Come sviluppare il pensiero critico in 3 passi?

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 02 Aug 2021

Lo sviluppo del pensiero critico non è un processo che avviene in modo del tutto spontaneo, dipende in gran parte dal nostro atteggiamento nei confronti della vita e dal nostro desiderio di cercare risposte al di là delle convenzioni. In effetti, gran parte del nostro pensiero quotidiano non è esattamente critico.

E questo ha senso. Se dovessimo pensare consapevolmente a ogni azione, dal respirare a cosa mangiare a colazione, non avremmo più energie per le cose importanti. Pertanto, il pensiero automatico non è necessariamente una cosa negativa. Al contrario, è necessario alleviare il carico cognitivo.

Il problema inizia quando lasciamo che i processi di pensiero automatici determinino le decisioni importanti. Quando smettiamo di mettere in discussione le cose. Quando assumiamo come verità assolute ciò che dicono gli altri. Quando ci permettiamo di essere limitati da convinzioni radicate. Quando non andiamo oltre le apparenze.

Se non sviluppiamo il pensiero critico, è più facile per le persone manipolarci e avremo maggiori probabilità di cadere in modi di pensare estremi che portano a ciechi fondamentalismi. Senza pensiero critico corriamo anche il rischio di vivere con il pilota automatico, senza mettere in discussione la rilevanza di alcune cose, il che può condannarci all’insoddisfazione perenne. Per evitare queste insidie, ma anche per sfruttare al meglio le nostre potenzialità, è fondamentale sviluppare il pensiero critico.

Sviluppare il pensiero critico per allontanarsi dal conformismo

1. Mettere in discussione tutto ciò che diamo per scontato

Quando siamo bambini, non diamo nulla per scontato. Il mondo è un luogo tutto da scoprire. Con il passare degli anni, le nostre menti si riempiono di preconcetti che altre persone ci hanno trasmesso, dai nostri genitori agli insegnanti o anche i nostri coetanei. Molte volte non mettiamo in discussione queste idee, ma diamo per scontato che siano vere o valide.

Tuttavia, il mondo cambia, quindi idee che avrebbero potuto essere valide qualche decennio fa potrebbero non esserlo più ora. È addirittura probabile che molte di queste idee siano in realtà pregiudizi, stereotipi o esperienze non verificate che non contengono il seme della verità.

Pertanto, per sviluppare il pensiero critico dobbiamo partire da un esame di coscienza che ci permetta di mettere in discussione tutto ciò che abbiamo sempre dato per scontato, dalle nozioni di Patria che ci sono state trasmesse alle idee religiose, senza dimenticare gli stereotipi di genere o di qualsiasi altra natura.

Non possiamo pensare in modo critico se il nostro pensiero è ancora legato a preconcetti che non abbiamo mai messo in discussione. Dobbiamo chiederci da dove vengono queste idee, a chi giovano e se sono valide in questo momento o se ci aiutano a crescere come persone.

Dato che molti di questi preconcetti sono così radicati nelle nostre menti, a volte è difficile analizzarli da una prospettiva oggettiva. In tal caso, possiamo metterli in discussione ricorrendo alle alternative. Possiamo chiederci: cosa accadrebbe se cambiassi idea? E se accadesse l’esatto contrario? Questo tipo di domande ci aiuterà a sviluppare una nuova prospettiva.

2. Ragionare con la logica

Le emozioni possono giocare contro il pensiero critico. Quando un soggetto tocca le nostre fibre più sensibili, è difficile pensare con chiarezza. In effetti, non è insolito per noi lasciarci prendere da discussioni inutili, ricorrendo ad argomenti insignificanti, solo perché non siamo stati in grado di pensare razionalmente.

La logica può allontanarci dalle trappole emotive che si nascondono dietro esperienze, aspettative e desideri per assumere la necessaria distanza psicologica che ci permetta di pensare in modo più autonomo. Possiamo usarla per invertire il nostro processo di pensiero, aprendo nuove possibilità.

Ad esempio, quando ci sembra ovvio che X causi Y, potremmo chiederci, e se Y causasse X? Dobbiamo anche chiederci: questa tesi è supportata da prove? Ho prove sufficienti per permettermi di raggiungere una conclusione solida?

Possiamo applicare il metodo socratico, che consiste nel porci una serie di domande su un tema o un’idea centrale e rispondere alle altre domande che appaiono. La cosa interessante di questo metodo è che ci richiede di sdoppiarci, diventando difensori e allo stesso tempo avversari dell’idea, in modo da riuscire a bandire le emozioni che potrebbero legarci a un punto di vista.

3. Diversificare il pensiero per aprirlo a nuove idee

In una società di opposti, tendiamo a pensare che ci siano idee buone e cattive. Ovviamente la nostra è sempre l’idea “buona”. Arriviamo persino al punto di identificarci con quelle idee, così che sentiamo che le idee diverse sono un attacco alla nostra identità.

A lungo termine, finiamo per sentirci così a nostro agio con quelle idee che costruiamo un muro intorno ad esse in modo che non si insinuino idee diverse. Incontriamo persone che pensano e agiscono come noi. Ed escludiamo tutto ciò che è diverso.

Quella linea di pensiero è la via più diretta verso la rigidità cognitiva. È diametralmente opposta allo sviluppo del pensiero critico, che si nutre proprio di idee nuove e diverse. Avvicinarsi alle idee diametralmente opposte con un atteggiamento aperto ci permetterà di comprenderle meglio e di assorbire ciò che contengono di positivo.

Ciò significa uscire dal paradigma del buono e del cattivo, mettere da parte il pensiero dominante per fare spazio ad altri modi di pensare e vedere il mondo. Bisogna uscire dal paradigma che porta alle “certezze ignoranti”, la convinzione che a tutte le domande ci siano risposte certe e corrette.

Invece, dobbiamo presumere che il pensiero critico ci porti a cambiare idea, quando troviamo argomenti migliori. Ciò implica avere abbastanza umiltà intellettuale per riconoscere quando abbiamo torto e ammettere che gli altri hanno ragione.

La entrada Come sviluppare il pensiero critico in 3 passi? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.