Intrappolati alla frontiera: gli Honduregni disperati che sperano di raggiungere gli Stati Uniti

dal blog https://comedonchisciotte.org

DI Nina Lakhani a Città del Messico e José Alejandro García a Tecún Umán, Guatemala

theguardian.com

Mentre alcuni degli aspiranti migranti tornano a casa, 4.000 rimangono al confine tra Guatemala e Messico

Decine di Honduregni in fuga dalla povertà e dalla violenza hanno abbandonato i loro sforzi per attraversare il Messico verso gli Stati Uniti, tra la paura crescente e lo sfinimento, nel viaggio estenuante di svariate settimane verso nord.

Ben 4.000 Honduregni, tra cui donne incinte e bambini, permangono intrappolati al confine tra Guatemala e Messico, in attesa del permesso di continuare il lungo viaggio verso gli Stati Uniti.

La carovana di migliaia di individui,che era composta nove giorni fa da 160 persone, ha avuto un’impennata di partecipazione, dal momento che in molti si sono uniti nel tentativo di lasciarsi la povertà e la violenza alle spalle. Ora una minoranza è tornata indietro, usando il trasporto organizzato dalle forze di sicurezza guatemalteche.

“Torno indietro perché ne ho abbastanza e questa potrebbe essere la mia unica possibilità di tornare in sicurezza, sorvegliato dai poliziotti”, ha detto il diciassettenne Byron Espina di Copán. Espina ha lavorato come raccoglitore di caffè per pochi spiccioli in un piccolo villaggio chiamato La Entrada, ha detto, e sperava di trovare lavoro negli Stati Uniti.

Gli autobus gratuiti sono arrivati a tarda notte di venerdì [19 ottobre], poche ore dopo che la polizia antisommossa messicana aveva scagliato bombe di gas lacrimogeno tra la folla demoralizzata, dopo che alcuni migranti avevano sfondato un cordone antisommossa per entrare nel territorio messicano. Il Presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, ha detto sabato [20 ottobre] che la carovana di persone potrebbe chiedere asilo o entrare con i documenti di viaggio appropriati, ma “l’ingresso irregolare” non sarebbe stato tollerato.

Temendo ulteriore repressione e lunghi ritardi, alcuni hanno iniziato a salire sugli autobus con destinazione la città di frontiera dell’Honduras, Agua Caliente, dove la polizia ha impedito a centinaia di migranti di lasciare il Paese di unirsi all’esodo verso nord.

L’intensificazione dell’intervento delle forze di sicurezza è considerata una reazione diretta alle minacce del Presidente Trump di tagliare milioni di dollari di aiuti all’America centrale e al Messico, se non riescono a fermare la carovana – la seconda quest’anno – che raggiunge il confine degli Stati Uniti.

La migrazione non è un crimine e un accordo regionale consente la libera circolazione per i cittadini di Honduras, Guatemala, El Salvador e Nicaragua che viaggiano con carte d’identità nazionali.

Erika Guevara Rosas, direttrice per le Americhe per conto di Amnesty International, ha scritto su Twitter: “La carovana migrante honduregna non è una minaccia per la sicurezza, ma un atto di sopravvivenza da parte di centinaia di persone che sfuggono alla violenza estrema, alla povertà, all’esclusione e all’incapacità del loro governo di proteggere i loro diritti. La risposta a questo dramma umano dovrebbe essere solidarietà e compassione.”

I migranti e i rifugiati sono in gran parte in fuga da un mix deleterio di violenza, povertà e corruzione. Venerdì sera almeno otto persone sono state uccise durante una sparatoria in un bar di Tegucigalpa, la capitale dell’Honduras, che è una delle decine di incidenti simili accaduti finora quest’anno.

Per meno di un reato su 10 si procede legalmente. L’Honduras è il Paese più iniquo nella regione: due terzi della popolazione vivono in povertà.

Il ponte di collegamento tra Guatemala e Messico, sul fiume Suchiate, è diventato un campo profughi improvvisato, con migliaia di persone, tra cui intere famiglie, costrette a dormire, mangiare e giocare all’aperto, a pochi metri da crescenti mucchi spazzatura.

Nonostante i rischi, la maggior parte è determinata a continuare. “Questa incertezza fa parte del viaggio”, ha detto Fresbindo Carvajal, 24enne di Tegucigalpa, che cammina con un bastone a causa di un difetto congenito a una gamba. “Sono ancora in cammino. Non ho dubbi. È meglio soffrire un momento,che per un’intera vita. E se torniamo in Honduras soffriremo fino al giorno della nostra morte. Anche se dovessimo sopravvivere con fagioli e caffè, continuo.”

Migliaia di Honduregni continuano a marciare verso gli Stati Uniti –sono state filmate proteste a sostegno della migrazione che sono scoppiate nelle città dell’Honduras, anche fuori dall’ambasciata americana a Tegucigalpa, dove il giornalista ed ex membro del Congresso Bartolo Fuentes – che è stato detenuto e deportato illegalmente dal Guatemala la scorsa settimana mentre accompagnava la carovana – ha parlato alla folla. “Ho visto le madri piangere sui corpi dei loro figli. I genitori ricevono le bare. Spero che questo abbia fine. Nel frattempo, dobbiamo fiancheggiare i nostri compatrioti “, ha detto venerdì.

Marta Sánchez, fondatrice del Movimiento Migrante Mesoamericano, che organizza annualmente una carovana di madri alla ricerca dei loro figli, scomparsi mentre cercavano di raggiungere gli Stati Uniti, ha dichiarato: “Questa non è una carovana, è un esodo.”

“È una rivolta popolare contro il governo, da parte di persone che non possono sopportare le terribili condizioni in Honduras. Non ho mai visto niente del genere. ”

Nina Lakhani a Città del Messico e José Alejandro García a Tecún Umán, Guatemala

Fonte: https://www.theguardian.com/

Linkhttps://www.theguardian.com/world/2018/oct/20/hondurans-stuck-at-guatemala-mexico-border

20.10.2018

Tradotto per http://www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.