Raggiungerai la versione migliore di te stesso quando amerai la vita più di quanto ami le tue paure

Dal blog http://www.://angolodellapsicologia.it

Posted: 15 Dec 2020

Mentre camminava per strada nei dintorni di Arizona City, Vivian Gornick sperimentò “un fatto insolito che fece crollare tutte le sue certezze”, secondo le sue stesse parole. All’età di 60 anni, la famosa giornalista e scrittrice fece una scoperta sconcertante: si rese conto di non essersi mai “compromessa senza limiti nella vita”.

Nel suo libro “The odd woman and the city” racconta che aveva grandi obiettivi e voleva cambiare molte cose di sé, ma era più facile per lei sognare ad occhi aperti, “desiderare che le cose fossero diverse per essere diversa lei stessa”, piuttosto che impegnarsi per cambiare rimboccandosi le maniche.

In fondo, erano le sue paure a trattenerla. Quelle paure ataviche che tutti abbiamo e che, sebbene non sempre riconosciamo, diventano un limite che ci impedisce di essere la persona che potremmo e vorremmo essere.

La Gornik si propose di affrontare seriamente la cosa. Capì che per vivere pienamente aveva bisogno di “amare la vita più di quanto amasse le sue paure”.

Attaccamento alla paura

Per quanto assurdo possa sembrare, non ci leghiamo solo alle cose e alle relazioni che ci fanno sentire bene. Possiamo anche attaccarci a situazioni che ci danneggiano perché contribuiscono a mantenere un equilibrio che, sebbene possa essere precario o addirittura insoddisfacente, è l’unico che conosciamo e ci trasmette sicurezza.

Le paure ci aiutano a rimanere nella nostra zona di comfort. Sono una sorta di guardiani. Ci avvertono che se non gli prestiamo attenzione, andremo avanti a nostro rischio e pericolo. In effetti, molte volte gli scenari che queste paure generano davanti ai nostri occhi sono così terribili che finiamo per convincerci che stiamo meglio sotto la loro ala.

Quindi ci aggrappiamo a quelle paure come se fossero un’ancora di salvezza. Forse ci rendiamo conto che queste paure non ci permettono di andare avanti, ma ci rendiamo anche conto – almeno inconsciamente – che non dovremo correre troppi rischi. In questo modo manteniamo un equilibrio mediocre per gran parte della nostra vita.

Le nostre paure, che all’inizio dovevano assolvere solo una funzione protettiva, si trasformano in colpe e scuse, barriere e scudi dietro cui ci manteniamo “al sicuro dalla vita”, anche se stare al sicuro significa non vivere pienamente.

La paura più paralizzante

Sul cammino per raggiungere la nostra versione migliore, incontriamo una paura che ci paralizza: la paura di non essere all’altezza. Non è la paura di fallire, è quella di provare, ma fermandoci ad un passo dalla meta. Averlo fatto bene, ma non abbastanza. Aver fatto uno sforzo e renderci conto che non siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo desiderato.

Ciò che ci spaventa non è il “fallimento” in sé, ma ciò che quel tentativo fallito dice di noi, il colpo al nostro ego. Per evitare che quella paura si materializzi, molte volte preferiamo evitare il rischio, rimanere nella nostra zona di comfort, dove non cresciamo, ma almeno ci sentiamo al sicuro.

Scegliamo di non scendere a compromessi. Facciamo le cose necessarie, quelle essenziali, ma non ci dedichiamo completamente al raggiungimento dell’obiettivo. In questo modo, se i peggiori presagi si avvereranno, avremo una scusa per proteggere il nostro ego dolorante.

Lasciarti andare per essere la versione migliore di te stesso

L’unico modo per raggiungere la versione migliore di noi stessi e vivere più pienamente è superare le nostre paure. Questo non significa sbarazzarcene completamente ma andare avanti nonostante loro.

Dobbiamo essere consapevoli che molte delle nostre paure più profonde e paralizzanti si sono formate nei nostri primi anni di vita. A quel tempo avevano una funzione protettiva perché eravamo vulnerabili, ma ora probabilmente non hanno più motivo di esserlo.

È possibile che anche altre paure che contribuiscono a creare il nostro mondo non derivino da nostre esperienze dirette, ma siano ereditate dai nostri genitori o altre figure autoritarie. I nostri genitori possono trasmetterci non solo la paura del volo o degli spazi chiusi, ma anche paure molto più limitanti come la paura del fallimento, del non essere all’altezza o del rifiuto sociale.

Superare queste paure è una decisione consapevole che implica scommettere su noi stessi e impegnarci nella crescita personale per darci l’opportunità di arrivare dove possiamo ed essere tutto ciò che possiamo essere. Quindi possiamo “tornare a quel punto nello spirito in cui è accettabile fare lo sforzo”, come direbbe la Gornick.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.