Il mare stanotte parlava

Il mare stanotte parlava,complice il vento,

risacca forte,fin dentro la camera da letto,

insonnia amica.

Il mare si veste diversamente in questo canto

del cigno di fine estate.

Da lontano onde con sequenze da frattali

trasformano colori, luci filtrate, ritmi vitali

Le nuvole spazzolano sicurezze,

tempo incerto e spettacolo che muta,

come se Monet si esibisse in un quadro gigante.

Noi, come piccole formiche,

parti di un tutto indecifrabile,

ascoltiamo segnali dove in nessun modo abbiamo ruoli,

se non come osservatori paganti

di questo spettacolo effimero ed evanescente

Gatti Gianni

Savona 30/8/2020

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.