CH Douglas: pioniere della riforma monetaria

Dal blog https://www.globalresearch.ca/

Di Richard C. CookRicerca globale, 24 settembre 2007

CH Douglas (1879-1952), un ingegnere di origini scozzesi, che ha lavorato per diverse società americane e britanniche nei primi anni del XX secolo, è stato il fondatore del moderno movimento di riforma monetaria. Il mio interesse per le date riforma monetaria di scoprire le idee di Douglas attraverso una ristampa di articoli di AR Orage su di loro nella pubblicazione di Orage The New Age risalente al 1920.

Douglas ha sottolineato che l’industria moderna può facilmente produrre abbastanza beni per soddisfare le esigenze di tutti nella società, ma che il motivo per cui sprofondiamo ulteriormente nel debito, mentre allo stesso tempo siamo spinti a produrre sempre di più, è a causa della natura di produzione industriale unita al monopolio della creazione di moneta detenuta dal sistema bancario.

Douglas ha spiegato che per vari motivi legati al processo di produzione nel tempo, c’è sempre un divario in termini monetari tra il valore di ciò che viene prodotto e il potere d’acquisto necessario per consumarlo. Per quanto riguarda i fattori che causano questo divario, Douglas scrisse come segue in un opuscolo del 1932, The Old and the New Economics: “Categoricamente, ci sono almeno le seguenti cinque cause di una carenza del potere d’acquisto rispetto ai prezzi collettivi dei beni in vendita: 1) Profitti monetari raccolti dal pubblico (l’interesse è profitto su un valore immateriale); 2) Risparmio; cioè, semplice astensione dall’acquisto; 3) Investimento di risparmi in nuove opere, che creano un nuovo costo senza nuovo potere d’acquisto; 4) Differenza della velocità del circuito tra la liquidazione dei costi e la creazione del prezzo che si traduce nel fatto che gli addebiti vengono riportati nei prezzi da un precedente ciclo di contabilità dei costi. Praticamente tutte le spese di impianto sono di questa natura e tutti i pagamenti per il materiale introdotto da un precedente ciclo salariale sono della stessa natura; 5) deflazione; vale a dire, vendita di titoli da parte di banche e richiamo di prestiti “.

Tali fattori si applicano pienamente allo stato attuale di ogni economia moderna sviluppata, compresi gli Stati Uniti e il Canada, che utilizza il debito creato dalle banche come metodo per colmare il divario tra produzione, come indicato dal PIL; vale a dire, i prezzi e il potere d’acquisto disponibile per consumarlo, costituito da entrate da stipendi, stipendi e dividendi.

Questo è stato commentato in una comunicazione all’autore di un esperto canadese di credito sociale che ha scritto: “Il sistema attuale tenta di” colmare “questa disparità crescente dalla creazione e dall’emissione di denaro come prestiti bancari per il consumo e / o per il superfluo e produzione di capitale sempre più distruttiva (ad esempio beni di guerra). Il debito emesso in tal modo, infine, non liquida i costi finanziari ma, in maniera inflazionistica, trasferisce semplicemente tali costi finanziari come un onere aggiuntivo da recuperare nei prezzi generati dai futuri cicli di produzione. “(17 maggio 2007)

Douglas ha continuato a proporre che il divario produzione / consumo dovrebbe essere colmato dalla distribuzione di uno stipendio in contanti chiamato un dividendo nazionale, che sarebbe effettivamente la giusta quota di individui nella generosità dell’economia e delle risorse della nazione. Credo che le idee di Douglas si fondano con quelle di una garanzia di reddito di base come misura della libertà economica e della giustizia promossa da molti economisti e sostenitori di oggi.

Si dice che le idee degli anni Trenta del raggiungimento della piena occupazione da parte della spesa pubblica per deficit, una politica che può essere realizzata pienamente solo in un’economia di guerra, erano

inventato per contrastare le idee di Douglas, che sostenevano appieno la democrazia economica e fornivano anche l’elusivo “tempo libero diviso” che tutti sappiamo dovrebbe derivare dalla tecnologia moderna. Invece, questa tecnologia nelle mani del capitalismo finanziario, sostenuta dal potere dello stato di polizia militare imperiale, causa sempre più sprechi alle risorse della terra, vincolando allo stesso tempo la maggioranza delle persone alla schiavitù del debito, alla disoccupazione e alla cattiva salute in costante aumento stressare.

Douglas è stato il primo nei tempi moderni a mostrare come la tecnologia e il know-how economico potrebbero servire piuttosto che distruggere l’umanità, senza ricorrere a una società collettivista totalitaria. Il movimento del credito sociale che Douglas ha fondato rimane una forza potente nel Commonwealth britannico, ma sta iniziando a farsi conoscere solo negli Stati Uniti

Mentre stavo scrivendo la recente serie di articoli sulla riforma monetaria per la ricerca globale e altri siti Web, ho avuto la fortuna di essere contattato dai sostenitori del credito sociale dal Canada e dalla Nuova Zelanda, che mi hanno fornito testi tratti dagli scritti di Douglas e altri. La più breve descrizione breve del Credito Sociale dello stesso Douglas sembrava essere in un discorso tenuto durante le profondità della Grande Depressione in una riunione del 1935 a Oslo, in Norvegia, alla quale partecipò lo stesso Re di Norvegia.

Con tutto il rispetto, Douglas era un britannico istruito ai suoi tempi e, come altri del tempo, sembrava usare il doppio delle parole necessarie per esprimere la propria tesi. Quindi mi sono preso la libertà di condensare il discorso mantenendo le stesse parole di Douglas.

Le idee di Douglas sono pertinenti oggi come quando sono state scritte, con condizioni economiche e sociali che peggiorano negli Stati Uniti e nel resto del mondo come lo erano negli anni ’30, se non peggio – tranne ovviamente per i ricchi che controllano il mondo risorse, denaro, militari, istituzioni educative e media.

Douglas si concentrò principalmente sull’economia del settore privato. A mio avviso, la riforma generale deve coinvolgere anche il settore pubblico, motivo per cui gran parte del programma che ho illustrato nei miei articoli ha a che fare con il finanziamento delle infrastrutture e la politica pubblica. Questo approccio riflette anche la mia esperienza di aver trascorso una vita a lavorare per il governo federale, mentre Douglas era impiegato principalmente da società private.

Le idee di Douglas hanno già cambiato il mondo educando diverse generazioni di persone interessate nel Commonwealth britannico su come possiamo avere un’economia moderna che serve ancora fini democratici. Ora dobbiamo compiere un ulteriore passo avanti nell’attuazione effettiva del suo programma, insieme ad altre riforme.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.