La deprivazione del senso parlando seriamente d’altro.

Sottotitolo : COME SPAZZARE IL MARE A MANI NUDE

Mi pare che ci siano forme incontrollate emozionali che muovono la politica, quella che decide , rispetto al tema coronavirus, ma anche forme interessate a creare

Emozionali perché in parte non razionali: chiudere scuole ed Università e lasciare aperti palestre, centri commerciali, aeroporti ad es non ha senso.

Sembra un messaggio fatto per dire: guarda che il problema virus è grave ma non ci posso fare nulla se distrae dal mercato!

Ci pensate se i cinesi del partito unico non avessero fatto misure draconiane di isolamento e prevenzione nella loro nazione?

O peggio se l’Italia sarebbe stata l’epicentro del coronavirus ?

L’occidente non ha armi (o non vuole averle)per fermare la globalizzazione ed il virus è la diretta penitenza terrena inclusa nel prezzo.

Le migrazioni provocate, la mercificazione di uomini e prodotti spostati da una parte all’altra del mondo con decisioni che non sono neppure più delle varie politiche nazionali, ma prese dalla finanza che con il suo “muoversi concreto” determina le linee di fondo.

Dal mercato dell’energia, alla chimica, alla sanità, alle nuove tecnologie legano in un incredibile e contraddittorio piano sociale da cui liberarsi non sarà affatto semplice .

Il mantra dei media oggi è la creazione di paura del virus comunque sia nato dall’altra parte del mondo e ormai permeato ovunque, ma che è comunque quasi un opera di distrazione di massa dalla vita quotidiana se non fossero misure pesanti che ti arrivano addosso.

Non si fa nulla per le morti da banali infezioni ospedaliere, per influenze che da sempre ad ondate cicliche annuali colpiscono i soggetti più deboli.

Non si fa nulla per i 4.000 morti / anno in Italia per incidenti dovuti alla mobilità

Non si fa nulla per i morti e le devastazioni(ancora peggio per i significati rispetto ai vivi) dovute al dissesto idrogeologico(frane, alluvioni, terremoti, ecc) ma da decenni.

Non si fa nulla di fatto per una città sotto sequestro del carbone come Taranto che morti e invalidità ne ha registrati a centinaia nel tempo

Non si fa NULLA !

Poi arriva l’email dell’Università e dice tutto chiuso per una settimana per l’ipotesi coronavirus e fanno finta di essere “sul pezzo”

Il tempo di far respirare chi ha deciso che l’Euro è una meraviglia e le nazioni devono stare dentro al MES, le banche che ormai giocano in operazioni gigantesche finanziarie di accorpare altre banche, visto che i soldi in prestito dalla UE sono a tassi negativi e alla gente non vogliono più darli. Quindi nessun progetto di nuova società.

Compreso la proposta di legge ferma e probabilmente sacrificata in scambi politici prima con la Lega ed ora col PD che lascia in pratica la gestione dell’acqua nel suo insieme preda dei soliti noti e della privatizzazione .

Lo stesso per la sanità che è una spesa pari al 70% del PIL nazionale lentamente condotta in stato emergenziale e consegnata a pezzi alla privatizzazione .

Compresi progetti interessanti come quello alla camera sul tema energia in cui ad esempio dovrebbe passare il principio per cui i singoli condomini possono autoprodurre e rivendere l’energia con fonti sostenibili, ma che non ha alle spalle nessun finanziamento di banca pubblica di garanzia (se non incentivi EU o regionali) per cui una buona possibilità diventerà preda di grandi aziende di gestione energia per nuova servitù.

Questo mentre le nostre truppe partecipano a guerre mascherate in varie parti del mondo in difesa della predazione di mercati delle fossili direttamente o per alleanze NATO indotte.

E’ una separazione fisica, sensoriale di percezione per i normali cittadini a leggere l’impatto dei provvedimenti sul corona virus e la sequenza sociale senza risposte da anni.

Chi ha deciso che per il corona virus si ferma il mondo e per tutto il resto quotidiano ci penseremo?

Non lo hanno fatto con il 5 G installato in 120 comuni e cinque grandi città (Milano, Torino, Roma, ecc compresi tutti i loro comuni), nessuna precauzione il mercato lo richiede, il controllo orwelliano pure.

L’abitudine a non avere risposte adegua i comportamenti e la comunicazione si ispira per battere il ferro fin che è caldo depistando fosse anche solo come elemento culturale di copertura al reale

La gente muore per cose banali e non si attua nessun cambiamento, continua però un unico imperativo : continuano a prenderci per il c…. e mascherano la realtà di vita.

Gatti Gianni

Savona 23/02/2020

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.