La sensazione di vuoto raccontata in prima persona da chi l’ha vissuta

Dal blog https://angolopsicologia.com/

Posted: 03 Sep 2021

Tradizionalmente si è sempre creduto che la sensazione di vuoto fosse tipica di coloro che soffrono di disturbi mentali come la depressione. Ma la verità è che è una condizione mentale di cui tutti possiamo soffrire e che può diventare cronica se non ci prestiamo attenzione.

Un team di psicologi dello University College di Londra ha deciso di approfondire il senso di vuoto e ha scoperto che è molto più diffuso di quanto socialmente riconosciuto. Forse per paura di essere stigmatizzati o per mancanza di abitudine a parlare dei nostri stati emotivi, la verità è che molte persone portano questa sensazione di vuoto e solitudine da sole.

Pertanto, chiunque può provare sentimenti di vuoto, indipendentemente dalla propria storia di salute mentale. È un’esperienza complessa le cui ramificazioni si estendono a tutte le aree della vita e che può essere pericolosa. Per questo è importante saperla riconoscere per affrontarla in tempo.

“Un vaso senza fondo”

Questi psicologi hanno parlato con più di 400 persone di età compresa tra i 18 e gli 80 anni che si erano sentite vuote ad un certo punto della loro vita, alcune sporadicamente e altre sempre. Queste persone hanno compilato un questionario che indagava quei sentimenti di vuoto. Si tratta quindi, di un’indagine pionieristica che fornisce un approccio in prima persona alla sensazione di vuoto.

Alcuni partecipanti hanno descritto questa sensazione di vuoto come “una specie di vaso senza fondo che non può mai essere riempito” o “una sensazione di alterità e separazione dalla società” che “assorbe tutta la tua vita e l’energia”.

Infatti, una delle caratteristiche distintive della sensazione di vuoto e di solitudine è proprio quella sensazione di vuoto interiore. Quella sensazione di vuoto deriva, in gran parte, dall’anedonia. In altre parole, le persone che si sentono vuote sperimentano una sorta di “anestesia emotiva” che impedisce loro di provare disperazione, ma anche gioia. Quando si guardano dentro, è come se non trovassero nulla.

Questi sentimenti psicologici sono spesso accompagnati da sensazioni fisiche spiacevoli. Ad esempio, le persone descrivevano un dolore, un nodo, una sensazione di vuoto nel corpo e spesso indicavano: “sento come un vuoto nel petto”. Queste percezioni indicano che la sensazione di vuoto ha un impatto a livello fisico.

“Mi sento invisibile”

Il vuoto è tipicamente sperimentato in relazione alla propria relazione con gli altri. In primo luogo, i partecipanti sentivano di non avere nulla da offrire agli altri. Si sentivano incapaci di avere un impatto positivo sulla loro vita e di dare un contributo prezioso alle loro relazioni interpersonali e alla vita comunitaria. Per questo motivo, descrivevano se stessi come “un fastidio” o “un peso per gli altri”.

In secondo luogo, sperimentavano una mancanza di riconoscimento, indicando che la sensazione di vuoto non è qualcosa che cresce dall’interno verso l’esterno, ma può anche essere alimentata dalle circostanze, specialmente quando ci muoviamo in ambienti emotivamente invalidanti.

Una persona ha detto: “mi sento invisibile a chi mi circonda”. Coloro che provavano una sensazione di vuoto dicevano di non essere stati né ascoltati né notati dagli altri, comprese le persone che contavano di più per loro. Si sentivano una “persona scomparsa”, nonostante fossero circondati da persone.

È interessante notare che questa disconnessione con gli altri era anche associata alla sensazione di essere oggettivati ​​e sacrificabili. Molte persone hanno riferito di essere vittime dell’effetto zerbino o di sentirsi lo strumento di qualcun altro, soprattutto di coloro che facevano parte del loro circolo della fiducia. Si sentivano anche soli, disconnessi, isolati ed emotivamente distanti da coloro che li circondavano.

“Tutto quello che faccio è inutile”

Un altro degli stati che accompagna la sensazione di vuoto è la sensazione che tutto manchi di significato e scopo nella vita. La maggior parte dei partecipanti ha riconosciuto di non avere “nulla di valore per cui impegnarsi”, di non poter partecipare ad alcuna attività significativa e di “non desiderare nulla”. Ciò significa che non avevano una direzione nella vita.

Una delle persone intervistate ha spiegato: “senti che tutto ciò che fai è inutile e continui a muoverti. Cerchi solo di riempire il tempo fino alla morte. A volte ti diverti o succede qualcosa di bello che può distrarti per un po’, ma alla fine c’è un vuoto interiore che non va mai via. È come se tu fossi trasparente e qualsiasi cosa positiva come l’amore o la gioia ti passano attraverso senza attaccarsi, e poi è come se non fossero mai stati lì”.

Un’altra persona ha detto: “mi sentivo come se non fossi parte del mondo, non sentivo niente e niente di quello che facevo aveva un impatto sugli eventi o su altre persone, io ‘esistevo’ ma non ero ‘vivo’”.

Le persone che si sentono vuote non trovano significato in ciò che fanno o nella vita stessa. Molti sentono di vivere con il pilota automatico sempre inserito. Svolgono le azioni necessarie alla sopravvivenza o al rispetto delle convenzioni sociali, senza alcun coinvolgimento consapevole ma in modo meccanico. È come se il mondo li avesse lasciati indietro, incapaci di assorbire quella vitalità e il dinamismo.

Questi sentimenti possono essere pericolosi. Infatti, questi psicologi hanno identificato un legame tra i sentimenti di vuoto ricorrenti e le idee o i comportamenti suicidi. Le persone che hanno riferito di sentirsi sempre vuote avevano pensato al suicidio o addirittura avevano tentato di suicidarsi.

La trappola che ci tende il senso di vuoto

La sensazione di vuoto è radicata nell’assenza di emozioni e di uno scopo nella vita. È un sentimento esistenziale, un orientamento di fondo che struttura il modo in cui l’io si rapporta al mondo interpersonale e impersonale. Quella sensazione è un modo di “essere nel mondo”.

Di conseguenza, l’io è percepito come diminuito, vuoto e senza valore, guidato esclusivamente dall’inerzia. Questo crea una trappola potenzialmente mortale poiché, in mancanza di motivazione, la sensazione di vuoto ci priva dell’esperienza della ricerca e dell’impegno. Invece, l’io vuoto ci rinchiude in una sorta di bolla interiore o prigione che ci trattiene e ci impedisce di connetterci con gli altri o di goderci il mondo e la vita.

È interessante notare che la metà dei partecipanti allo studio non aveva mai avuto disturbi psicologici, il che dimostra che la sensazione di vuoto non è unica di chi soffre di depressione o disturbo borderline di personalità, ma può essere vissuta da chiunque. Ecco perché dobbiamo stare attenti ai suoi segnali.

Fonte:

Herron, S. J. & Sani, F. (2021) Understanding the typical presentation of emptiness: a study of lived-experience. Journal of Mental Health; 10.1080.

La entrada La sensazione di vuoto raccontata in prima persona da chi l’ha vissuta se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.