VERSO UNA NUOVA RIFORMA SANITARIA

Dall’associazione Amici del San Paolo di Savona

Cari amici e sostenitori,

proviamo a traguardare il dopo COVID19  e collaborare consapevoli per la ricostruzione.

Il Governo con il PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA (IN ALLEGATO) vara una nuova Riforma sanitaria in  di cui certamente si sentiva la necessità.

L’articolo della Milena  Gabanelli,  che invito a leggere, ne dettaglia, anche per la nostra regione, l’applicazione:http://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/recovery-fund-cambia-sanita-ecco-perche-medici-base-devono-diventare-dipendenti/423fadd2-bbcd-11eb-822f-b2d049d46202-va.shtml .  

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) si cala nel mondo sanitario su un tessuto assai malato, frutto delle  manovre finanziarie e le scelte politiche degli ultimi trent’anni, che hanno indebolito e reso precario il Servizio sanitario nazionale, fra i primi al mondo, disegnato dalla legge di Riforma sanitaria L. 833/78.

La tragica vicenda covid19 ha disvelato alla popolazione le debolezze del servizio ospedaliero e territoriale  e solo la generosità dei lavoratori ha permesso di reggere in parte l’urto del dramma.

L’assenza di una programmazione degli accessi alla facoltà di medicina e del numero di specialisti necessari per coprire il turnower del personale ,unito al decennale blocco degli organici,  ha ormai creato una situazione insostenibile nella gestione degli Ospedali e del territorio.

La carenza di personale sui servizi territoriali e la mancata gestione della sanità con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta  hanno riversato sulle poche forze degli ospedali la lotta contro la pandemia dando una mazzata alle esigue risorse umane che rimanevano     (fenomeno descritto analogo in Inghilterra proprio in questi giorni) impedendo di far fronte alle usuali patologie.

La fotografia della situazione nella nostra provincia è data significativamente  dai media :

A Cairo riapre  il punto di primo intervento ( ppi )a 12 ore senza medici di ps perché non esistono e non esisteranno per anni.

La funzione viene passata al 118 e ai medici di guardia medica fin quando saranno disponibili.

Non riapre la fondamentale day surgery

 Albenga spera nella riapertura del ppi  in presenza  un  pronto soccorso vero  a 10 km di autostrada con uscite immediate.

Anche lì mancano e mancheranno per anni i medici specializzati in ps.

A fatica i due pronto soccorso provinciali coprono i turni per far fronte alle urgenze/emergenze della popolazione residente e turistica.

 Il centro trasfusionale dei due ospedali dal 1* luglio non ha più medici dipendenti  per fare un turno di 24 ore /anno : grosso è l impegno della dirigenza ma con i tapulli  non si può garantire nel tempo un servizio vitale……………….

Idem pediatri e ginecologi : i concorsi vanno deserti per i centri nascita,pediatrie e ginecologie nonchè servizi territoriali.

Idem anestesisti- rianimatori per terapie intensive , blocchi operatori e esami diagnostici che ne richiedono la presenza

Idem neurologi…

Idem chirurghi toracici e spinali

Idem traumatologi -ortopedici

Idem per altre specialita

Le due cardiologie stanno soffrendo per carenza di specialisti e da settembre potrebbe diventare  precario garantire il servizio di emergenza….

E di specialisti non se ne trovano che vogliano venire a lavorare in riviera.

Le cattedre universitarie si tengono i medici specializzati che non sono invogliati a lavorare negli ospedali periferici

Inoltre suppliscono le carenze esistenti in Università’ ed ospedali genovesi

I medici specializzandi dallo scorso anno frequentano non solo San Martino, ma diversi ospedali liguri

Sfortunatamente i numeri sono bassi e consistenti i disagi che debbono affrontare ( treni, autostrade, affitti, ecc )

D’altra parte non possono essere autonomi e in presenza di carenze di personale strutturato non sempre possono essere adeguatamente seguiti.

Non c è’ tempo e il personale  residuo  è’ demotivato stanco.

Le liste d’attesa sono ormai imbarazzanti.

L’ articolo  della Gabanelli, pubblicato sul corriere  del 24 maggio 2021,   disvela le ricadute del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)  sulla Liguria fatte a tavolino.

Sarebbe interessante sapere la ricaduta sulle asl e sui distretti.

Sarebbe interessante sapere dove si pensa di trovare gli specialisti per gli ambulatori per le case di comunità.

Sarebbe interessante capire come si pensa di coprire le zone montane e disagiate con i medici di famiglia (anch’essi merce rara).

Solo dopo aver risposto a questi quesiti  il legislatore regionale dovrebbe riscrivere il piano sociosanitario 2020-2023 decidendo cosa fare degli e negli ospedali , quali strutture lasciare aperte, compresi i finanziamenti per la costruzione di immobili in questo nuovo quadro e con quale personale si pensa di dotarli.

Questa nota informativa tende a raggiungere la consapevolezza delle difficoltà in cui si dibattono  il personale e le amministrazioni  per continuare a dare i servizi essenziali in attesa dell’ applicazione delle nuove norme.

Con i migliori saluti a Voi e alle vostre Famiglie verso la ripresa di una vita normale,

il Presidente

Giampiero Storti

COMITATO AMICI DEL SAN PAOLO

Consiglio direttivo:

Presidente: Giampiero Storti

Vicepresidente: Amnon Cohen

Segretario: Giovanni Battista Siccardi

Consiglieri: Paolo Bellotti, Luca Despini, Guglielmo Marchisio, Angelo Schirru, Gabriella Voersio

Soci fondatori:Giampiero Storti, Giuseppe Ratto, Giovanni Battista Siccardi, Guglielmo Marchisio, Luca Despini

comitato@amicidelsanpaolo.it                       giampiero.storti@gmail.com                http://www.amicidelsanpaolo.it

image

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.