale, Israele ha condotto una guerra genocida in Palestina. Fin dall’inizio, la sua Guerra di occupazione 1947-48 ha dato la priorità a uno Stato esclusivamente ebraico senza presenza araba. Hanno messo in atto la loro strategia e i loro mezzi per attuare omicidi di massa, la distruzione e lo sfollamento forzato.

gazaAnche nei territori occupati della Cisgiordania, i sionisti negano ai palestinesi i diritti fondamentali che tutti meritano e vivono in una costante paura. Un terrore che sembra aumentare man mano che alti funzionari sionisti incoraggiano i soldati e la polizia israeliana ad uccidere i palestinesi utilizzando qualsiasi pretesto. Ciò significa che Israele legalizza l’uso eccessivo della forza contro qualsiasi palestinese, dentro o fuori la sua stessa casa.

La città di Gaza è stata sotto un assedio decennale che l’ha trasformata in una prigione a cielo aperto. La Cisgiordania è sempre più soffocata dall’accelerazione degli insediamenti illegali israeliani. E anche i palestinesi con cittadinanza israeliana sono criminalizzati dalla loro identità palestinese e trattati come cittadini di seconda e terza classe.

Combattere il genocidio a Gaza è ora un’estensione alla lotta contro l’occupazione. Un’estensione che, come percepito da molti osservatori, si riverserà sicuramente nei territori occupati ad Al-Quds (Gerusalemme) e in Cisgiordania. Ciò è evidente nell’aumento di tutte le forme di resistenza all’interno dei territori occupati, sia con razzi, coltelli o automobili. Qualsiasi mezzo di resistenza è legittimo quando bisogna affrontare un’occupazione illegale e terroristica. Qualsiasi mezzo di resistenza è legittimo per combattere a Gaza e liberare la Palestina dal fiume al mare.

di Giovanni Sorbello

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.