L'esercito americano "possiede il tempo"? "Armi meteorologiche" come strumento di guerra moderna?

Dal blog https://www.globalresearch.ca/

Del prof. Michel ChossudovskyRicerca globale, 4 dicembre 2019

Pubblicato per la prima volta nel settembre 2017. pertinente per il movimento di protesta in corso e il dibattito sui cambiamenti climatici

“La modifica del clima diventerà parte della sicurezza nazionale e internazionale e potrebbe essere effettuata unilateralmente … Potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e persino essere utilizzata per scopi dissuasivi. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare il tempo nello spazio … e la produzione di tempo artificiale fanno tutti parte di un insieme integrato di tecnologie [militari]. ”(Studio commissionato dall’Aeronautica USA:  Meteo come un Moltiplicatore di forza, proprietario del tempo nel 2025 , agosto 1996) 

**

Le tecniche di modifica ambientale sono state disponibili alle forze armate statunitensi per oltre mezzo secolo.

La questione è stata ampiamente documentata e dovrebbe far parte del dibattito sui cambiamenti climatici.

La Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP 25) si apre a Madrid con delegati provenienti da quasi 200 paesi. L’attenzione si concentra sulle emissioni di gas serra.

Secondo la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 1992, “ogni paese sulla terra è vincolato dal trattato a” evitare pericolosi cambiamenti climatici “e trovare modi per ridurre le emissioni di gas serra a livello globale in modo equo.”: Un consenso ristretto che si concentra su i nefasti impatti delle emissioni di CO2 (da combustibili fossili) sulla temperatura mondiale.

Ciò che è stato casualmente omesso dal dibattito sulla COP è la manipolazione del clima per uso militare.

La questione più ampia delle tecniche di modifica ambientale  (ENMOD) deve essere affrontata e analizzata attentamente. Si deve anche comprendere che gli strumenti di guerra climatica sono parte dell’arsenale statunitense delle armi di distruzione di massa (WMD) e il loro uso proposto dai militari degli Stati Uniti contro i “nemici” costituisce non solo un crimine contro l’umanità, ma per usare un eufemismo un minaccia al pianeta terra.

In questo saggio sto fornendo al lettore citazioni dirette da un documento dell’Aeronautica statunitense del 1996 disponibile pubblicamente sull’uso di tecniche di modifica ambientale che indelebilmente dimostrano che le minacce sono reali e devono essere affrontate.

Va notato che gli Stati Uniti stanno violando una storica Convenzione internazionale del 1977 ratificata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha vietato “l’uso militare o altro ostile di tecniche di modifica ambientale con effetti diffusi, di lunga durata o gravi”. (AP, 18 maggio 1977). Sia gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica erano firmatari della Convenzione.

… .Ogni Stato Parte alla presente Convenzione si impegna a non impegnarsi in militari… uso di tecniche di modifica ambientale che abbiano effetti diffusi, duraturi o gravi come mezzo di distruzione, danno o lesione a qualsiasi altro Stato Parte. ( Convenzione sul divieto di uso militare o di qualsiasi altro uso ostile delle tecniche di modifica ambientale, Nazioni Unite, Ginevra, 18 maggio 1977. Entrata in vigore: 5 ottobre 1978, vedere il testo completo della Convenzione in allegato)

Michel Chossudovsky,  15 settembre 2018, rivisto il 4 dicembre 2019

***

Il matematico americano John von Neumann, in collaborazione con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, iniziò la sua ricerca sulla modifica del clima alla fine degli anni ’40 al culmine della guerra fredda e prevedeva “forme di guerra climatica ancora inimmaginabili”. Durante la guerra del Vietnam, furono utilizzate tecniche di semina delle nuvole, a partire dal 1967 nell’ambito del Progetto Popeye, il cui obiettivo era di prolungare la stagione dei monsoni e bloccare le rotte di rifornimento nemiche lungo il sentiero Ho Chi Minh.

L’esercito americano ha sviluppato capacità avanzate che gli consentono di modificare in modo selettivo i modelli meteorologici. La tecnologia, che fu inizialmente sviluppata negli anni ’90 nell’ambito del Programma di ricerca aurorale attiva ad alta frequenza (HAARP) , era un’appendice dell’Iniziativa di difesa strategica – “Star Wars”. Da un punto di vista militare, HAARP – che è stato ufficialmente abolito nel 2014 – è un’arma di distruzione di massa, che opera dall’atmosfera esterna e in grado di destabilizzare i sistemi agricoli ed ecologici in tutto il mondo.

Ufficialmente, il programma HAARP è stato chiuso nella sua sede in Alaska. Tuttavia, prevale la tecnologia della modificazione meteorologica avvolta nel segreto. I documenti HAARP confermano che la tecnologia era pienamente operativa dalla metà degli anni ’90.

(Per ulteriori dettagli vedi Michel Chossudovsky, The Ultimate Weapon of Mass Destruction: Owning the Weather for Military Use , pubblicato per la prima volta da Global Research nel 2006). 

Va sottolineato che mentre l’esercito americano conferma che la guerra meteorologica è pienamente operativa, non ci sono prove documentate del suo uso militare contro i nemici degli Stati Uniti. L’argomento è un tabù tra gli analisti ambientali. Nessuna indagine approfondita è stata intrapresa per rivelare le dimensioni operative della guerra meteorologica.

L’ironia è che gli impatti delle tecniche ENMOD per uso militare sono stati documentati dalla CBC TV nei primi anni ’90.

Il rapporto della CBC TV ha riconosciuto che la struttura HAARP in Alaska sotto l’egida dell’Aeronautica Militare americana aveva la capacità di innescare tifoni, terremoti, inondazioni e siccità:.

L’energia diretta è una tecnologia così potente che potrebbe essere utilizzata per riscaldare la ionosfera per trasformare il tempo in un’arma di guerra. Immagina di usare un’alluvione per distruggere una città o tornado per decimare un esercito in avvicinamento nel deserto.  I militari hanno dedicato molto tempo alla modifica del clima come concetto per gli ambienti di battaglia. Se un impulso elettromagnetico scoppiasse su una città, praticamente tutte le cose elettroniche in casa sarebbero ammiccanti ed uscivano, e sarebbero state distrutte in modo permanente. “

Rapporto TV CBC

“Il tempo come moltiplicatore di forza: possedere il tempo”

In questo articolo forniremo citazioni chiave da un documento US Air Force statunitense del 1996 che analizza le tecniche di modifica meteorologica per uso militare.

L’obiettivo di base da un punto di vista militare è “Owning the Weather”.

All’epoca in cui questo studio fu commissionato nel 1996, il programma HAARP era già pienamente operativo, come documentato dal documentario CBC.

Lo scopo dichiarato del Rapporto è descritto di seguito:

In questo documento mostriamo che l’applicazione appropriata della modifica del tempo può fornire il dominio dello spazio di battaglia a un livello mai immaginato prima. In futuro, tali operazioni miglioreranno la superiorità aerea e spaziale e forniranno nuove opzioni per la modellatura dello spazio di battaglia e la consapevolezza dello spazio di battaglia lì, aspettando che mettiamo tutto insieme; “nel 2025 possiamo” Possedere il tempo “. (Commissionato dall’Aeronautica USA documento Rapporto finale AF 2025, (documento pubblico) Tecniche di cambiamento climatico, geoingegneria e modifica ambientale (ENMOD)

Modifiche meteorologiche, secondo il documento finale dell’Aeronautica militare americana AF 2025, 

” Offre al combattente di guerra una vasta gamma di possibili opzioni per sconfiggere o costringere un avversario”, le capacità, si dice, si estendono all’innesco di alluvioni, uragani, siccità e terremoti:

‘La modifica del clima diventerà parte della sicurezza nazionale e internazionale e potrebbe essere effettuata unilateralmente … Potrebbe avere applicazioni offensive e difensive e persino essere utilizzata per scopi dissuasivi. La capacità di generare precipitazioni, nebbia e tempeste sulla terra o di modificare il tempo nello spazio … e la produzione di tempo artificiale fanno tutti parte di un insieme integrato di tecnologie [militari]. ” 

Vedi i rapporti completi commissionati dalla US Air Force

 … .Dal potenziamento delle operazioni amichevoli o dell’interruzione di quelle del nemico attraverso la modellazione su piccola scala dei modelli meteorologici naturali per completare il dominio delle comunicazioni globali e il controllo del controsoffitto, la modifica meteorologica offre al combattente di guerra una vasta gamma di possibili opzioni per sconfiggere o forzare un avversario. Alcune delle potenziali capacità che un sistema di modifica meteorologica potrebbe fornire a un comandante in guerra (CINC) sono elencate nella tabella 1.

Fonte: US Air Force

Perché dovremmo voler pasticciare con il tempo? è il sottotitolo del capitolo 2 della relazione

“Secondo il gen. Gordon Sullivan, ex capo di stato maggiore dell’esercito,” Mentre saltiamo la tecnologia nel 21 ° secolo, saremo in grado di vedere il nemico giorno o notte, con qualsiasi tempo, e inseguirlo senza sosta. “Globale, preciso, la capacità di modifica meteorologica in tempo reale, solida e sistematica fornirebbe ai CINC di guerra un potente moltiplicatore di forze per raggiungere obiettivi militari. Poiché il tempo sarà comune a tutti i possibili futuri, una capacità di modifica del tempo sarebbe universalmente applicabile e avrebbe utilità in tutto lo spettro del conflitto. La capacità di influenzare il tempo anche su piccola scala potrebbe cambiarlo da un degradatore di forza a un moltiplicatore di forza. “

Sotto la rubrica:

Che cosa intendiamo per “modifica del tempo”?

Il rapporto afferma:

“Il termine modifica meteorologica può avere connotazioni negative per molte persone, civili e militari. È quindi importante definire la portata da considerare in questo documento in modo che i potenziali critici o sostenitori di ulteriori ricerche abbiano una base comune per la discussione.

In senso lato, la modifica del clima può essere suddivisa in due categorie principali: la soppressione e l’intensificazione dei modelli meteorologici . In casi estremi, potrebbe comportare la creazione di schemi meteorologici completamente nuovi, l’attenuazione o il controllo di forti tempeste o persino l’alterazione del clima globale su vasta scala e / o di lunga durata. Nei casi più lievi e meno controversi può consistere nell’indurre o sopprimere precipitazioni, nuvole o nebbia per brevi periodi su una regione di piccole dimensioni. Altre applicazioni a bassa intensità potrebbero includere l’alterazione e / o l’uso dello spazio vicino come mezzo per migliorare le comunicazioni, interrompere il rilevamento attivo o passivo o altri scopi. “(Enfasi aggiunta)

L’innesco delle tempeste:

“Le tecnologie di modifica del tempo potrebbero coinvolgere tecniche che aumenterebbero il rilascio di calore latente nell’atmosfera, fornire vapore acqueo aggiuntivo per lo sviluppo delle celle nuvolose e fornire ulteriore superficie e riscaldamento atmosferico inferiore per aumentare l’instabilità atmosferica.

Fondamentale per il successo di qualsiasi tentativo di innescare una cella di tempesta sono le condizioni atmosferiche preesistenti a livello locale e regionale. L’atmosfera deve essere già condizionatamente instabile e le dinamiche su larga scala devono supportare lo sviluppo del cloud verticale. Il focus dello sforzo di modifica del tempo sarebbe quello di fornire ulteriori “condizioni” che renderebbero l’atmosfera abbastanza instabile per generare nuvola e infine sviluppare le celle. Il percorso delle celle temporalesche una volta sviluppato o potenziato dipende non solo dalle dinamiche mesoscale della tempesta, ma anche dai modelli di flusso atmosferico e su scala regionale e sinottica (globale) nell’area che attualmente non sono soggetti al controllo umano. ”(Pagina 19)

La CIA è coinvolta nell’ingegneria del clima? 

Il coinvolgimento della CIA nelle tecnologie per i cambiamenti climatici

Nel luglio 2013, le notizie di MSN riferivano che la CIA era coinvolta nell’aiutare a finanziare un progetto della National Academy of Sciences (NAS) incentrato sulla geoingegneria e la manipolazione del clima. Il rapporto non solo ha riconosciuto queste tecnologie, ma ha confermato che l’intelligence americana è stata regolarmente coinvolta nell’affrontare il problema della manipolazione climatica:

“La CIA sta contribuendo a finanziare la ricerca perché il NAS prevede anche di valutare” i problemi di sicurezza nazionale (che potrebbero essere) relativi alle tecnologie di geoingegneria implementate da qualche parte nel mondo “, ha detto Kearney.

In una dichiarazione via e-mail, Christopher White, un portavoce dell’ufficio per gli affari pubblici della CIA, ha dichiarato a MSN: “Su un argomento come il cambiamento climatico, l’agenzia lavora con gli scienziati per comprendere meglio il fenomeno e le sue implicazioni sulla sicurezza nazionale”.

Sebbene la CIA e il NAS siano a stretto contatto su ciò che queste preoccupazioni potrebbero essere, un ricercatore osserva che la geoingegneria ha il potenziale per interrompere deliberatamente il tempo per obiettivi terroristici o militari.

John Pike, direttore di GlobalSecurity.org, una società con sede a Washington specializzata nell’affrontare i problemi di sicurezza emergenti, afferma che le preoccupazioni per il potenziale impatto della geoingegneria non sono così importanti come i potenziali problemi di sicurezza che potrebbero sorgere se gli Stati Uniti non lo facessero non usare la tecnologia.

“La mancata partecipazione alla geoingegneria potrebbe influire sulla stabilità politica di altri paesi e ciò potrebbe causare problemi agli Stati Uniti”, ha affermato.

Il progetto NAS è supportato dalla comunità dell’intelligence statunitense, dalla National Oceanic and Atmospher Administration, dalla National Aeronautics and Space Administration e dal Department of Energy.

” Esempi storici di tecnologie correlate (ad es. Seeding di nuvole e altre modificazioni meteorologiche) per lezioni che potrebbero essere apprese sulle reazioni della società, esaminare quali accordi internazionali esistono che potrebbero essere rilevanti per la sperimentazione sperimentale o il dispiegamento di tecnologie di geoingegneria ed esplorare brevemente potenziali società e considerazioni etiche legate alla geoingegneria. Questo studio intende fornire una base scientifica chiara e attenta che informi le discussioni etiche, legali e politiche relative alla geoingegneria. “

(Vedi http://www8.nationalacademies.org/cp/projectview.aspx?key=49540)

Secondo un rapporto del 2015   nell’Independent (screenshot sopra), citando un noto scienziato americano Alan Robock:

“Un anziano scienziato del clima americano ha parlato della paura che ha provato quando apparentemente i servizi di intelligence statunitensi gli hanno chiesto la possibilità di armare il tempo mentre un importante rapporto sulla geoingegneria verrà pubblicato questa settimana.

Il professor Alan Robock ha dichiarato che tre anni fa, due uomini che affermavano di essere della CIA lo avevano chiamato per chiedere se gli esperti sarebbero stati in grado di dire se le forze ostili avevano iniziato a manipolare il clima degli Stati Uniti, anche se sospettava che lo scopo della chiamata fosse quello di trovare se le forze americane potessero intromettersi con i climi di altri paesi ”.


Ordina direttamente da Global Research Publishers

La globalizzazione della guerra: la “lunga guerra” americana contro l’umanità

Michel Chossudovsky

originale

Il progetto egemonico americano nell’era post 11 settembre è la “globalizzazione della guerra” in base alla quale la macchina militare USA-NATO, accoppiata con operazioni segrete di intelligence, sanzioni economiche e la spinta del “cambio di regime”, viene dispiegata in tutte le principali regioni del mondo. La minaccia della guerra nucleare preventiva viene anche utilizzata per inviare i paesi in via di inoltro.

Questa “lunga guerra contro l’umanità” si svolge al culmine della più grave crisi economica della storia moderna.

È intimamente collegato a un processo di ristrutturazione finanziaria globale, che ha provocato il collasso delle economie nazionali e l’impoverimento di ampi settori della popolazione mondiale.

L’obiettivo finale è la conquista del mondo sotto il mantello dei “diritti umani” e della “democrazia occidentale”.La fonte originale di questo articolo è Global ResearchCopyright © Prof Michel Chossudovsky , Ricerca globale, 2019

2 Comments

  1. Alla tua lecita domanda non ho risposte poiché sono ignorante in materia. Posso solo supporre che il loro controllo è relativo a zone e a situazioni per essere provocati fenomeni, quindi parlare di controllo del tempo mi pare effettivamente azzardato. Queste cose non le fanno a casa loro come le guerre, le sperimentano in giro per il mondo e credo la maggioranza degli americani non conosce neppure il problema

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.