L’amministrazione Trump approva l’airgun nei mari atlantici

dal blog https://dorsogna.blogspot.com/

Nei mari dell’Atlantico ci sono varie specie di balene. Ma una e’ particolarmente fragile: la North Atlantic right whale.  Ne restano solo 450 esemplari in tutto il mondo, e vivono solo lungo la costa nord-atlantica.

Ma cosa possono mai essere delle balene in confronto alla cupidigia umana? 

E infatti il nostro presidente Donald Trump, una delle figure piu’ brutali per l’ambiente americano ed oserei dire planetario, ha deciso di accordare permessi per eseguire airgun lungo la costa atlantica.

Ma come… tutto il pianeta va verso la de-carbonizzazione e lui autorizza airgun, l’anticamera dei buchi petroliferi???

Ebbene si.  

Si tratta di cinque ditte di oil e gas che adesso potranno fare ispezioni sismiche dal New Jersey to Florida.
La faccenda e’ complicata, ma gia’ nel 2017 il Bureau of Ocean Energy Management aveva bloccato l’airgun in quanto non sicuro per la vita marina. Tutto questo accadeva allo scadere del mandato di Obama quando un gruppo di scienziati aveva avvertito il governo che autorizzare airgun avrebbe
avuto effetti significativi, a lungo termini e diffusi, sulla popolazione marina, e che in virtu’ di questo raccomandavano agli amministratori di non autorizzare questa pratica. 

Donald Trump non sente nessuno, ne Obama, ne scienziati ne buon senso e nell’Aprile del 2017, qualche mese dopo essere diventato presidente decide che invece airgun, e chissa’ un giorno trivelle, si puo’.  E infatti avvolto dalla sua folle megalomania dice che gli USA devono raggiungere la “energy dominance”.  Neanche piu’ autosufficenti, ma proprio dominatori!

Il colpo di scena arriva quando il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) cambia le carte in tavola e conclude che gli spari saranno un tuttapposto per tutti, anche per le balene in via di estinzione che sono protette dal Marine Mammal Protection Act, una legge scritta ad hoc per salvare le creature marine come balene e delfini.

Sono queste infatti le specie che soffriranno di piu’ per l’airgun, perche’ usano i suoni per comunicare, cercare cibo, accoppiarsi, andare nella direzione giusta. Ci sono anche timori per la pesca commerciale. Non solo le balene soffriranno.

Per precauzione gli studiosi della NOAA dicono che gli spari devono cessare fra Novembre ed Aprile laddove e’ noto che le balene migrano d’inverno; e come in Italia che le navi per airgun devono avere a bordo personale specializzato in monitoraggio marino. 

La barriera protettiva sara’ di 90 chilometri da balene.

In piu’ quelli del NOAA dicono che le prede delle balene, cioe’ i pesci piu’ piccoli, non saranno affette dall’airgun e che dunque, tuttapposto. 

E cosi, subito dopo questi giochini mentali del NOAA l’amministrazione Trump non ha perso tempo ed ha rilasciato i permessi trivellanti.

I permessi si chiamano “Incidental Harassment Authorizations”, cioe’ autorizzazioni di molestie involontarie; nel senso che si possono causare tali molestie alle bestie marine secondo tale autorizzazione. L’idea e’ che gli animali non devono essere disturbati volontariamente, ma se capita… non fa niente! 

Questo lo dicono quegli intelligentoni della National Oceanic and Atmospheric Administration

E cioe’:

Molestiamo le balene a norma di legge!

Tutto questo, a mio parere e’ assurdo ed e’ un tentativo di normalizzare cio’ che normale non e’. Se le balene sono in pericolo durante i mesi invernali, come facciamo ad essere sicuri che mai saranno esposte all’air gun durante gli altri mesi?  E veramente inverno o estate che sia pesci, delfini e balene sottoposte a bombardamenti di suoni ogni dieci-quindici secondi per settimane o mesi non ne risentiranno?  

Siamo sicuri di sapere con estrema certezza che in zona X non ci sara’ mai nessuna balena?
O che gli effetti dell’airgun a 91 chilometri non daranno fastidi?

E gli studi che dicono che il suono dell’airgun puo’ essere sentito anche a 3,000 chilometri dal punto di impatto? 

Oltre a questi, tanti altri studi che mostrano per esempio che lo zooplankton – microcreature marine, come larve, crostacei e piccole meduse, calano del 64% entro 1.5 chilometri dal punto di sparo dell’airun. E considerato che l’airgun viene eseguito lungo vari chilometri di mare, e’ chiaro che gli impatti non sono affatto trascurabili. 

E se la balena del Nord Atlantico si estingue?

Ma alla fine il discorso va ben oltre l’airgun in se per se.

Non abbiamo forse il gran pericolo dei cambiamenti climatici che ci assale giorno dopo giorno? E come degli scemi continuiamo non solo a trivellare, ma a cercare altro petrolio!

L’oceano Atlantico, dalla parte USA e’ stato in essenza salvato dalle trivelle nel corso degli anni, grazie a varie ammininstrazioni che per amore,  per calcolo, o perche’ l’opnione pubblica non glielo ha concesso ha evitato di bucare il mare.  E infatti l’ultima volta che ci sono state qui ispezioni sismiche a scopo petrolifero e’ stato nel 1980.

E adesso? 

Adesso queste cinque ditte possono fare airgun: WesternGeco (sussidiaria Schlumberger,)  TGS-NOPEC Geophysical Co. Asa, ION GeoVentures, Spectrum Geo, e CGG.  Alcune le conosciamo bene perche’ volevano venire anche in Italia.  

Ovviamente la gente non ci sta e ci sono decine e decine di comunita’ piccole e grandi, di gruppi di pescatori, turisti, amanti del mare che combatteranno questa decisione.
Io spero che questi prossimi due anni passino in fretta e che chiunque sieda in quella stanza ovale e prenda le decisioni sia pou’ lungimirante di questo incubo arancione che abbiamo votato. E’ un uomo stupido, piccolo e testardo, incapace di cambiare idea, di arrendersi all’evidenza, di salvaguardare l’unico pianeta che abbiamo.

POSTED BY MARIA RITA AT 8:56 PM

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.