Una storia di notizie “buone” o propaganda della povertà?

Dal blog https://www.popoffquotidiano.it/

di Redazione 12 Ottobre 2021

Le notizie virali di coraggio e carità individuale sottolineano solo quanto sia crudele la nostra società [Kali Holloway]

Un elemento fondamentale del ciclo di notizie “feel-good” – insieme a pezzi su cani da skateboard e amicizie nate da messaggi mal digitati – è la storia della sofferenza umana superata attraverso la comunità, la carità e la vecchia grinta. C’è il quattordicenne che ha trascorso le sue vacanze estive vendendo ghiaccioli fatti in casa per aiutare sua madre a pagare il cibo, l’affitto e una sedia a rotelle motorizzata. Nello Utah, una coppia ha finanziato 20.000 dollari per il loro fattorino di Papa John’s, un pensionato di 89 anni che è tornato a lavorare 30 ore a settimana consegnando pizze perché i suoi assegni mensili di previdenza sociale non lo tagliano.

Prima di chiudere il suo ufficio e andare in pensione, un oncologo dell’Arkansas ha cancellato i debiti medici di circa 200 pazienti malati di cancro, per un totale di quasi 650.000 dollari. E un gruppo di impiegati della FedEx ha raccolto i soldi per comprare una macchina per la loro collega sessantenne, che aveva camminato per 24 miglia andata e ritorno da e per il lavoro ogni giorno perché non poteva permettersi di riparare il suo veicolo rotto.

Queste storie, almeno così come sono scritte, dovrebbero farci sentire tutti al caldo e tranquilli. La loro cieca attenzione all’indomabile spirito umano ci suggerisce che dovremmo essere commossi e ispirati dal senso di comunità, dalla generosità caritatevole e dall’elevazione delle difficoltà che descrivono, il che, naturalmente, non significa criticare la comunità, la carità o l’elevazione. Il problema, come anche una lettura sommaria tra le righe di tale narrazione emozionante rende chiaro, è che queste notizie sono solo mascherate come narrazioni che affermano la vita. In realtà, evidenziano involontariamente la crudeltà casuale, lo sfruttamento, l’ingiustizia e la disfunzione multisistemica che siamo stati socializzati ad accettare in ogni aspetto della nostra vita americana. Solo in una società assuefatta alla straziante disumanità della cultura capitalista potrebbero essere spacciati per commoventi.

La vera storia è lasciata non scritta negli articoli che ritraggono i problemi della società come disgrazie personali. Quando una bambina di 7 anni allestisce un chiosco di limonate per contribuire alle sue operazioni multiple al cervello, perché anche con l’assicurazione uno solo degli interventi costerebbe 10.000 dollari, non si tratta di imprenditoria precoce; è un’accusa a un sistema sanitario che valuta la vita umana in proporzione diretta alla crescita potenziale dei guadagni. Un ex studente che raccoglie 27.000 dollari per un maestro supplente di 77 anni che viveva nella sua auto anche prima che i suoi guadagni fossero decimati dalle chiusure delle scuole per Covid non è un toccante aneddoto di ricongiungimento; è un promemoria di quanto vergognosamente sottopagati siano gli insegnanti della scuola pubblica.

I video virali di singoli poliziotti che ballano o giocano a basket con i bambini neri non sono la prova che la polizia è piena di mele buone; sono esempi di copaganda standard – [copaganda è stata definita come “gli sforzi dei media per adulare gli agenti di polizia e risparmiarli da una copertura scettica, ndt] che anche i poliziotti ammettono di creare e diffondere – intesa a contrastare le cattive PR che il razzismo sistematico pervasivo nella polizia ha giustamente guadagnato. (Vale la pena notare che sia i poliziotti che ballano che quelli che giocano con la palla sono stati in seguito ripresi in video che li documentavano mentre picchiavano uomini neri disarmati).

Nel tentativo di normalizzare l’oppressione schiacciante del capitalismo – la nostra assistenza sanitaria, le politiche del lavoro, il sistema educativo, l’applicazione della legge – e lo stato abissale delle nostre reti di sicurezza sociale, queste storie rivelano gli espedienti inventivi che la gente ha sviluppato per sopravvivere e aiutare la sopravvivenza degli altri. Servono come rappresentazione di quanto male stiano le cose per molti. Molti studi e sondaggi recenti indicano che la maggior parte degli americani vive di stipendio in stipendio; i lavoratori a salario minimo che lavorano 40 ore a settimana possono permettersi un affitto solo nel 7% delle contee statunitensi; e 600.000 persone sono senza casa.

La decisione del Congresso di non estendere i sussidi di disoccupazione pandemici significa che questi numeri aumenteranno sicuramente. Nel frattempo, la moratoria federale sugli sfratti non è più in vigore, e più di 3 milioni di persone che hanno risposto a un sondaggio del Census Bureau questo agosto hanno detto che probabilmente affronteranno uno sfratto nei prossimi due mesi. Un terzo degli americani ha rimandato le procedure mediche perché non può permettersi le cure, e le franchigie dell’assicurazione sanitaria sono aumentate a un ritmo otto volte superiore a quello dei salari negli ultimi 13 anni (eppure le maggiori compagnie di assicurazione sanitaria del paese hanno fatto 11 miliardi di dollari di profitti solo nell’ultimo trimestre).

Gli americani disperati stanno usando GoFundMe (la pubblicità del sito la spaccia come “il posto migliore per raccogliere fondi da parte di individui, gruppi o organizzazioni”) come una controfigura delle nostre reti di sicurezza sociale a brandelli, spingendo il suo amministratore delegato a notare all’inizio di quest’anno che la “piattaforma non è mai stata pensata per essere una fonte di sostegno per i bisogni di base, e non potrà mai essere un sostituto per un robusto soccorso federale Covid-19 che è generoso e mirato per aiutare i milioni di americani che sono in difficoltà”.

Parlando di aiuti federali, i democratici stanno lavorando su una legge che aiuterebbe a rattoppare alcuni dei buchi nelle nostre reti di sicurezza in cui tanti cadono.

Il Build Back Better Act espanderebbe Medicare per includere la copertura della vista e dei denti, renderebbe il community college gratuito per due anni, finanzierebbe fino a 12 settimane di congedo familiare e medico pagato – gli Stati Uniti sono l’unico paese ricco che non lo fornisce già – abbasserebbe i prezzi dei farmaci da prescrizione, e prenderebbe misure critiche per affrontare il cambiamento climatico, tra molte altre disposizioni. La legislazione non curerà tutto ciò che ci affligge, ma inizierà un vigoroso corso di trattamento, pagato aumentando le aliquote fiscali sui ricchi e sui colossi aziendali. I repubblicani, che erano supercool con l’aumento del debito federale di 7,8 trilioni di dollari sotto Donald Trump, sono improvvisamente preoccupati di spendere 3,5 trilioni di dollari in 10 anni per il disegno di legge, e i loro sostenitori conservatori democratici continuano ad essere ostacoli inetti al progresso.

Così come quelli che, nel fare allarmismo sulla legge, suggeriscono che troppa compassione del governo minaccia il “rispetto” che la cultura americana ha per i “talentuosi, laboriosi e di successo”, come N. Gregory Mankiw ha scritto recentemente sul New York Times, ripetendo l’ortodossia individualista del libero mercato usata per giustificare ogni orrore che il capitalismo senza limiti crea.

Dal 1978 gli stipendi degli amministratori delegati sono aumentati del 940 per cento, mentre i guadagni dei lavoratori sono aumentati solo del 12 per cento – nel 2020, le buste paga dei lavoratori sono aumentate solo dell’1,8 per cento, mentre gli amministratori delegati hanno visto crescere le loro quasi del 16 per cento.

Dall’ultimo conteggio, gli Stati Uniti ospitano 724 miliardari e circa 20 milioni di milionari. Come qualsiasi persona intelligente e laboriosa al verde sa, questo non è il risultato dell’eccezionale genialità e diligenza dei ricchi. Nel frattempo, lasciare quella ricchezza non tassata significa che abbiamo meno soldi per finanziare la nostra rete di sicurezza, consegnando il resto di noi a cose come l’assistenza sanitaria incentrata sugli azionisti. Tutto questo va bene, queste storie ci gettano addosso, in un insidioso tentativo di convincerci che stiamo tutti ottenendo quello che ci meritiamo. Basta sedersi e godersi un altro episodio di Undercover Boss.

Non c’è niente di buono nelle storie di gente che vive con quasi niente in un paese che si vanta costantemente di essere il più ricco del mondo, senza ammettere che questa ricchezza è accumulata da pochi. Quei pochi sono quelli che deridono quelle che sono ormai frasi di serie – “tassare i ricchi”, ” de-finanziare la polizia”, “l’assistenza sanitaria è un diritto umano” – che, nonostante la loro semplicità, in realtà vanno al cuore di come potremmo raddrizzare questa nave capitalista che affonda.

E già che ci siamo, diamo un taglio alla propaganda sulla povertà.

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.