Come oscillano i prezzi dell’acciaio con la pandemia

Dal blog https://www.startmag.it/

di Redazione Start Magazine

L’approfondimento del Wall Street Journal sull’andamento dei prezzi dell’acciaio

I produttori di acciaio si stanno sforzando di tenere il passo con i nuovi ordini dei produttori statunitensi, a distanza di pochi mesi dall’essersi preparati per un lungo e pandemico crollo della domanda di acciaio.

I produttori siderurgici hanno perso circa un terzo della capacità produttiva nazionale di acciaio laminato piatto questa primavera, quando i loro clienti hanno annullato gli ordini e chiuso gli impianti per rallentare la diffusione del nuovo coronavirus. Da quando molte fabbriche hanno riaperto uno o due mesi dopo, la domanda di acciaio per automobili, elettrodomestici e macchinari ha fatto registrare una ripresa, grazie anche all’aumento degli acquisti da parte dei consumatori interni.

Secondo S&P Global Platts, il prezzo di riferimento per le lamiere d’acciaio laminate a caldo è raddoppiato dall’inizio di agosto, raggiungendo un massimo biennale di 900 dollari la tonnellata. Secondo i distributori di acciaio, l’impennata dei prezzi e la ridotta disponibilità di acciaio hanno scatenato il panico degli acquisti da parte di alcuni produttori – riporta il WSJ.

“Ci sono persone che comprano più di quello che serve”, ha detto Bill Hickey, presidente del distributore Lapham-Hickey Steel Corp. vicino a Chicago.

Lo scatto ha sorpreso i dirigenti di un’industria siderurgica che era in crisi da più di un anno prima della pandemia. “Ha colto tutti di sorpresa”, ha detto Todd Leebow, amministratore delegato di Majestic Steel USA, un distributore con sede a Cleveland.

I produttori di acciaio hanno riavviato la maggior parte della produzione durante la primavera, ma gli ordini continuano a superare le forniture. I tempi di evasione degli ordini di lamiere d’acciaio sono saliti a circa 10 settimane da meno di quattro durante l’estate. Secondo i distributori, le attese per l’acciaio rivestito e altre varietà che necessitano di una maggiore lavorazione durano fino a tre mesi.

Anche i prezzi dei rottami di acciaio, del minerale di ferro e di altri fattori produttivi utilizzati per la produzione dell’acciaio sono aumentati ultimamente, in particolare in Cina, dove la produzione di acciaio si è espansa quest’anno per alimentare i progetti infrastrutturali finanziati dal governo. L’aumento del consumo di acciaio in Cina ha inasprito il mercato globale delle esportazioni a cui si rivolgono alcuni acquirenti statunitensi quando i prezzi interni salgono vertiginosamente.

I produttori di acciaio negli Stati Uniti continuano a ristabilire la capacità produttiva. United States Steel Corp.  ha recentemente riavviato l’ultimo altoforno inattivo del suo stabilimento di Gary, Ind., dopo aver previsto che a luglio il forno sarebbe rimasto offline per il resto dell’anno. Il forno, che fonde il minerale di ferro utilizzato per la produzione di acciaio, ha la capacità di aumentare la produzione di acciaio grezzo a Gary Works di circa un milione di tonnellate all’anno. La U.S. Steel ha riavviato quest’estate altri due altiforni a Gary e un forno nel suo stabilimento vicino a Pittsburgh.

La Big River Steel LLC, di cui la scorsa settimana la U.S. Steel ha acquisito la piena proprietà, ha recentemente messo in servizio nella sua acciaieria dell’Arkansas un ulteriore 1,65 milioni di tonnellate di capacità produttiva annuale. ArcelorMittal S.A. e Cleveland-Cliffs Inc.  hanno anche riavviato gli altiforni durante l’estate.

Ma la produzione e l’utilizzo dell’acciaio rimangono inferiori rispetto a un anno fa. Nel complesso, la produzione di acciaio negli Stati Uniti per la settimana terminata il 5 dicembre è diminuita del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo l’American Iron and Steel Institute, un gruppo commerciale. Circa il 71% della capacità produttiva statunitense viene utilizzata, in calo rispetto a quasi l’80% di un anno fa. Alcuni forni rimangono offline o funzionano ben al di sotto della capacità a causa della manutenzione programmata o dell’esposizione all’energia o ad altre industrie in difficoltà.

Uno dei motivi per cui la produzione rimane inferiore rispetto all’anno scorso è stata l’improvvisa e completa perdita di ordini della scorsa primavera da parte di importanti clienti come l’industria automobilistica. I ritiri hanno innescato drastici tagli alla produzione in tutta l’industria siderurgica, che hanno lasciato le scorte di acciaio esaurite.

“L’intera catena di fornitura è appena morta”, ha detto il signor Hickey. Durante le recessioni del passato, i clienti hanno ridotto il consumo di acciaio, ma non hanno completamente smesso di acquistare, ha detto.

Come altri impianti e aziende più in generale, le aziende siderurgiche hanno dovuto fare i conti con un numero crescente di dipendenti infettati dalla Covid-19 o senza lavoro per motivi correlati, lasciando le acciaierie sempre più soggette a interruzioni della produzione. ArcelorMittal, U.S. Steel e altri produttori affermano che l’aumento dell’assenteismo ultimamente non ha influito sulla produzione.

Don Furko, presidente del sindacato dei lavoratori della United Steelworkers presso l’impianto di carbone da coke della U.S. Steel a Clairton, Pa., ha dichiarato che i candidati sono stati intervistati per coprire le posizioni lasciate vacanti in primavera, che ora sono necessarie per una maggiore produzione di coke.

La U.S. Steel sta cercando di limitare la diffusione del virus richiedendo ai dipendenti di indossare maschere sul lavoro e di mantenere la distanza sociale, disinfettando le aree ad alto traffico e limitando i visitatori esterni, ha detto una portavoce.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.