Una Primavera Araba diversa: l’ Algeria

MAKTUB Blog

mcc43

Fin dalla One Million March dell’1 marzo che ha gremito le piazze di giovani, la richiesta è stata “Libertà e Democrazia”. La quinta candidatura di Abdelaziz Bouteflika alla presidenza ha fatto esplodere un’insofferenza all’immobilismo politico che già trapelava  alle ultime elezioni, quando il Fronte di Liberazione Nazionale (Fln) principale appoggio politico del Presidente, aveva perso 56 seggi rispetto alle precedenti. In poche settimane la protesta popolare, sostanzialmente pacifica, ha ottenuto le dimissioni di Bouteflika dopo venti anni di presidenza.

Gli eventi si sono susseguiti rapidamente. Il 7 marzo il capo dello Stato Maggiore Gaed Salah assicura e/o minaccia che  l’esercito sarà sempre leale custode degli interessi dell’Algeria, ricorda quello accade nei paesi limitrofi e assicura che vigilerà. L’11 marzo Bouteflika ritira la candidatura, annuncia che resterà in carica fino alle elezioni, che vuole avvengano dopo il varo della nuova Costituzione. Il 19 marzo, Festa della Vittoria, promette una…

View original post 468 altre parole

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.