Invalidazione emotiva, quando gli altri minimizzano o ignorano i nostri sentimenti

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 22 Jul 2021

“Non è così grave”, “non dovresti sentirti così” o “è ora di voltare pagina”. Queste sono alcune frasi comuni che hanno lo scopo di alleviare la sofferenza ma in realtà sono invalidanti. Quando le persone importanti per noi non ci capiscono, ma minimizzano o addirittura ignorano i nostri sentimenti, non solo non riceviamo il supporto emotivo di cui abbiamo bisogno, ma possiamo anche sentirci inadeguati e persino dubitare della rilevanza delle nostre emozioni.

Che cos’è l’invalidazione emotiva?

L’invalidazione emotiva è l’atto di respingere, ignorare o rifiutare i pensieri, i sentimenti o i comportamenti di una persona. Trasmette il messaggio che i tuoi sentimenti non contano o sono inappropriati.

L’invalidazione emotiva può manifestarshttps://psychology-spot.com/what-is-empathy/i in modi diversi. Alcune persone la usano intenzionalmente per manipolare gli altri perché subordinano la loro attenzione e il loro affetto alla sottomissione dell’altro. Altri invalidano emotivamente gli altri senza rendersene conto.

Infatti, in molte occasioni l’invalidazione emotiva è il risultato di un tentativo di tirarci su il morale. Frasi come “non preoccuparti”, “è ora che lo superi”, “sicuro che non è stato così grave”, “stai esagerando”, “non vedo alcun problema” o “non devi sentirti così” hanno delle buone intenzioni, ma nel fondo invalidano i sentimenti che l’altra persona sta provando.

Ovviamente, questa non è una buona strategia per calmare l’altro. Piuttosto l’esatto contrario. Uno studio condotto presso l’Università di Harvard ha rivelato che gli studenti disabili dopo aver espresso le proprie emozioni in una situazione stressante si sono sentiti peggio e hanno mostrato una maggiore reattività fisiologica.

Ci sono anche quelli che incolpano l’altro per sentirsi in un certo modo. Frasi come “sei troppo sensibile”, “prendi tutto troppo sul personale” o “gli dai troppa importanza” sono esempi di invalidazione emotiva in cui la persona che cerca comprensione e sostegno viene criticata e respinta.

Naturalmente, l’invalidazione emotiva non è solo verbale. Anche l’indifferenza per il dolore o la preoccupazione dell’altro è un modo per invalidare i suoi sentimenti. Anche non prestare attenzione quando una persona sta parlando di un argomento significativo o sminuirla con gesti o atteggiamenti è un altro modo di invalidare.

Perché le persone invalidano i sentimenti?

L’invalidazione emotiva si verifica spesso quando esprimiamo i nostri sentimenti o parliamo di un’esperienza. La verità è che la maggior parte delle persone invalida perché non è in grado di elaborare le emozioni che l’altro gli sta trasmettendo.

La convalida emotiva implica un certo grado di empatia o risonanza empatica. Implica il sapersi mettere nei panni dell’altro, capirlo e vivere i suoi sentimenti. In molte occasioni, questi sentimenti possono essere troppo opprimenti per la persona o semplicemente sgradevoli, in un modo che li rifiuta e, con esso, invalida la persona che li vive.

Non si può infatti ignorare che viviamo in una società profondamente invalidante dal punto di vista affettivo in cui gli stati affettivi sono addirittura considerati un “impedimento” mentre si venera la ragione. In una società che incoraggia a voltare pagina velocemente, in cui si adora l’edonismo e si cerca di nascondere la sofferenza perché genera troppa angoscia, non sorprende che molte persone non siano in grado di gestire le proprie emozioni negative e non siano in grado di fornire convalida emotiva.

In altri casi, l’invalidazione deriva dal fatto che la persona è troppo preoccupata dei suoi problemi per uscire dalla sua prospettiva e mettersi nei panni dell’altro. Può essere che questa persona stia davvero attraversando un momento difficile ed è così esaurita da non poter fornire una convalida emotiva. Oppure possono essere semplicemente persone troppo egocentriche da concentrarsi sulle emozioni dell’altro.

Le conseguenze dell’invalidazione emotiva

• Problemi nella gestione delle emozioni

L’invalidazione emotiva genera spesso confusione, dubbi e sfiducia nei confronti delle nostre emozioni. Se quando esprimiamo ciò che proviamo, una persona vicina e significativa ci dice che non dovremmo sentirlo, possiamo iniziare a diffidare della validità delle nostre esperienze. Tuttavia, mettere in discussione le nostre emozioni non le farà scomparire, ci renderà solo difficile gestirle in modo assertivo.

Infatti, è stato riscontrato che quando l’invalidazione inibisce l’espressione delle emozioni primarie, come la tristezza, spesso porta ad un aumento delle emozioni secondarie come la rabbia e la vergogna. Uno studio condotto presso l’Università di Washington ha rivelato che le persone che hanno già difficoltà a regolare le proprie emozioni tendono a reagire in modo più aggressivo quando non ricevono la convalida emotiva della tristezza.

• Apparizione di disturbi mentali

L’invalidazione emotiva può contribuire a che una persona predisposta possa sviluppare problemi di salute mentale come la depressione o aggravarne i sintomi. Quando l’invalidazione proviene dalla cerchia più vicina ed è uno schema che si ripete nel tempo, quella persona imparerà a reprimere i propri sentimenti, che finiranno per influenzarla. È anche probabile che tu ti senta profondamente solo e incompreso. Infatti, uno studio condotto presso la Wayne State University ha rivelato che l’invalidazione emotiva del partner in modo sistematico può prevedere la comparsa di un quadro depressivo.

La psicologa Marsha M. Linehan ritiene che l’invalidazione emotiva possa essere particolarmente dannosa per le persone emotivamente vulnerabili; cioè, chi è più sensibile reagisce con maggiore intensità e trova più difficile ritrovare la normalità. In questi casi, sentirsi dire che le loro risposte emotive sono errate e inappropriate può innescare una disregolazione emotiva.

In effetti, è stato anche scoperto che le persone che hanno sofferto l’invalidazione emotiva nella loro infanzia hanno maggiori probabilità di soffrire di disturbo borderline di personalità, che è caratterizzato da impulsività, labilità emotiva, sentimenti cronici di vuoto e problemi di gestione delle emozioni. Negli adolescenti, l’invalidazione emotiva è stata collegata a un aumento del rischio di autolesionismo.

Come convalidare le emozioni?

Dobbiamo tenere a mente che le reazioni emotive agli eventi non sono mai corrette o scorrette. Ciò che può essere inappropriato è la loro espressione, ma non il loro aspetto. Pertanto, non c’è motivo di condannare, ignorare o rifiutare le emozioni, qualunque sia la loro valenza.

Per convalidare le emozioni di qualcun altro, dobbiamo prima aprirci alla loro esperienza. Ciò significa essere disposti ad ascoltare attentamente ed essere pienamente presenti. Dobbiamo mettere da parte tutte le distrazioni e cercare di connetterci emotivamente.

Significa anche essere disposti a mettere da parte i nostri problemi in quel momento in modo da provare empatia per la persona che abbiamo di fronte.

Infine, implica l’utilizzo di un linguaggio più affermativo e comprensivo in cui frasi come “avrebbe potuto andare peggio” scompaiono per lasciare il posto a “mi dispiace per quello che ti è successo”, dire “sembra frustrante” invece di “stai esagerando” o “cosa posso fare per aiutarti?” invece di ”devi fartene una ragione”.

La convalida emotiva è un’arte che si apprende. Dobbiamo solo essere pazienti e comprensivi.

Fonti:

Adrian, M. et. Al. (2019) Parental Validation and Invalidation Predict Adolescent Self-Harm. Prof Psychol Res Pr; 49(4): 274–281.

Keng, S. & Sho, C. (2018) Association between childhood invalidation and borderline personality symptoms: self-construal and conformity as moderating factors. Borderline Personality Disorder and Emotion Dysregulation; 5: 19.

Leong, L. E. M., Cano, A. & Johansen, A. B. (2011) Sequential and base rate analysis of emotional validation and invalidation in chronic pain couples: Patient gender matters. The Journal of Pain; 12: 1140 –1148.

Fruzzetti, A. E. & Shenk, C. (2008) Fostering validating responses in families. Social Work in Mental Health; 6: 215–227.

Fruzzetti, A. E., Shenk, C. & Hoffman, P. D. (2005) Family interaction and the development of borderline personality disorder: A transactional model. Development and Psychopathology; 17: 1007–1030.

Linehan, M.M. (1993) Cognitive-behavioral treatment of borderline personality disorder. Nueva York: Guilford Press.

La entrada Invalidazione emotiva, quando gli altri minimizzano o ignorano i nostri sentimenti se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.