Spiove.

Di Angelica Lubrano

Timidi raggi di sole eccitano canti di uccelli.

Una nebbiolina si è adagiata sui monti.

La terra, esausta, riflette in lucide pozze di pioggia

incauti raggi di sole,

ancora sfibrati da nubi incombenti.

Il borgo s’acquieta,respira un’aria più tersa.

Vapori e pensieri si levano,

s’impigliano in fronde d’ibisco e oleandri

appagati che rendono in perle brillanti,

bottino prezioso e vitale,

le gocce di pioggia di fine stagione.

In questi vapori sospesi t’attendi che

l’aria disveli miracoli attesi:

ma l’ombra s’inoltra leggera

e chiedi se c’era o non c’era risposta,

o se ancora si celi del tutto la verità.

Un ciclo perenne che anela,

vagando per terre e per cieli,

conoscere il senso di un viaggio che il mare concluderà.

La foto che disegna magnificamente la mia poesia è di Alessio Ferraro

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.