Nuova Zelanda: il cibo e’ nudo – niente imballaggi o 100% compostabili

dal blog https://dorsogna.blogspot.com/

In inglese  e’ Food in the nude e succede in Nuova Zelanda dove un gruppo di supermercato ha deciso di eliminare gli imballaggi di plastica in toto da frutta e verdura.

Il gruppo Foodstuffs, che controlla tre catene diverse di supermercati alimentari ha firmato la New Zealand Plastic Packaging Declaration con cui si vuole eliminare il packaging oppure, ove necessario, usarlo al 100% compostabile o reciclabile entro il 2025.  
 Foodstuffs da sola controlla il 53% del mercato alimentare della Nuova Zelanda il che vuol dire che la sua decisione avra’ un grande impatto.  
In seguito all’iniziativa la sorpresa: le vendite di verdure sono aumentate…  del 300%!
Mi pare che questo solo numero la dice tutta: alla gente piace il contatto con la natura, anche nel supermercato per quanto limitato. Una cosa e’ toccare e vedere una melanzana, ed un altra vederla sottovuoto in una vaschetta di polistirolo. 
Secondo gli addetti al settore e’ la piu’ grande risposta positiva a qualsiasi iniziativa mai presa dai supermercati neozelandesi in 30 anni. 
Il tutto fa parte dell’iniziativa di combattere lo spreco di plastica. Come nazione la Nuova Zelanda ha deciso di abbandonare la plastica usa e getta.  Le buste di plastica non sono piu distribuite e saranno illegali a partire dal 1 Luglio 2019. 
L’idea del Nude Food, strano a dirsi eh? viene dagli USA. Il promotore neozelandese dell’iniziativa, Nigel Bond, venne qui e visito’ un Whole Foods, una catena di supermercati che cerca di vendere il piu’ possibile merce organica e senza imballaggi.  C’e’ pure un sistema di inumidamento che ogni tanto manda una pioggerella sulla verdura per manternerla fresca e cosi il cellophane e la vaschetta non sono necessari, ne amati.
Whole Foods e’ oggi di proprieta’ di Amazon, perche’ a un certo punto le sue finanze non erano piu’ eccellenti e ovviamente il cibo costa un po di piu’. Ma e’ stato grazie a lei se il movimento della frutta e della verdura organica e’ nato e trionfato qui negli USA. In un certo senso Whole Foods e’ stata vittima del suo successo: quando anche i supermercati normali hanno iniziato ad avere settori organici, Whole Foods non e’ piu’ riuscita a tenersi in piedi da sola. 
Ma torniamo a Nigel Bond: quando visito’ un Whole Foods americano decise che la verdura non gli era mai sembrata cosi bella, in bella mostra. E cosi penso’ di adattare l’idea e di migliorarla nel suo paese. 
La pioggerella nei negozi di Bond e’ ottimizzata in modo da arivare a cadenze giuste, e fa si che il cibo mantenga freschezza, colore, vitamina. L’acqua e’ purificata in modo che non ci siano cloro o batteri.
Solo funghi, uva e alcuni tipi di mirtilli sono in scatole biodegradabili o reciclabili.  Si stanno anche sperimentando alternative compostabili per involucri di pesce e vassioetti compostabili.
Ogni passo, e’ un buon passo. 

POSTED BY MARIA RITA AT 3:01 PM

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.