Sviluppare il gas nazionale non avrebbe alcun impatto sulle bollette

Dal blog https://www.qualenergia.it/

25 Gennaio 2022 Redazione QualEnergia.it

Le riserve italiane sono limitate e servirebbero alcuni anni per mettere in produzione nuovi giacimenti.

Espandere la produzione nazionale di gas “non avrebbe alcun impatto rilevante nel prezzo di mercato del gas e quindi per le bollette di imprese e consumatori” e, al contrario, “minerebbe la credibilità internazionale dell’Italia sul clima”, soprattutto alla luce degli impegni presi alla Cop26 di Glasgow.

Non poteva essere più netta l’analisi di Ecco, think tank italiano fondato nel 2021 e specializzato in energia e clima.

L’idea di rilanciare l’estrazione di combustibili fossili nel nostro Paese è dichiaratamente nell’arsenale delle misure contro il caro-energia proposte, oltre che da forze politiche come Lega e da Forza Italia, dallo stesso ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani .

Tuttavia, come già sottolineato da diverse associazioni (Italia Solare, Elettricità Futura), la volatilità dei prezzi energetici è superabile solo con una riduzione della nostra dipendenza dal gas e una crescita delle rinnovabili, che hanno i costi di generazione più bassi.

Una prima considerazione di Ecco è che il gas nazionale non costa meno di quello importato, perché il gas è immesso nella stessa rete e scambiato in mercati organizzati come prodotto indistinto, a prescindere che sia stato importato o prodotto localmente, a un prezzo che è influenzato solo dal rapporto tra offerta complessiva e domanda a livello europeo.

In sostanza, se anche l’Italia potenziasse la sua offerta di gas, questa maggiore disponibilità sarebbe irrilevante in confronto alle dinamiche complessive del mercato su scala europea.

Difatti, le intere riserve di gas naturale in Italia ammontano a meno di un anno di consumi (oggi pari a 70 mld mc/anno), pertanto la produzione nazionale non potrebbe aumentare in modo rilevante rispetto ai 5 miliardi di metri cubi/anno attuali.

Il gas nazionale ha minori costi di trasporto, ma i suoi costi di estrazione sono generalmente molto più alti, perché viene estratto da giacimenti più piccoli e marginali rispetto a quelli dei grandi esportatori internazionali.

Tra l’altro, un’eventuale crescita della produzione dei giacimenti italiani non arriverebbe in tempo per mitigare la crisi energetica odierna.

Identificare nuovi giacimenti, svilupparli e mettere in produzione i pozzi richiede anni, evidenzia Ecco, e solo in caso di giacimenti già coltivati possono bastare mesi. Inoltre, i prezzi a termine del gas europeo dovrebbero calare, secondo le previsioni, alla fine dell’inverno 2021-2022, senza però raggiungere i livelli di prima della pandemia (febbraio 2020).

L’analisi poi ricorda le valutazioni della Iea (International energy agency) nel suo scenario net-zero 2050, quando sostiene che per azzerare le emissioni nette di CO2 entro metà secolo bisogna sospendere ogni nuovo investimento in estrazione di petrolio e gas.

Nemmeno dobbiamo aspettarci un aumento dei consumi italiani di gas.

Questi ultimi, spiegano gli esperti di Ecco, sono in calo strutturale dal picco del 2005 (-14% tra 2005 e 2019) e la domanda di gas in Italia e in Europa è attesa in forte diminuzione se gli obiettivi di decarbonizzazione al 2030 e al 2050 saranno raggiunti.

La generazione elettrica italiana, che oggi si basa sul gas per circa metà della produzione interna, prevede in prospettiva un abbandono del gas e un suo utilizzo limitato alle ore in cui la somma di rinnovabili, accumuli e demand response non è sufficiente alla copertura della domanda.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.