Australia: Tony Rinaudo, l’uomo che fa rinascere le foreste in Africa

MONDAY, DECEMBER 31, 2018

Dal blog http://dorsogna.blogspot.com/

 Niger, 1975

Niger, 2005

Si chiama Tony Rinaudo e fa l’agronomo.

Nel tempo libero pianta alberi, e l’ha fatto per 30 anni.

Alla fine di questo tormentato 2018 volevo una storia bella e questa e’ una di quelle, silenziose e piene di speranza; dove una persona sola puo’ fare tanto, con quello che ha e che e’.

Nel giro di 30 anni Tony ha riforestato un area di 6 milioni di ettari, cioe’ Piemonte, Lombardia e Veneto messi insieme nell’enorme continente oceanico. 

In totale fanno 240 milioni di alberi, che ha curato e seguito con una tecnica da lui stesso inventata.

Tony Rinuado e’ di Myrtleford, Victoria, in Australia. Da giovane si trasferi’ in Niger, uno dei paesi piu’ poveri del mondo. Era il 1981, e cerco’ di piantare alberi qui, per conto di un gruppo di missionari, World Vision Australia.

I contadini locali praticavano un agricoltura “intensiva” nel senso che ogni centimetro era dedicato a piante, ma la terra era desolata ed arida, e i raccolti scarsi. Anche i suoi sforzi di piantare alberi per due anni furono vani.

I contadini vedevano il loro raccolto diminuire di stagione in stagione. La terra era semplicemente morta. 

E cosi Rinuado cambio’ tattica. Invece di piantare alberi noto’ che c’erano piccoli cespugli selvatici che crescevano sponataneamente e che venivano spesso tagliati dai contadini per far spazio ad altro,
nella speranza di aumentare i propri raccolti, o per ricavarne legna da ardere.

Decise allora di dedicare energia e tempo per curare questi cespugli, con l’idea che visto che era l’unica cosa che cresceva se li si aiutava un po, forse si sarebbero ingraditi,  e avrebbero aiutato l’ecosistema.

Mise a punto una tecnica, oggi nota come Farmer Managed Natural Regeneration (FMNR) che parte da principi tanto semplici quanto logici: aiutare comunita’ povere a rigenerare terre aride partendo da cio’ che cresce spontaneamente.  Vengono usate vecchie pratiche in cui cespugli ed arbusti vengono tagliati per far legna, ma in modo che  non muoiano, assicurandone un ciclo vitale ottimale, e in cui gli alberi stessi vengono piantati e potati in modo da ottimizzarne la crescita, l’esposizione al sole e l’accesso all’acqua. 

Rinaudo divenne noto come il “contadino scemo bianco” – ”the crazy white farmer” ma lo stesso convinse dieci altri contadini dell’area a seguire il suo esempio: cioe’ invece che abbattere questi cespugli, di aiutarlo a farli crescere.

Arrivo’ la siccita’;  questo convinse altri contadini a partecipare all’esperimento, e invece che tagliare gli arbusti, di curarli. Non avevano nulla da perdere. Grazie a questi cespugli che pian piano diventavano veri e proprio alberi piano piano l’ecosistema cambio’.

In meglio.  I campi degradati divennero piu produttivi, grazie agli alberelli che davano ombra, aiutavano con le radici a trattenere acqua, rendevano il terreno piu’ fertile ed evitavano l’erosione. E con campi, anche il pascolo del bestiame ne giovo’.

Campi dove c’erano uno o due o zero alberi per ettaro, ora ne hanno circa quaranta. La voce si sparse e tutt’a un tratto tutti i contadini volevano alberi nei propri campi.

A Rinaudo diedero un altro soprannome, l’uomo che sussurra agli alberi.
Sono passati trent’anni e appunto, sono stati rigenerati 240 milioni di alberi partendo dal Niger, e poi in tutto il mondo, dalla Somalia all’East Timor, dall’Indonesia alla Birmania. E’ un metodo a basso rischio, a basso costo, ottimale per contadini che vivono in zone povere e che temono interventi iniziali troppo drastici. Tony Rinaudo e’ ancora all’opera, ed oggi e’ il Natural Resource Advisor di World Vision Australia.

Dice che per iniziare l’investimento il costo e’ di due dollari. Il costo di un taglierino per far si che germogli di alberi possano crescere e per curarli da subito. 

Rinaudo e’ stato invitato a raccontare la sua storia al meeting mondiale sui cambiamenti climatici in Polonia, dicendo a tutti che gli alberi migliorano l’agricoltura, riducono le temperature, mantengono acqua nel terreno, assorbono anidride carbonica. Piantarli e curarli lo si puo’ fare ovunque, anche in zone dove la temperatura raggiunge i 40 gradi ogni giorno  come mostra il suo esempio.
Qualche giorno fa gli e’ stato assegnato il Right Livelihood Awards uno dei piu’ grandi premi ambientali del mondo.

Ci sono due miliardi di ettari di terreni degrati al mondo; riforestarli non sarebbe una cattiva idea.

Ma il questo ultimo giorno del 2018,  il mio messaggio e’: non occorre andare in Niger e dedicare 30 anni della propria vita a far nascere foreste.

Possiamo tutti far qualcosa per il pianeta, ogni santo giorno, con dedizione ed amore.

Al signor Tony Rinaudo, grazie. 

POSTED BY MARIA RITA AT 8:33 AMNO COMMENTS: 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.