PETRICORE

di Anna de Filpo

Che strane le case,
impallidite in un attimo
che pure stavano di sole, 
arse accaldate,
tendon la faccia a terra, 
colano di pioggia le sparse fontanelle
e l’aria cangia e sale tra le cose 
e le macchine in posa,
in mezzo agli ombrelli veloci 
e chiacchierini,
tra i rami di verde rigogliosi,
l ‘odor del petricore pungente, 
invade come sangue degli Dei, 
come d’Ottobre dai vicoli operosi, 
il mosto birichino!
La terra quasi ristorata solleva 
la sua testa, beve ridente l’ acqua
pe’ fiori nuovi del mattino.
Ecco la veste allegra
che tutti ci ha sorpresi!
Sgrassa la pioggia dovunque,
il petricore intenso fa gioire.
L’ aspettavamo ansiosi, l’ aria rovente asciugava le forze e le cose.

DIRITTI RISERVATI, Anna DE FILPO @ COPYRIGHT. 29/07/2019. PHOTOWEB

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.