PAGINE NUDE

Non hanno voce certi silenzi.

Scrutano orbite grandile angolature intridite di lava,

di sogni feriti, di zone cave,

intimiditi rifugi in cui si posa

e riposa anche il parlare, dove restano in croce le mani.

Avremmo tante cose da fare,

colombe stanche dell’ anima da far volare

e restiamo a guardare!

Così lungo lo sguardo,aderisce alle pagine nude,

ai fogli bianchi dell’ animain assoluto silenzio,

occhi che beffano nel buio si accendono,

forse scaldando il mattino

della cazzuola e del cemento.

DIRITTI RISERVATI, Anna DE FILPO @ Coyright. 02/08/2020.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.