40 anni di caduta salariale

Dal blog https://www.ariannaeditrice.it

di Gilberto Trombetta – 03/08/2019

Fonte: Appello al Popolo

Dalla metà degli anni ’70 all’inizio del XXI secolo si è registrata una perdita dei salari pari al 10% del PIL. Una quota trasferita direttamente ai profitti delle classi più ricche. Il dubbio merito è delle tanto invocate e decantate riforme del mercato del lavoro, delle privatizzazioni, del progressivo ritorno della finanziarizzazione dell’economia. Insomma all’applicazione del mantra liberale per eccellenza “meno Stato, più mercato”.
La rivoluzione neoliberale su scala mondiale, i cui effetti da noi sono stati acuiti dall’ingresso nell’Unione Europea e dall’adozione dell’euro (cioè sulla libera circolazione di capitali, merci e lavoro), hanno permesso al 10% più ricco della popolazione mondiale (ma ancora di più all’1%) di vincere la lotta di classe, senza neanche combatterla più. Facendoci anzi credere che si trattasse di un capitolo chiuso della nostra storia.
Solo se lo Stato tornerà ad appropriarsi degli strumenti necessari, cioè della sua sovranità, si potrà tornare ad applicare la Costituzione che, lungi dal nominare mai la lotta all’inflazione, la stabilità dei prezzi, si concentra invece sulla piena occupazione e sulla dignità dei salari. Serve una nuova classe dirigente, politica e imprenditoriale, in grado di scalzare coloro che in questa situazione ci hanno condotti. Arricchendosi sulle spalle dei lavoratori.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.