IN SIRIA NON SUCCEDE NIENTE – occupiamoci del virus cinese

Dal blog https://www.maurizioblondet.it/

Maurizio Blondet  30 Gennaio 2020

Per quelli allarmatissimi che il coronavirus verrà dalla Cina, pensate  come può infuriare qui nel campo di AL-HOL, Siria , “zona autonoma” kurda,  dove centinaia di migliaia di donne e  bambini tremano nel vento invernale  e sciaguattano  nel fango gelido.

“C’è una specie di epidemia di raffreddore convulsivo”,  scrive Al Monitor, “ Le piogge torrenziali hanno trasformato l’accampamento in un mare di fanghi marroni. I venti feroci hanno spazzato via più di cento tende. Sacchetti di plastica neri impigliati nel filo spinato che penetra nella falda del campo nella brezza, evocando stranamente la bandiera dei jihadisti”.

Perché questi sono le mogli e i figli dei jihadisti che  abitavano ad Idlib, ed ora sono in fuga via via che l’esercito regolare siriano e i bombardamenti russi li sloggiano.

Read more: https://www.al-monitor.com/pulse/originals/2020/01/syria-refugee-camp-al-hol-islamic-state-winter-kurdish.html#ixzz6CUxvyQw7

Marocchini, russi, turchi, europei costituiscono il 15% di questi profughi,  famiglie di combattenti stranieri. Ora  sono  sotto il controllo della milizia curda  in questo pezzo di terra siriana presso il confine con l’Irak.

La Mezzaluna Rossa curda ha recentemente annunciato che 517 persone, la maggior parte delle quali bambini, sono morte ad al-Hol lo scorso anno, vittime di malnutrizione, ferite di guerra e malattie. Circa 12 di loro sono morti a causa della violenza nel campo. . Le ragazze possono essere uccise per aver rifiutato di coprirsi la testa, i ragazzi per aver perso preghiere quotidiane. “Spesso vediamo bambini con ustioni; è un’altra forma di punizione.

“L’amministratore del campo Muhammad al-Bashir si lamenta della mancanza di supporto internazionale. “Le organizzazioni umanitarie straniere sono molto lente”, ha detto ad Al-Monitor. “È passato un anno dalla caduta di [l’ultima roccaforte dello Stato Islamico] Baghouz, e ci sono ancora 400 famiglie senza tende. Le strade sono piene di fango. Non ci sono bagni Solo servizi igienici  da campo. Le persone devono fare il bagno nelle loro tende. La malattia si sta diffondendo e i bambini muoiono solo per il freddo. Non so perché [la comunità internazionale] ci ignori ”. Dall’inizio dell’anno, 20 bambini sono bruciati a morte dopo che le loro tende avevano preso fuoco dalle bombole di gas usate per cucinare”.

Pensate solo se arriva il coronavirus in questa realtà. E “almeno 17 paesi, tra cui Finlandia, Belgio e Kosovo, hanno già rimpatriato più di 650 bambini. Ma “le azioni di questi paesi rimangono l’eccezione, piuttosto che la norma”, ha dichiarato l’UNICEF .  Perché sì, UNHCR e Unicef vorrebbero rimandarci gli stranieri…

Read more: https://www.al-monitor.com/pulse/originals/2020/01/syria-refugee-camp-al-hol-islamic-state-winter-kurdish.html#ixzz6CV31WPz8

Perché  in questa striscia della Siria – dove truppe turche sostengono i loro guerriglieri, americane presidiano i pozzi siriani di cui si sono impadronite,  le forze russe circolano coi blindati per strade e nel cielo, senza  contare le varie milizie jihadiste – non succede niente.vanessa beeley@VanessaBeeley

#SAA pounds terrorist (HTS) enclaves around Khan Tuman, Aleppo, town is not yet fully liberated. No civilians in these areas, only Western backed terrorists. Victory for #Syria against foreign mercenaries. #Idlib #Aleppo

Video incorporato

486Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter221 utenti ne stanno parlando

A meno  che non si voglia credere  alla Beeley e  al sito russo Avia-pro: che il 29 gennaio spiegava:

“I terroristi siriani hanno iniziato a ritirarsi in fretta dalla prima linea orientale nelle province di Idlib e Aleppo, abbandonando le loro posizioni difensive. La ragione di ciò è stata la più potente offensiva dell’esercito siriano e il bombardamento di aerei russi, durante i quali i terroristi hanno subito enormi perdite – secondo una serie di dati, solo nell’ultimo giorno i militanti hanno perso circa 350-400 persone, per non parlare della perdita di equipaggiamento che semplicemente non consente loro di difendersi.
Подробнее на: http://avia.pro/blog/novosti-sirii-29-yanvarya-2020-goda-terroristy-nachali-bezhat-s-frontov-siriyskie-pvo-otkryli

“La difesa aerea siriana ha aperto il fuoco su drone turco

“I sistemi di difesa aerea siriani situati nell’area di Tel Tamr hanno attaccato un veicolo aereo senza pilota turco. Il tipo di drone non è specificato, tuttavia, l’esercito turco ha dovuto riportare il drone nello spazio aereo turco.
Подробнее на: http://avia.pro/blog/novosti-sirii-29-yanvarya-2020-goda-terroristy-nachali-bezhat-s-frontov-siriyskie-pvo-otkryli

Da come si mettono le cose, ciò non piace affatto a Erdogan che ha i “suoi” guerriglieri da proteggere assistiti dai suoi specialisti. Deve anche aver avuto qualche perdita fra i suoi specialisti. Sicchè, titola  Reuters,

Erdogan  afferma che la Russia non rispetta gli accordi siriani: NTV

” Il presidente turco Tayyip Erdogan ha dichiarato che Ankara sta perdendo la pazienza per l’assalto militare nella regione di Idlib in Siria, aggiungendo che la Russia sta violando gli accordi volti a contrastare il conflitto lì  [..]

La Turchia e la Russia, che sostengono le parti opposte in Siria, hanno concordato di lavorare per ridurre i combattimenti a Idlib e creare una zona smilitarizzata nell’ambito di accordi nel 2017 e nel 2018 noti come gli accordi di Astana e Sochi.

Martedì, le forze governative siriane sono entrate in una città a sud della città di Idlib, con un significativo progresso per il presidente Bashar al-Assad. La Turchia ha dichiarato che si sarebbe vendicata contro qualsiasi attacco ai suoi 12 posti di osservazione intorno a Idlib.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani (quello di Londra), ha riferito che un convoglio militare turco di 30 veicoli, inclusi 12 veicoli corazzati, è entrato in Siria lunedì sera e avrebbe dovuto istituire un nuovo posto di osservazione a sud della città di Saraqeb a Idlib “.

https://www.reuters.com/article/us-syria-security-erdogan-idUSKBN1ZS17B

Ogni momento  può scoppiare un conflitto diretto Siria-Turchia, con la Russia  in mezzo.  Ed USA, come comunica Avia:

L’esercito americano ha nuovamente fermato un convoglio di militari russi nella regione siriana di Tel Tamra.

“Poche ore fa, i giornalisti dell’Associated Press hanno pubblicato fotografie del momento in cui i soldati americani hanno fermato un convoglio di truppe russe vicino alla città di Tel Tamr. L’incidente è stato registrato nell’area dell’incrocio dell’autostrada M4 vicino a Tel Tamra, tuttavia, come osserva il giornalista dell’Associated Press, il convoglio militare russo è semplicemente andato a destinazione su una strada diversa, a seguito della quale è stato evitato qualsiasi conflitto.
Подробнее на: http://avia.pro/news/amerikanskie-voyska-vnov-perehvatili-rossiyskih-voennyh-na-severe-sirii

RT correspondent Wafa Shabrouney received serious injuries while filming a weapons cache left behind by retreating militants in the recently liberated city of Maarat al-Numan, the television channel has reported on its Telegram channel.

Noi ricordiamo padre  Paisios. Ma la TV tace: in Siria non succede nulla. Un po’ come in Francia.    

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.