06 Feb 2022 Biden vuole la guerra contro la Russia

Dal blog https://www.controinformazione.info/

di Boris Gennadevich Karpov .+

Più passa il tempo, più le cose diventano chiare: a Biden non importa dell’Ucraina, quello che vuole è una guerra contro la Russia. Ma attenzione! Non una guerra degli Stati Uniti contro la Russia, ma una guerra europea contro la Russia in cui gli Stati Uniti avranno un ruolo di fornitore. Il complesso militare-industriale americano sarà così in paradiso per i suoi profitti e gli Stati Uniti non dovranno subire una guerra sul proprio territorio.

Così gli Stati Uniti e la NATO, nella loro risposta alla lettera inviata dal Cremlino che dettaglia i requisiti di sicurezza della Russia, hanno respinto tutte le richieste russe, dichiarando di fatto il loro desiderio di combattere la Russia.

A tal fine, Biden attiva i suoi barboncini. La Polonia, ad esempio, sempre pronta a causare problemi in Europa, ha annunciato che inizierà a consegnare armi all’Ucraina la prossima settimana. La Turchia da parte sua, in quanto membro della NATO, ha inviato in Ucraina diversi droni da osservazione e da combattimento. Sembra anche che la loro qualità lasci un po’ a desiderare poiché i sistemi di difesa elettronica russi rendono tutti questi droni totalmente inutili: vengono messi fuori pericolo non appena decollano. Portata dei sistemi di difesa elettronica russi: 600 km. Un drone inviato da Kiev per spiare il confine bielorusso è stato così mandato a terra non appena una delle sue ali aveva toccato il limite territoriale bielorusso.

L’Estonia ha anche inviato a Kiev “specialisti informatici” per rafforzare la difesa delle reti contro possibili attacchi informatici russi. Quando ricordiamo che gli attacchi dell’anno scorso hanno messo fuori servizio tutte le amministrazioni dell’Estonia per diversi giorni, comprendiamo le qualità dei loro specialisti… E la NATO ovviamente ha riversato tonnellate di armi in Ucraina per diverse settimane.

Di fronte a ciò, il presidente ucraino Zelensky sembra reagire, lui e il suo governo dichiarano quasi ogni giorno che non ci sono prove che la Russia si stia preparando ad attaccare. Questo non va d’accordo con Biden e secondo alcune fonti, gli americani potrebbero lanciare una campagna per diffamare Zelensky dipingendolo come un codardo al fine di incitare le forze estremiste a prendere il potere in Ucraina. E quindi garantire una guerra!

Il presidente Zelensky visita la linea di contatto sul Donbass

Sul terreno, Zelensky accetta ugualmente la partecipazione di truppe straniere a possibili battaglie, rafforza le posizioni militari ai confini ed è chiaro che sta preparando un’offensiva contro il Donbass. Secondo l’intelligence delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, armi pesanti, istruttori stranieri (britannici e americani) e operatori della CIA sono in prima linea.

Diplomaticamente, i carlini di Biden sono agitati. Macron ha chiesto al presidente Putin di incontrarsi… Per cosa? Secondo un alto funzionario “ per riuscire a far parlare di lui la gente in Francia dove è odiato dalla sua gente ”… Sarà a Mosca il 7 febbraio (poi a Kiev l’8) e Vladimir Putin sta senza dubbio tremando! Inoltre, secondo una fonte del governo francese, Macron intende portare BHL (Bernard-Henri Lévy) nel suo bagaglio… Ma solo a Kiev: BHL a quanto pare ha paura di venire in Russia, chissà perché… Sarà interessante vedere se sarà a Kiev insieme a Macron, colui che ha apertamente invocato la guerra contro la Russia!

L’Ungheria, da parte sua, ha annunciato la sua cooperazione e appoggio alla Russia e ha firmato un enorme contratto di fornitura di gas. La Cina si è anche pronunciata per il suo fermo sostegno alla Russia.

Il 14 febbraio, molto probabilmente, il parlamento russo deciderà di “riconoscere” l’indipendenza delle repubbliche di Donetsk e Lugansk. In queste 2 repubbliche, più di un milione di cittadini hanno ricevuto la nazionalità russa ed è perfettamente chiaro che se l’Ucraina attacca, la Russia andrà lì per difendere i suoi cittadini.

Sui media occidentali le previsioni vanno bene e ogni settimana viene annunciata una “imminente invasione” (dell’Ucraina) da parte della Russia. Ma non succede niente. Molto semplicemente, nessuno di questi media “agli ordini” dei governi occidentali osa “prevedere” che la Russia interverrà solo se (o quando…) l’Ucraina attaccherà i suoi cittadini nel Donbass.

E secondo fonti dello stato maggiore russo, ciò avverrà tra il 18 e il 22 febbraio.

Fonte: Boris Karpov

Traduzione: Luciano Lago

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.